Chiusura in rialzo per il listino milanese (+2,1%), sostenuto dalle trimestrali migliori delle attese di diverse blue chip, all'indomani dell'incremento dei tassi da parte della Fed.

Ieri infatti la Banca Centrale Americana ha alzato per la seconda volta consecutiva i tassi dello 0,75%, portandoli al 2,25-2,5% (da 1,5-1,75%), e le parole di Jerome Powell.

Il numero uno della Fed, Jerome Powell, nel corso della successiva conferenza stampa, ha sottolineato che un terzo rialzo da 75bps 'potrebbe essere appropriato' a settembre, anche se tutto dipenderà dai dati in arrivo. Inoltre, man mano che l'orientamento diventerà più restrittivo, diventerà appropriato rallentare il ritmo dei rialzi.

Sempre sul fronte macro da segnalare che il Pil degli Stati Uniti si è contratto a un ritmo annualizzato dello 0,9% nel secondo trimestre, secondo la lettura advance. Si tratta del secondo trimestre consecutivo di contrazione, abitualmente utilizzato come parametro per definire una recessione tecnica. Il dato ha deluso nettamente il consenso degli economisti che si aspettavano un incremento dello 0,9%.

Le richieste settimanali di sussidi di disoccupazione (dato destagionalizzato) invece sono diminuite di 5.000 unitá a quota 256.000 (249.000 unitá il consenso degli economisti contattati dal Wall Street Journal).

In Germania invece l'indice dei prezzi al consumo, nella lettura

preliminare di luglio, è cresciuto dello 0,9% a livello mensile e del 7,5% su base annuale (+0,6% m/m, +7,4% a/a il consenso). Infine, l'indice di fiducia economica nei Paesi dell'Eurozona è sceso a 99 punti a luglio dai 103,5 di giugno, superando le attese del consenso degli economisti contattati dal Wall Street Journal a 102 punti.

Sul paniere principale milanese in rally Stellantis (+4,92%) dopo risultati oltre le attese. Effetto conti anche su Iveco (+6,62%), Prysmian (+5,59%), Moncler (+8,04%) e Stm (+3,63%) in scia appunto a numeri migliori delle previsioni del mercato.

Bene anche Unipol (+2,4%) e Tenaris (+1,27%) mentre hanno chiuso in rosso Recordati (-1,16%) e Saipem (-1,96%). In ascesa Terna (+1,96%) che ha archiviato il primo semestre con un utile netto di 398,1 mln, in rialzo del 3,5% rispetto ai 384,6 mln del primo semestre 2021.

In ordine sparso le banche: Banco Bpm +0,95%, Bper +0,23%, Mediobanca +1,87%, Intesa Sanpaolo +1,71%, Unicredit -0,97%.

fus

marco.fusi@mfdowjones.it

 

(END) Dow Jones Newswires

July 28, 2022 12:06 ET (16:06 GMT)

Copyright (c) 2022 MF-Dow Jones News Srl.
Grafico Azioni Recordati (BIT:REC)
Storico
Da Ago 2022 a Set 2022 Clicca qui per i Grafici di Recordati
Grafico Azioni Recordati (BIT:REC)
Storico
Da Set 2021 a Set 2022 Clicca qui per i Grafici di Recordati