Inizio di settimana debole per il listino milanese che, dopo un avvio sopra la parità, ha rallentato con l'apertura di Wall Street, chiudendo con un -0,64% a 26.551 punti, in linea con le principali piazze europee.

Sul sentiment del mercato ha prevalso infatti una certa cautela in vista di una settimana intensa di decisioni delle banche centrali nelle principali economie mondiali: Federal Reserve, Banca Centrale Europea, Bank of England e Bank of Japan.

Wall Street intanto prosegue la seduta in calo con il Dow Jones che cede lo 0,79%.

A piazza Affari in rialzo Recordati (+1,46%). Bene B.Generali (+0,59%) in scia ai commenti positivi degli analisti dopo i dati della raccolta netta di novembre.

Focus poi sul comparto oil e oil service: Tenaris -0,9%, Saipem -1,18%, Eni -1,52%. "L'impatto della variante Omicron del Covid-19 sui mercati petroliferi globali non sará così sismico come inizialmente temuto, perchè i Governi e le imprese sono ora piú pronti ad affrontare il coronavirus", ha affermato l'Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio.

Nel suo rapporto mensile, l'Opec ha lasciato invariate la domanda globale di petrolio e le previsioni per il 2021 e il 2022, rispettivamente a 5,7 e 4,2 milioni di barili al giorno. Tuttavia, il cartello ha affermato che parte della ripresa dei consumi prevista negli ultimi mesi di quest'anno si sposterá all'inizio del 2022, a causa dell'emergere della variante Omicron.

Deboli poi le banche tra cui B.P.Sondrio (-1,02%), B.Carige (-0,39%), Mediobanca (-1,22%), Intesa Sanpaolo (-0,47%) e Bper (-0,4%). Da segnalare B.Mps (+0,62%): "l'aggiornamento del piano industriale dovrebbe essere sottoposto all'azionista", cioè il Mef, "a breve. Non siamo in condizioni di prevedere la tempistica ma a breve mostreremo l'esito del lavoro", ha affermato il ceo di B.Mps, Guido Bastianini, intervenendo al Consiglio Nazionale della Fabi.

Da notare anche Unicredit (-0,65%); "per Unicredit l'M&A non è un prioritá: la prioritá è portare a casa il piano, perchè se ci riusciamo trasformiamo Unicredit in una banca eccezionale", ha affermato il ceo della banca, Andrea Orcel.

Nel resto del listino occhi puntati su MfE nel giorno del dual listing delle azioni. In particolare, le azioni MFE sono convertite in azioni B (10 diritti di voto) con l'assegnazione gratuita di azioni A (1 diritto di voto) con un rapporto 1:1. Le azioni MfE classe A hanno segnato un prezzo di 1,098 euro, mentre quelle di classe B invece hanno registrato un prezzo di 1,28 euro.

Sotto i riflettori infine Piovan (+29,41%) dopo che la societá con IPEG ha firmato un accordo che prevede l'acquisto da parte dell'azienda italiana del 100% del capitale di Sewickley Capital, Inc., a sua volta proprietario del 100% di IPEG.

cm

 

(END) Dow Jones Newswires

December 13, 2021 11:54 ET (16:54 GMT)

Copyright (c) 2021 MF-Dow Jones News Srl.
Grafico Azioni Piovan (BIT:PVN)
Storico
Da Giu 2022 a Lug 2022 Clicca qui per i Grafici di Piovan
Grafico Azioni Piovan (BIT:PVN)
Storico
Da Lug 2021 a Lug 2022 Clicca qui per i Grafici di Piovan