Lista Discussioni

Crea Discussione

Aggiorna

Utenti Filtrati

Utenti Bannati

Notifiche

Mio Profilo

Cerca

Ivs Group (IVS)

- Modificato il 27/5/2017 15:33
GIOLA N° messaggi: 25616 - Iscritto da: 03/9/2014
Grafico Intraday: Ivs GroupGrafico Storico: Ivs Group
Grafico IntradayGrafico Storico

 

Prendiamo un buon caffè?







Lista Commenti
148 Commenti
 ...     8
141 di 148 - 30/4/2017 11:37
GIOLA N° messaggi: 25616 - Iscritto da: 03/9/2014
Banca Imi sceglie la propria Pir Selection, la lista delle società più interessanti alla luce della normativa sui Piani Individuali di Risparmio, e focalizza la sua attenzione su tre titoli: Anima, Ivs e La Doria.



3ur76
142 di 148 - 27/5/2017 15:31
GIOLA N° messaggi: 25616 - Iscritto da: 03/9/2014
IVS Group, i numeri del primo trimestre 2017

IVS Group ha terminato il primo trimestre del 2017 con ricavi per 101,11 milioni di euro, in aumento del 14,8% rispetto ai 88,1 milioni realizzati nello stesso periodo dello scorso anno. Il risultato finale, depurato delle quote di terzi, è stato positivo per 5,21 milioni di euro, risultato che si confronta con i 3,28 milioni dei primi tre mesi del 2016.

L’utile netto rettificato è stato pari a 6 milioni di euro (+32,5%). A fine marzo l’indebitamento netto era salito a 247,73 milioni di euro, dai 225,61 milioni di inizio anno, dopo investimenti tecnici per 15,1 milioni di euro e acquisizioni per 23,3 milioni.

Il management di IVS Group ritiene di continuare un percorso di crescita, seguendo la propria consolidata strategia di acquisizioni.

405il
143 di 148 - 23/6/2017 10:07
borsamania N° messaggi: 577 - Iscritto da: 09/6/2016
Ivs Group ha toccato nuovi record (5 giugno scorso) salendo di recente fino a 14.15 euro. Il titolo si è mostrato abbastanza competitivo e che ha permesso ai prezzi di guadagnare oltre il 55% in 6 mesi. La permanenza al di sopra di 12.43 euro appare necessaria per il prosieguo del trend i cui obiettivi oltre 13.55 euro (in chiusura) sono ipotizzabili in area 14.15 euro in prima battuta e più in alto, nel medio periodo, nei dintorni di quota 15.02 euro. Solo al di sotto di 12.43 (in chiusura) le prospettive rialziste verrebbero messe in discussione favorendo approfondimenti verso il primo target in area 12.0 euro; prestare attenzione nel caso di ulteriori affondi (sotto i 12.0 euro) poichè potrebbero partire ondate di vendite anche vistose. Il titolo in 6 mesi ha guadagnato il 56%, il 69% in 12 mesi, il 45% in 3 anni ed il 35% in 5 (dal 2011 ad oggi +40%).

La prima parte del 2017 è stata caratterizzata da una ripresa dei volumi nel vending, segnatamente nel segmento hot beverages, rispetto ai precedenti anni di crisi (per lo meno in Italia), ripresa che si auspica possa continuare per la restante parte dell’anno, con le consuete eventuali fluttuazioni legate alle condizioni climatiche, soprattutto nel periodo estivo. IVS Group ritiene di continuare un percorso di crescita, seguendo la propria consolidata strategia di acquisizioni, atta ad aumentare costantemente la qualità e la densità territoriale del servizio, abbinate a una graduale crescita dei volumi e dei prezzi a perimetro costante. Il contesto macro economico e competitivo, pur nei limiti della modesta crescita dell’economia italiana, pare supportare favorevolmente tale strategia. L’acquisizione del gruppo Ibervending, effettuata a inizio 2017, rappresenta un passaggio determinante nella storia aziendale, in quanto consentirà di replicare la strategia già efficacemente attuata in Italia, anche sul mercato spagnolo, mercato che al momento risulta più dinamico di quello italiano. In aprile e maggio 2017 sono state finalizzate 2 nuove acquisizioni di piccoli rami aziendali, per un prezzo provvisorio di circa Euro 0,2 milioni. La strategia finanziaria del gruppo, dopo il collocamento del bond con scadenza novembre 2022, insieme alla disponibilità di linee di credito inutilizzate e alla capacità di generare un elevato cash-flow, consente a IVS di guardare ai prossimi periodi ed esercizi con una consapevole capacità di crescere e di generare valore.

