L'aumento di capitale di Saipem è di fatto finito, e le banche del consorzio garante si preparano ad accollarsi una percentuale a due cifre di azioni inoptate. Sette sedute, tra le più turbolente del semestre nero di Piazza Affari, non avrebbero convinto gli investitori a sottoscrivere titoli del gruppo di ingegneria per 2 miliardi di euro. Di cui 1,12 miliardi riservati al mercato, e un 44% ai due soci perno Eni e Cassa depositi e prestiti, rispettivamente al 30,5% e al 12,5%.

Non ci sono dati ufficiali, e nessuno parla volentieri. Ma il persistente calo delle azioni e dei diritti fa ritenere a fonti al lavoro sul dossier che l'inoptato finale, scrive Repubblica, sarà almeno pari a quello di inizio 2016, quando il 12,2% dei 3,5 miliardi di euro di titoli Saipem offerti restò al consorzio di garanzia, e ricollocato in Borsa un mese dopo.

Nelle sette sedute di offerta l'azione è salita da 1,8 a 2,5 euro (ma perde il 50% da inizio anno), i diritti sono scesi da 16,52 euro a zero. Chi li ha comprati potrà, l'11 luglio in cui si regola l'operazione, opzionare con un diritto 95 nuove azioni Saipem al prezzo di 1,013 euro. Poiché è lo stesso prezzo di accollo concordato con le banche, il mercato sembra dirci che non c'è un compratore marginale.

vs

 

(END) Dow Jones Newswires

July 06, 2022 03:06 ET (07:06 GMT)

Copyright (c) 2022 MF-Dow Jones News Srl.
Grafico Azioni Saipem (BIT:SPM)
Storico
Da Lug 2022 a Ago 2022 Clicca qui per i Grafici di Saipem
Grafico Azioni Saipem (BIT:SPM)
Storico
Da Ago 2021 a Ago 2022 Clicca qui per i Grafici di Saipem