1. Home
  2. Investire
  3. Azioni
  4. Italia
  5. BIT
  6. Telecom Italia R (TITR)
  7. Bilanci

Bilancio - Dati Fondamentali Telecom Italia

Nome Compagnia:Telecom Italia
Descrizione:
Il gruppo Telecom Italia fornisce servizi di telefonia avanzata, trasmissione dati, servizi wholesale internazionali e soluzioni IT avanzate, operando in Italia con il brand commerciale TIM. La leadership sul mercato domestico è accompagnata da una significativa presenza a livello internazionale focalizzata sull’area sudamericana in Brasile. In particolare, al 31/12/2020, le linee mobili sono circa 30,2 milioni, 16,7 milioni per le connessioni fisse retail, di cui 7,7 milioni sono broadband o ultrabroadband, mentre in Brasile i clienti della rete mobile sono 51,7 milioni. Attualmente TIM ha già raggiunto una copertura del 98% della popolazione italiana con la tecnologia LTE e dell’86% con la fibra, mentre in Brasile ha raggiunto il 94% della popolazione con il 4G.Le attività del gruppo sono quindi suddivise in due Business Unit: -La Business Unit DOMESTIC opera nell’ambito dei servizi voce e dati su rete fissa e mobile per clienti finali (retail) e altri operatori (wholesale). Nel corso del 2015 è stata creata la società INWIT (quotata dal 22 giugno 2015) che opera nel settore delle infrastrutture per le comunicazioni elettroniche, che nel 2020 ha incorporato Vodafone Towers e, in conseguenza la partecipazione di Telecom è scesa al 30,2%. A livello internazionale il gruppo opera nell’ambito dello sviluppo di reti in fibre ottiche per clienti wholesale (in Europa, nel Mediterraneo e in Sud America) tramite il gruppo Telecom Italia Sparkle. A partire dal 2014, la Business Unit Domestic accoglie, oltre ai citati Core Domestic e International Wholesale, anche il gruppo Olivetti. Olivetti opera nell’ambito dei prodotti e servizi per l’Information Technology: svolge l’attività di Solution Provider per l’automatizzazione di processi e attività aziendali per le PMI, le grandi aziende e i mercati verticali. - La Business Unit BRASILE (Tim S.A.) offre servizi nelle tecnologie UMTS, GSM e LTE.
Amm. Delegato:Luigi GubitosiIndirizzo Web:www.gruppotim.it
Presidente:Salvatore RossiTel:02 85951
Indirizzo:Via Gaetano Negri, 1Fax:02 804059
Comune:MilanoEmail:carola.bardelli@telecomitalia.it
Nazione:ItaliaISIN:IT0003497168
CAP:20123
 Prezzo Variazione [%] Denaro Lettera Volume Max Min
 0,46 -0,0111 [-2,36%] 0,4632 0,4635 322.474.343 0,482 0,4612
 Aper Chiusura Prec. Cap. di mercato Azioni circolanti VWAP ROE (%) Osc 52 Sett
 0,471 0,4711 7.051.554.588 15.329.466.496 0,46 27,56 0,30-0,51

Valori Principali

(alla chiusura precedente)
Chiusura Precedente0,4711
Cap. di mercato7.221.711.666
Azioni circolanti15.329.466.496
Azioni Privilegiate circolanti-
Azioni Risparmio circolanti6.027.791.699
Azioni Risparmio Convertibili circolanti-

Andamento prezzo azioni 5 anni

Andamento Prezzo Azione

Periodo MaxMin
1 Settimana0,510,43
4 Settimane0,510,30
12 Settimane0,510,30
1 Anno0,510,30
3 Anni0,590,29
5 Anni0,920,29

Grafico Azionisti

Sintesi di Bilancio (in migliaia di euro)