Indicatori tecnici:

RSI(14) Ipercomprato
STOCH (9,6) Comprare
STOCHRSI (14) Comprare
MACD(12,26) Comprare
ATR(14) Più volatilità
CCI(14) Comprare
ADX(14) Comprare
ROC Comprare
UO Comprare
Williams R: Comprare.

Medie mobili esponenziali:

il prezzo è collocato al di sotto di Ema20, quest’ultima è superiore a Ema50; entrambe sono superiori alla media mobile di periodo 200 (SMA). Secondo questa teoria NON è in atto l’orientamento più rialzista possibile.

Punti di Pivot:

S3 S2 S1 Punti di Pivot R1 R2 R3
Classico 12,440 12,650 12,930 13,140 13,420 13,630 13,910
Fibonacci 12,650 12,837 12,953 13,140 13,327 13,443 13,630
Bull/Bear Power(13)0,1200Comprare
Dividendi:

Anno Valore
2016 0,240 euro
2015 0,000
2014 0,120
Rating e target price:

Nome Data Rating Target Price
Banca IMI 30/05/2017 Buy 17.10 euro
Equita sim 29/05/2017 Buy 14.30
Equita sim 26/05/2017 Buy 12.40
Banca IMI 20/04/2017 Buy 14.10
Equita sim 27/03/2017 Buy 12.40
Highlights primo trimestre 2017.
Fatturato consolidato pari a Euro 101,1 milioni, in crescita del 14,8% rispetto a marzo 2016. EBITDA Adjusted 1 Euro 23,6 milioni, in aumento del 14,0% rispetto al 31 marzo 2016, con un incidenza sul fatturato pari al 23,4%. Utile netto di Gruppo pari a Euro 5,2 milioni (dopo utili di terzi per 0,4 milioni), rispetto a Euro 3,3 milioni a marzo 2016, +58,6%. Utile netto rettificato, pari a Euro 6,0 milioni (dopo gli utili di terzi), da Euro 6,9 milioni a marzo 2016, a causa della riduzione dei benefici fiscali derivanti dalle norme sull’ACE (“Aiuto alla Crescita Economica”), recentemente modificata dalla manovra fiscale del governo italiano. Posizione finanziaria netta: Euro -247,7 milioni, da Euro -225,6 milioni al 31 dicembre 2016, dopo pagamenti relativi a investimenti tecnici e acquisizioni nei primi tre mesi per complessivi Euro 38,4 milioni. Perfezionate nel trimestre 4 nuove acquisizioni in Italia e Spagna, per un valore di Euro 32,2 milioni. In particolare, con l’acquisizione di Grup Ibervending, IVS è diventato il terzo operatore del settore vending in Spagna.
IVS (International Vending Services) Group è uno dei principali operatori italiani nel settore del foodservice e in particolare nel mercato dei distributori automatici (DA), di bevande e snack, dove é leader in Italia – con una quota di mercato stimata del 12% circa nella distribuzione automatica e inferiore al 10% includendo le macchine semi automatiche (OCS) e il canale delle vendite tramite internet – e terzo in Europa.
La società, fondata nel 1972 da Cesare Cerea (presidente) e Pietro Gualdi con il nome Bergamo Distributori, può essere considerata il pioniere del settore vending in Italia. Dopo un’esperienza di lavoro presso un importante produttore di DA, Cesare Cerea intuì le potenzialità del nuovo business nei servizi per il vending, installando e gestendo la prima macchina per la distribuzione automatica nel 1971. Da lì iniziò una storia imprenditoriale di successo e crescita che continua tuttora. L’odierna configurazione del gruppo risale al 2006, anno in cui si fusero diverse società rivenienti da un processo di acquisizioni che ha consentito a IVS di diventare leader in Italia e operatore di standing europeo.
144 di 148 - 21/1/2018 09:45
GIOLA N° messaggi: 25616 - Iscritto da: 03/9/2014
Quotando: giola - Post #142 - 27/Mag/2017 13:31IVS Group, i numeri del primo trimestre 2017

