Chiusura poco mossa per l'azionario (Ftse Mib -0,12%) in un clima di attesa per le decisioni della Fed.

Le Borse finora hanno vissuto una settimana all'insegna dei guadagni, in recupero dopo i tonfi della scorsa ottava legati alle turbolenze nel settore bancario con i casi di Svb, Signature Bank, First Republic Bank e in Europa il Credit Suisse.

Proprio tali turbolenze hanno portato il mercato a cambiare le proprie attese sulle prossime mosse della Fed, che oggi alle 19h00 renderá note le sue decisioni di politica monetaria.

Se fino a qualche settimana fa l'ipotesi a cui il mercato attribuiva maggiori chance era quella di un rialzo dei tassi da 50 punti base, ora lo scenario a cui gli operatori assegnano piú elevata probabilitá è quello di un aumento da 25 pb. Non è esclusa neppure una pausa da parte della Fed.

Sul fronte macro da segnalare che nella settimana al 17 marzo l'indice che misura il volume delle richieste di mutui negli Stati Uniti si è attestato a 221 punti, in aumento del 3% rispetto ai 214,5 della settimana precedente.

A Piazza Affari in rosso le banche: Banco Bpm -2,66%, Bper -1,43%, Mediobanca -0,65%, Intesa Sanpaolo -0,51%, B.Mps -0,74%, Unicredit -1,26%.

Bene invece Amplifon (+1,45%), Campari (+1,24%), Leonardo (+1,71%) e Iveco (+3,98%). In ascesa anche Finecobank (+0,83%) dopo che Deutsche Bank ha alzato il rating a buy da hold.

Nel resto del listino rally a doppia cifra per Gvs (+13,66%). E' piaciuta al mercato la guidance 2023, che vede per il gruppo attivo nella fornitura di soluzioni filtranti per applicazioni nei settori Healthcare & Life Sciences, Energy & Mobility e Health & Safety ricavi ed Ebitda in crescita.

fus

 

(END) Dow Jones Newswires

March 22, 2023 12:43 ET (16:43 GMT)

Copyright (c) 2023 MF-Dow Jones News Srl.
Grafico Azioni Amplifon (BIT:AMP)
Storico
Da Giu 2024 a Lug 2024 Clicca qui per i Grafici di Amplifon
Grafico Azioni Amplifon (BIT:AMP)
Storico
Da Lug 2023 a Lug 2024 Clicca qui per i Grafici di Amplifon