30/6/202130/6/202031/12/202031/12/2019
Ricavi delle Vendite e delle Prestazioni7.567.0007.759.00015.805.00017.974.000
EBITDA2.770.0003.398.0006.739.0008.151.000
EBIT501.0001.042.0002.104.0003.175.000
Risultato di pertinenza del Gruppo-137.000678.0007.224.000916.000
Risultato Netto-45.000723.0007.352.0001.242.000
Cash Flow----
Patrimonio Netto Complessivo30.598.00021.394.00028.840.00022.626.000
Posizione Finanziaria Netta-24.570.000-28.923.000-26.024.000-29.807.000
RISULTATI AL 30 GIUGNO 2021 - Chiusura in rosso per Telecom Italia nel primo semestre 2021 (lo stesso periodo dell’esercizio precedente beneficiava però di una plusvalenza da integrazione fra Inwit e Vodafone Towers).
I ricavi consolidati sono scesi del 2,5%, passando da 7.759 a 7.567 milioni; su base organica vi è stato un incremento dello 0,5%.
La Business Unit Domestic ha visto una flessione del giro d’affari pari allo 0,4% a 6.233 milioni (-0,8% su base organica), ma quella del Brasile è stata ben dell’11,1% a 1.348 milioni (ma +6,6% su base organica escludendo l’effetto cambi pesantemente negativo).
Il primo semestre 2020 scontava rettifiche di ricavi non ricorrenti per 37 milioni connesse alle iniziative commerciali di TIM a supporto della clientela per il contrasto all’emergenza Covid-19.
Nell’ambito della Business Unit Domestic, i ricavi da servizi stand alone sono scesi del 3,6% a 5.551 milioni (-1,4% a 4.294 milioni per quelli del mercato Fisso e -9,2% a 1.540 milioni per quelli del mercato Mobile), e scontano gli effetti del contesto competitivo sulla customer base nonché una riduzione dei livelli di ARPU.
Invece i ricavi Handset e Bundle and Handset, inclusa la variazione dei lavori in corso, sono saliti del 34,8% a 682 milioni, crescita dovuta per lo più al mercato Fisso.
I ricavi del segmento Consumer sono scesi del 6,1% a 2.735 milioni, quelli del comparto Business sono diminuiti dello 0,5% a 1.999 milioni, quelli del Wholesale National Market sono aumentati del 10,5% a 1.029 milioni (grazie alla crescita degli accessi del comparto Ultra Broadband) e quelli del Wholesale International Market sono saliti del 5,2% a 468 milioni.
I costi per acquisti di materie e servizi sono saliti del 9,9% a 3.120 milioni (incremento per lo più dovuto al comparto Domestic e derivante da maggiori acquisti di beni per la rivendita e maggiori canoni di ospitalità su siti non strategici), ma soprattutto il costo del personale è balzato del 25% a 1.715 milioni, dato che nel primo semestre 2020 era stato applicato il contratto di espansione che invece nel 2021 è partito dal mese di maggio.
Inoltre è stato rinnovato il CCNL e sono stati imputati oneri di ristrutturazione per 335 milioni riferiti agli accordi sindacali siglati con riferimento ai dipendenti della capogruppo, di TI Sparkle, Noovle e Olivetti, per l’esodo anticipato e volontario di circa 1.300 persone nel secondo trimestre 2021.
Al 30/6/2021 i dipendenti del gruppo risultavano pari a 52.404 unità (di cui 42.910 in Italia), con una diminuzione di 57 unità rispetto al 31/12/2020 (tutta in Brasile, in quanto i dipendenti in Italia sono aumentati di 230 unità).
Gli altri costi operativi sono invece scesi del 15,5% a 424 milioni (per lo più minori svalutazioni connesse alla gestione del credito a seguito del processo di ottimizzazione avviato nel 2020), e gli altri proventi operativi sono diminuiti del 5,1% a 244 milioni.
Ne è complessivamente derivato un ebitda in flessione del 18,5% a 2.770 milioni; l’ebitda margin è sceso dal 43,8% al 36,6%.