IVS Group ha terminato il primo trimestre del 2017 con ricavi per 101,11 milioni di euro, in aumento del 14,8% rispetto ai 88,1 milioni realizzati nello stesso periodo dello scorso anno. Il risultato finale, depurato delle quote di terzi, è stato positivo per 5,21 milioni di euro, risultato che si confronta con i 3,28 milioni dei primi tre mesi del 2016.

L’utile netto rettificato è stato pari a 6 milioni di euro (+32,5%). A fine marzo l’indebitamento netto era salito a 247,73 milioni di euro, dai 225,61 milioni di inizio anno, dopo investimenti tecnici per 15,1 milioni di euro e acquisizioni per 23,3 milioni.

Il management di IVS Group ritiene di continuare un percorso di crescita, seguendo la propria consolidata strategia di acquisizioni.

405il



6efqg
145 di 148 - 26/12/2018 10:22
GIOLA N° messaggi: 25616 - Iscritto da: 03/9/2014
IVS GROUP – ACQUISISCE RAMO D’AZIENDA DI ROMA DISTRIBUZIONE 2003

Ivs Group ha siglato, attraverso la controllata Ivs Italia, un accordo per
l’acquisizione del ramo d’azienda della società Roma Distribuzione 2003, attiva nel settore del vending in Lazio ed attualmente controllata dal gruppo Supermatic. Il business acquisito realizza un fatturato annuale di circa 4 milioni e l’Enterprice Value è stato provvisoriamente fissato in circa 4,9 milioni. L’operazione rientra nella consolidata strategia di crescita del gruppo finalizzata ad accrescere la densità logistica, l’efficienza e la qualità di servizio sui mercati serviti.

https://www.borsaitaliana.it/borsa/notizie/market-insight/dettaglio/373549.html
146 di 148 - 26/12/2018 10:23
GIOLA N° messaggi: 25616 - Iscritto da: 03/9/2014
Parmalat esce dal FTSE Italia Mid Cap. Entra IVS Group

A seguito del ricevimento di un aggiornamento sugli azionisti rilevanti di Parmalat, il cui flottante non soddisfa il requisito minimo del 5%, l'11 novembre il titolo della società alimentare sarà escluso dall'indice FTSE Italia Mid Cap, il listino che raggruppa le società a media capitalizzazione.

Parmalat sarà sostituita da IVS Group.

9m8wx
147 di 148 - 30/12/2018 14:33
leo115 N° messaggi: 2448 - Iscritto da: 23/10/2014
20,6 sicurosicuro
148 di 148 - 05/9/2019 15:00
GIOLA N° messaggi: 25616 - Iscritto da: 03/9/2014
Equita, la tassa sulle merendine peserà su Ivs

Focus della sim sul titolo della società attiva nella gestione dei distributori automatici dopo l'idea del neo ministro dell'istruzione, Fioramonti, di applicare una micro-imposta sugli snack per finanziare il comparto scuola e università. Confermato comunque il rating buy con un target price a 13 euro. Intanto il Consiglio di Stato ha ordinato all'Antitrust di ricalcolare la multa del 2016

Il titolo Ivs sale dell'1,07% a quota 9,44 euro, nonostante le dichiarazioni del neo ministro dell'Istruzione, Lorenzo Fioramonti (M5S), secondo cui per finanziare università e scuola sono necessari, rispettivamente 1 e 2 miliardi aggiuntivi e questi importi, per iniziare, si possono trovare con micro tasse sui grandi volumi delle bibite gassate e zuccherate, delle merendine da gettone, oltre che sui biglietti aerei. "Abbiamo calcolato che solo da questi interventi si possono ricavare 2,5 miliardi", ha spiegato il grillino.

