Imprese: chiusure in calo in 1* trim, a livelli 2009 (Cerved)

Data : 17/05/2017 @ 12:40
Fonte : MF Dow Jones (Italiano)
Titolo : Sintesi (SII)
Quotazione : 0.1295  -0.0017 (-1.30%) @ 17:26
Quotazione Sintesi Grafico

Imprese: chiusure in calo in 1* trim, a livelli 2009 (Cerved)

Grafico Azioni Sintesi (BIT:SII)
Storico

1 Mese : Da Apr 2017 a Mag 2017

Clicca qui per i Grafici di Sintesi

Nei primi tre mesi del 2017 prosegue il calo delle chiusure aziendali: si rafforza la diminuzione dei fallimenti e delle procedure concorsuali e, dopo tre trimestri negativi, torna a scendere il numero delle società liquidate volontariamente dagli imprenditori. Complessivamente, sono 19mila le imprese che hanno lasciato il mercato fra gennaio e marzo, il 5% in meno rispetto allo stesso periodo del 2016, toccando così il livello più basso dal 2009.

Sono questi, in sintesi, i principali risultati emersi dall'Osservatorio su fallimenti, procedure e chiusure di imprese relativo al primo trimestre 20171, diffusi oggi da Cerved, gruppo leader in Italia nell'analisi del rischio di credito e nella gestione dei crediti deteriorati.

"I segnali dei primi tre mesi del 2017 sono positivi: il calo di fallimenti e altre procedure concorsuali, già in atto da un paio di anni, ha preso vigore, con l'industria che è finalmente tornata ai valori pre-crisi. - commenta Marco Nespolo, amministratore delegato di Cerved - La diminuzione di nuovi default, che secondo le nostre attese proseguirà anche nei prossimi trimestri, è un fattore cruciale per favorire lo smaltimento dello stock di Npl e la ripresa del credito alle Pmi".

Sono 3 mila le imprese che hanno aperto una procedura fallimentare nei primi tre mesi del 2017, una riduzione del 17% rispetto a quanto rilevato nello stesso periodo del 2016; si tratta, quindi, di un rafforzamento del calo in atto dalla fine del 2014, quando i fallimenti avevano toccato il massimo storico. La diminuzione ha coinvolto tutte le diverse tipologie di impresa anche se le riduzioni risultano più marcate fra le società di persone (-27,4%) e fra le società di capitale (-17,6%) rispetto alle imprese organizzate in altre forme giuridiche (-4,3%).

A livello settoriale, il calo è generalizzato ma la tendenza risulta particolarmente marcata nell'industria (-22% rispetto allo stesso periodo del 2016), seguita dalle costruzioni (-18%) e dai servizi (-17%). Su un orizzonte di più lungo periodo, l'industria risulta tornata sui livelli pre-crisi (+7,3% rispetto al 2007), mentre costruzioni e servizi evidenziano ancora un importante gap (rispettivamente del +89% e +78%).

Con una diminuzione del 23%, il Nord Est guida il calo dei fallimenti, che tuttavia ha riguardato anche le altre aree del Paese: i fallimenti diminuiscono del 17% nel Mezzogiorno, del 15% nel Centro e del 14% nel Nord Ovest.

Si conferma, anche nei primi mesi del 2017, la riduzione delle procedure concorsuali diverse dai fallimenti: nel primo trimestre sono state aperte circa 400 procedure, segnando così un -26% rispetto allo stesso periodo del 2016. Sono i concordati preventivi a incidere particolarmente sul calo delle procedure non fallimentari: i dati indicano infatti un crollo del 43% sui primi tre mesi del 2016.

Anche i pre-concordati, la procedura che permette di bloccare le azioni esecutive dei creditori in attesa di presentare un piano di risanamento ed entrare nel concordato preventivo vero e proprio, risultano in forte calo: dalle oltre 1,5 mila domande del primo trimestre 2013 si è passati alle 400 del 2017, il minimo da quando è stato creato lo strumento nel 2012. La riduzione delle procedure non fallimentari ha riguardato tutti i settori dell'economia, con un calo del 28% nelle costruzioni, del 26% nei servizi e del 25% nell'industria. A livello geografico la riduzione è più marcata nel Nord Est (-47%) e nel Centro (-34%), rispetto a Nord Ovest (-7,5%) e Mezzogiorno (-12%).

Dopo gli ultimi trimestri in cui si era interrotto il trend positivo, nei primi tre mesi del 2017 tornano a diminuire le chiusure volontarie di imprese: si stima2 infatti che tra gennaio e marzo siano state liquidate 15mila società in bonis (-1,6% rispetto allo stesso periodo del 2016), con un ritorno ai livelli del 2008. Il miglioramento è attribuibile principalmente alla riduzione delle "vere" società di capitale liquidate (-5,2%), mentre cresce il numero di liquidazioni tra le imprese "dormienti", società registrate ma che di fatto non operano sul mercato (+11,9%).

Il calo delle liquidazioni non ha riguardato tutti i settori: si registra infatti un aumento, anche se moderato, nelle costruzioni (+1,1%), mentre prosegue il calo nell'industria (-1,7%) e nei servizi (-0,8%). A livello geografico si registrano marcate differenze: le chiusure si riducono a ritmi elevati nel Mezzogiorno (-9,3%), a tassi più ridotti nel Centro (-2,3%) e nel Nord Est (-0,1%), mentre tornano ad aumentare nel Nord-Ovest (+6,2%).

fch

francesca.chiarano@mfdowjones.it

 

(END) Dow Jones Newswires

May 17, 2017 06:25 ET (10:25 GMT)

Copyright (c) 2017 MF-Dow Jones News Srl.
La tua Cronologia
BIT
BMPS
Monte Pasc..
BITI
FTSEMIB
FTSE Mib
BIT
UCG
Unicredit
NASDAQ
AAPL
Apple
FX
EURUSD
Euro vs Do..
Le azioni che visualizzerai appariranno in questo riquadro, così potrai facilmente tornare alle quotazioni di tuo interesse.

Registrati ora per creare la tua watchlist personalizzata in tempo reale streaming.

Per accedere al tempo reale push di Borsa è necessario registrarsi.

Accedendo ai servizi offerti da ADVFN, ne si accettano le condizioni generali Termini & Condizioni

P:41 V:it D:20170523 01:07:10