Nel primo semestre 2021 sono stati in totale sostenuti oneri non ricorrenti per ben 447 milioni, principalmente relativi al citato accordo per i prepensionamenti (oltre a 12 milioni connessi all’emergenza Covid-19), mentre nello stesso periodo del 2020 gli oneri non ricorrenti erano pari a 132 milioni, di cui 69 riconducibili all’emergenza Covid-19.
Su base organica l’ebitda sarebbe diminuito dell’1,3% a 3.217 milioni, mentre la marginalità sarebbe passata dal 42,5% al 41,6%.
Gli ammortamenti sono scesi da 2.348 a 2.268 milioni, ma ne è derivato un ebit in flessione ben del 51,9% a 501 milioni; a livello organico l’ebit è passato da 1.065 a 948 milioni (-11%).
Il saldo negativo della gestione finanziaria è sceso da 601 a 560 milioni; al 30/6/2021 l’indebitamento finanziario netto ammontava a 24.570 milioni, in diminuzione rispetto ai 26.024 milioni di fine 2020.
Su base rettificata l’indebitamento finanziario netto sarebbe diminuito da 23.326 a 22.072 milioni.
L’equity free cash flow ha contribuito alla diminuzione del debito per 363 milioni; nel periodo sono stati effettuati investimenti industriali (capex) per 1.808 milioni (1.234 milioni nel primo semestre 2020), di cui 1.465 nella Business Unit Domestic e 343 in Brasile.
Il flusso di cassa della gestione operativa è stato positivo per 819 milioni (1.545 milioni nel primo semestre 2020).
Come si è detto, il primo semestre 2020 aveva però beneficiato della plusvalenza, pari a 441 milioni, emersa a seguito della diluizione dal 60% al 37,5% della partecipazione in Inwit conseguente alla fusione di Inwit con Vodafone Towers.
Pertanto si è passati da un utile ante imposte di 889 milioni a una perdita ante imposte di 47 milioni.
Dopo un effetto fiscale positivo per 2 milioni (imposte per 166 milioni nel primo semestre 2020, con un tax rate del 18,7%) ed al netto di una quota di utile di competenza di terzi salita da 45 a 92 milioni, si è passati da un utile netto di 678 milioni a una perdita netta di 137 milioni.
Non considerando in entrambi i periodi le voci non ricorrenti, l’utile netto sarebbe passato da 336 a 207 milioni.
in flessione anche per effetto dell’emergenza Covid-19, ma grazie a un significativo beneficio fiscale e una più bassa quota di utile di competenza di terzi l’utile netto è decisamente salito.
I ricavi consolidati sono scesi del 12,1%, passando da 17.974 a 15.805 milioni; su base organica la riduzione è stata pari al 6,4%.
In particolare la Business Unit Domestic ha visto scendere il giro d’affari dell’8,3% a 12.905 milioni (-7,7% su base organica), ed il Brasile ben del 25,5% a 2.933 milioni (ma -0,6% su base organica).
Per quanto riguarda la Business Unit Domestic, i ricavi da servizi stand alone sono scesi del 7,8% a 11.605 milioni (-7% su base organica); quelli del mercato Fisso sono diminuiti del 6,1% su base organica a 8.785 milioni e quelli del mercato Mobile del 10,5% a 3.378 milioni.
I ricavi Handset e Bundle and Handset (inclusa la variazione dei lavori in corso) sono scesi del 13,2% a 1.301 milioni.
Le rettifiche di ricavi non ricorrenti sono ammontate a 39 milioni (oneri) e sono riferite a iniziative commerciali a contrasto del Covid-19, mentre quelle del 2019 (oneri per 15 milioni) erano rettifiche di ricavi di esercizi precedenti.
I costi operativi sono tutti in discesa, ed in particolare quelli per consumi di materie prime del 13,8% a 1.203 milioni, il costo del personale del 14,2% a 2.639 milioni (al 31/12/2020 i dipendenti del gruppo risultavano pari a 52.347 unità - di cui 42.680 in Italia e 9.667 in Brasile - a fronte di 55.198 a fine 2019 - di cui 45.266 in Italia e 9.932 in Brasile).
I costi per servizi sono diminuiti del 2,3% a 4.534 milioni e gli altri costi operativi ben del 32% a 1.397 milioni.
