Piazza Affari si muove in calo in mattinata, -0,89%, in una giornata condizionata dagli stacchi cedole di alcune blue chip del listino.

Sul fronte macro, invece, scarna l'agenda odierna. Da segnalare solamente i prezzi alla produzione in Germania che, nel mese di ottobre, sono calati del 4,3% su base mensile e saliti del 34,5% a livello annuale Il dato è inferiore alla previsione degli economisti di Intesa Sanpaolo che si aspettavano un incremento dello 0,9% m/m e del 41,5% a/a.

Le big del listino che staccano la cedola sono: B.Mediolanum -2,87%, Eni -2,58%, Intesa Sanpaolo -2,48%, Mediobanca -7,75%, Poste I. -2,12%, Recordati -1,37%, Tenaris -1,28% e Terna -1,23%.

In dettaglio, tra le blue chip Intesa Sanpaolo (0,0738 euro) e Poste (0,21 euro) staccano l'acconto, mentre Eni (0,22 euro) distribuisce la seconda tranche della cedola relativa all'esercizio 2022. Mediobanca invece stacca il dividendo intero (0,75 euro).

Segni più, sul paniere principale, per Banco Bpm (+1,42%), Bper (+1,36%) e Leonardo (+1,29%).

fus

 

(END) Dow Jones Newswires

November 21, 2022 05:31 ET (10:31 GMT)

Copyright (c) 2022 MF-Dow Jones News Srl.
Grafico Azioni Poste Italiane S.p.a (BIT:PST)
Storico
Da Gen 2023 a Feb 2023 Clicca qui per i Grafici di Poste Italiane S.p.a
Grafico Azioni Poste Italiane S.p.a (BIT:PST)
Storico
Da Feb 2022 a Feb 2023 Clicca qui per i Grafici di Poste Italiane S.p.a