L'amministratore delegato di Saipem Francesco Caio si avvicina all'uscita dal gruppo di ingegneria petrolifera e probabilmente novità in merito saranno annunciate nelle prossime settimane.

Secondo quanto risulta a MF-Milano Finanza, ci sarebbe qualche incertezza riguardo le tempistiche ma gli accordi di massima tra azionisti e manager sarebbero ormai definiti e al momento è difficile immaginare che il ceo possa restare fino a settembre anche se la società contattata ha smentito l'uscita dell'a.d. Se confermata, la notizia non sorprenderebbe, visto che che fin dal profit warning dello scorso gennaio le voci su un addio di Caio dal gruppo energetico si sono rincorse per mesi. Qualcuno aveva persino ipotizzato di varare una nuova governance prima del lancio dell'aumento di capitale da 2 miliardi di euro.

Al suo posto, secondo quanto risulta, dovrebbe assumere i poteri da amministratore delegato l'attuale direttore generale (già con ampi poteri) Alessandro Puliti, arrivato in febbraio dall'azionista Eni assieme a Paolo Calcagnini, nominato da Cdp (l'altro socio forte di Saipem) e oggi cfo del gruppo. MF-Milano Finanza già a fine marzo aveva descritto il 58enne Puliti come «un coinquilino ingombrante» perché, oltre a detenere molte deleghe, per andare in Saipem ha rinunciato in Eni alla carica di direttore generale Natural Resources, in pratica l'upstream oil&gas, nella quale gli è subentrato Guido Brusco.

Il cambio alla guida di Saipem avviene poco dopo il termine dell'aumento di capitale obbligato, chiuso poche settimane fa. L'operazione di ricapitalizzazione è iniziata il 27 giugno e si è conclusa l'11 luglio ed è stata sottoscritta per il 70,4% (1,4 miliardi). I restanti 600 milioni sono stati apportati da Bnp Paribas, Citigroup, Deutsche Bank, Hsbc, Intesa Sanpaolo e Unicredit (in qualità di joint global coordinators) e Abn Amro, Banca Akros-Gruppo Banco Bpm, Banco Santander, Barclays, Bper, Goldman Sachs International, Société Générale e Stifel (in qualità di joint bookrunners).

Tutto è partito dall'allarme utili da 1,1 miliardi lanciato a fine gennaio in maniera del tutto inattesa. A ottobre 2021 infatti Caio aveva presentato al mercato un piano al 2025 di grande ottimismo. Poi, tre mesi più tardi, è arrivata una revisione delle commesse e l'annuncio della perdita da 2,5 miliardi che ha fatto emergere la necessità di un consistente rafforzamento patrimoniale. La manovra, curata da Rothschild, si è rivelata complessa dal punto di vista finanziario benché si trattasse di un'operazione di sistema, sostenuta dall'immediato impegno di Eni e Cdp a sottoscrivere pro-quota (rispettivamente per il 30,5 e il 23,5%). Fra guerra, inflazione e crisi politiche, tuttavia, le condizioni di mercato non potevano essere peggiori. Per Saipem comunque l'iniezione di risorse fresche non era rinviabile e nulla garantiva che a ottobre il contesto sarebbe stato migliore.

Le modalità di sottoscrizione non sono state favorevoli per gli investitori, specie se retail. Dal momento che la capitalizzazione pre-aumento di Saipem era di circa un miliardo, l'operazione è stata iper-diluitiva, con 95 nuove azioni offerte per ogni titolo posseduto.

La società però in occasione dei conti del primo semestre è sembrata aver imboccato la via della risalita. I numeri al 30 giugno 2022 sono stati più che positivi, superiori alla stima del consensus, e il mercato li aveva accolti con un rialzo del 5%. Ieri le azioni di Saipem sono scese (in linea con Piazza Affari) poco più dell'1% a 0,801 euro. Proprio Caio aveva definito la semestrale come quella «della svolta», con volumi di attività e ricavi ai livelli pre-pandemia. I nuovi ordini sono ammontati a 4,22 miliardi nel secondo trimestre e a 5,8 miliardi nel semestre, oltre la metà dei quali riferiti alle attività offshore, sia E&C che drilling, in linea con le priorità del piano strategico.

Il portafoglio ordini a fine giugno ammontava a 23 miliardi, compensando la cancellazione del contratto Moscow Refinery in Russia del secondo trimestre (valeva 180 milioni). Nel secondo trimestre i ricavi sono saliti del 28% a sfiorare i 2,5 miliardi. Crescita a due cifre anche per l'ebitda adjusted a 176 milioni di euro (+21%). Guardando all'insieme del primo semestre, i ricavi hanno superato quota 4,4 miliardi con un incremento del 40% e l'ebitda adjusted è tornato positivo a 321 milioni rispetto ai -266 milioni dello stesso periodo 2021. Il risultato netto ha registrato una perdita di 130 milioni che si confronta col rosso di 779 milioni del primo semestre 2021.

alu

fine

MF-DJ NEWS

1009:21 ago 2022

 

(END) Dow Jones Newswires

August 10, 2022 03:23 ET (07:23 GMT)

Copyright (c) 2022 MF-Dow Jones News Srl.
Grafico Azioni Saipem (BIT:SPM)
Storico
Da Set 2022 a Ott 2022 Clicca qui per i Grafici di Saipem
Grafico Azioni Saipem (BIT:SPM)
Storico
Da Ott 2021 a Ott 2022 Clicca qui per i Grafici di Saipem