L'Antitrust ha rigettato gli impegni proposti da Poste I. sui buoni fruttiferi prescritti tra il 2020 e il 2021 per un ammontare di circa 404 mln di euro e le ha inflitto sanzioni per 1,4 mln. E' quanto emerge dal bollettino settimanale di ieri dell'Authority dal quale emerge che nell'adunanza del 14 giugno scorso aveva rigettato gli impegni del gruppo poichè "relativi a condotte che, ove accertate, potrebbero integrare fattispecie di pratiche commerciali manifestamente scorrette e gravi".

Il procedimento, ricorda l'Agcm, riguarda i comportamenti posti in essere dal Gruppo guidato dall'ad, Matteo Del Fante, in relazione alle

informative sui termini di scadenza e di prescrizione che caratterizzano i buoni fruttiferi postali rappresentati da documento cartaceo e consistenti nel non aver fornito ai consumatori, in fase di collocamento dei Buoni, tali informazioni e/o nell'aver formulato le stesse in modo ambiguo e decettivo; nonché nel non aver implementato azioni finalizzate ad avvertire i titolari di Buoni prossimi alla prescrizione della perdita del capitale investito e degli interessi maturati in caso di mancata richiesta di rimborso del Buono entro il termine di prescrizione.

In particolare, l'Autorità contesta a Poste di aver omesso di indicare, in fase di collocamento dei Buoni, la data di scadenza e/o la data

di prescrizione dei titoli, nonché di fornire le informazioni relative alle conseguenze giuridiche derivanti dallo spirare dei termini, e/o ha fornito tali informazioni con una formulazione confusoria e decettiva. Secondo l'Antitrust ciò "costituisce una pratica commerciale scorretta" per la quale è stata irrogata una sanzione amministrativa pecuniaria di 560.000 euro.

Inoltre, si legge ancora, con riferimento ai Buoni caduti in prescrizione nell'ultimo quinquennio, Poste ha omesso di informare i consumatori, titolari di Buoni prossimi alla scadenza del termine di prescrizione, dello scadere di tale termine e delle conseguenze giuridiche derivanti in caso di mancata richiesta di rimborso del titolo entro tale termine; sebbene - avendo ricevuto un numero elevato di reclami da parte della propria clientela - Poste fosse a conoscenza della numerosità di consumatori che, ignari delle condizioni di disciplina dei titoli in parola, incorrono nella predetta prescrizione e nel

conseguente mancato rimborso dei propri Buoni. Anche questa per l'Antitrust "costituisce una pratica commerciale scorretta" per la quale è stata irrogata una sanzione amministrativa pecuniaria di 840.000 euro.

Il procedimento Antitrust era stato avviato su segnalazione di Adiconsum - Sardegna, Codacons - Trani, Codacons - Lombardia, Osservatorio Europeo Consumo e Risparmio.

gug

guglielmo.valia@mfdowjones.it

 

(END) Dow Jones Newswires

November 08, 2022 05:00 ET (10:00 GMT)

Copyright (c) 2022 MF-Dow Jones News Srl.
Grafico Azioni Poste Italiane S.p.a (BIT:PST)
Storico
Da Gen 2023 a Feb 2023 Clicca qui per i Grafici di Poste Italiane S.p.a
Grafico Azioni Poste Italiane S.p.a (BIT:PST)
Storico
Da Feb 2022 a Feb 2023 Clicca qui per i Grafici di Poste Italiane S.p.a