"Notizia negativa se fosse confermata perché è ragionevole pensare a un impatto sui consumi finali dopo il ribaltamento della tassa sui clienti", afferma Equita che comunque conferma il giudizio buy con prezzo obiettivo di 13 euro, in attesa anche dei conti del primo semestre che l'azienda attiva nella gestione dei distributori automatici di snack e bevande pubblicherà stasera a mercati chiusi.

PUBBLICITÀ

inRead invented by Teads
La sim stima che nel 2014 il forte aumento dell'Iva, con conseguente aumento del prezzo medio di vendita dell'8% circa da parte della società sul fatturato in Italia, ebbe un impatto attorno al 5% sui volumi. "Difficile fare una revisione del fatturato potenzialmente impattato in questa circostanza: potrebbe riguardare una buona parte del fatturato vending Italia, senza considerare l'acqua e le bevande calde, che vale per Ivs circa il 22% delle vendite di gruppo", aggiungono gli analisti di Equita .

Ieri inoltre, ricorda la sim, "il consiglio di Stato ha accolto il ricorso del gruppo limitatamente alle modalità di calcolo della sanzione Antitrust comminata nel 2016, pari a 31,9 milioni, interamente pagata, statuendo che l'autorità garante della concorrenza ha applicato senza adeguata motivazione la cosiddetta entry fee e la circostanza aggravante di capofila del cartello. Il Consiglio di Stato, che per il resto ha rigettato l'appello e compensato le spese del grado di giudizio, ha ordinato all'Antitrust di rideterminare di conseguenza la sanzione inflitta a Ivs ".

E ora l'azienda sta valutando se ricorrano le condizioni per ulteriori contestazioni delle conclusioni, che a suo avviso restano parzialmente erronee, cui è pervenuta la sentenza del Consiglio di Stato. Questa "notizia è leggermente positiva anche se è difficile stimare il potenziale rimborso, ipotizziamo tra i 2 e i 5 milioni, pari a circa l'1% della capitalizzazione di mercato", conclude Equita.

c16xn
https://www.milanofinanza.it/news/equita-la-tassa-sulle-merendine-pesera-su-ivs-201909051016246406
148 Commenti
 ...     8
Titoli Discussi
BIT:IVS 9.26 0.0%
Ivs Group
Ivs Group
Ivs Group
Indici Internazionali
Australia 1.2%
Brazil 0.6%
Canada -0.3%
France 0.0%
Germany -0.7%
Greece -0.9%
Holland 0.1%
Italy -0.2%
Portugal 0.1%
US (DowJones) -0.2%
US (NASDAQ) -0.1%
United Kingdom -0.7%
Rialzo (%)
BIT:ASR 0.64 16.5%
BIT:CDG 0.56 14.3%
BIT:VE 0.56 11.0%
BIT:INC 0.10 8.4%
BIT:SFER 18.92 7.4%
BIT:MONC 41.36 6.5%
BIT:AEF 1.98 6.4%
BIT:PRO 0.22 6.4%
BIT:MSU 1.28 5.3%
BIT:TOD 41.78 5.3%
La tua Cronologia
BIT
IVS
Ivs
Registrati ora per visualizzare questi strumenti nella tua watchlist streaming.

Il Monitor ADVFN ti permette di visualizzare fino a 110 titoli ed è completamente gratuito.

Accedendo ai servizi offerti da ADVFN, ne si accettano le condizioni generali Termini & Condizioni

P: V: D:20191205 17:02:55