Ne è derivato un ebitda pari a 6.739 milioni, in calo del 17,3% rispetto agli 8.151 milioni al 31/12/2019; l’ebitda margin è passato dal 45,3% al 42,6%.
Nel 2020 sono stati sostenuti oneri non ricorrenti per 324 milioni, di cui 108 riconducibili all’emergenza Covid-19 in Italia (nel 2019 i proventi netti non ricorrenti ammontavano invece a 646 milioni soprattutto per effetto del recupero fiscale in Brasile).
Su base organica l’ebitda sarebbe diminuito del 5,9% a 7.063 milioni, e l’ebitda margin sarebbe passato dal 44,3% al 44,6%.
Dopo ammortamenti in diminuzione da 4.927 a 4.616 milioni, l’ebit si è ridotto del 33,7% a 2.104 milioni (e l’ebit margin dal 20,2% al 14%), mentre a livello organico l’ebit è passato da 2.201 a 1.808 milioni (-17,9%), l’ebit margin dal 17,7% al 13,3%.
Su base organica (al netto di oneri netti non ricorrenti per 324 milioni nel 2020 e proventi netti non ricorrenti per 262 milioni nel 2019), l’ebit sarebbe sceso del 16,6% a 2.428 milioni e l’ebit margin dal 17,2% al 15,3%.
Il saldo negativo della gestione finanziaria è migliorato, scendendo da 1.438 a 1.161 milioni; al 31/12/2020 l’indebitamento finanziario netto ammontava a 26.024 milioni a fronte di 29.807 milioni a fine 2019.
Su base rettificata l’indebitamento finanziario netto sarebbe anch’esso diminuito da 27.668 a 23.326 milioni.
Ciò grazie a un flusso di cassa della gestione operativa positivo per 3.304 milioni (lo era per 3.807 milioni nel 2019), valori rispettivamente pari a 3.414 milioni nel 2020 e 3.825 milioni nel 2019 non considerando gli esborsi pagati per la licenza 5G.
Il 2020 ha beneficiato di plusvalenze su partecipazioni per 454 milioni, di cui 441 emersi a seguito della diluizione dal 60% al 37,5% della partecipazione in INWIT conseguente alla fusione di INWIT con Vodafone Towers, e 11 derivanti dalla cessione di ulteriori quote del 7,3% sempre detenute in INWIT.
In ogni caso l’utile ante imposte è sceso da 1.739 a 1.397 milioni (-20%); ma dopo un effetto fiscale positivo per ben 5.955 milioni (imposte per 513 milioni, con un tax rate del 29,5%, nel 2019) ed al netto di una quota di utile di competenza di terzi in forte diminuzione da 326 a 128 milioni, l’utile netto ha raggiunto 7.224 milioni, a fronte di 936 milioni al 31/12/2019.
L’effetto fiscale positivo è stato determinato dall’applicazione del Patent Box per gli esercizi 2015 – 2019 a seguito dell’accordo siglato con l’Agenzia delle Entrate il 3 agosto 2020 (per 299 milioni) ma soprattutto dal riconoscimento fiscale di maggiori valori iscritti in bilancio ai sensi del DL 104/2020 (“Decreto Rilancio”).
Nell’esercizio sono stati realizzati investimenti industriali pari a 3.409 milioni, di cui 2.748 nell’area Domestic e 661 in Brasile (rispettivamente 2.912 e 872 milioni nel 2019).
Il dividendo ammonta a 0,01 euro per azione ordinaria e 0,0275 euro per azione di risparmio, in pagamento il 23 giugno 2021.

Stato Patrimoniale

30/6/202130/6/202031/12/202031/12/2019
Avviamento22.710.00022.870.00022.847.00023.083.000
Attività immateriali----
Immobilizzazioni Materiali17.947.00018.008.00018.133.00019.505.000
Investimenti Immobiliari----
Partecipazioni e altre attività finanziarie----
Altre Attività non Correnti----

Totale Attività non Correnti

----
Rimanenze340.000256.000242.000260.000
Crediti Commerciali2.853.0003.140.0002.905.0003.252.000
Altre Attività Correnti----
Liquidità e Disponibilità Finanziarie----

Totale Attività Correnti

----
Attività destinate alla vendita----

Totale Attivo

73.804.00066.557.00073.234.00070.104.000
Capitale Sociale11.677.00311.588.00011.677.00011.677.000
Azioni Proprie85-89.00090.000
Riserve14.466.0827.815.0007.403.0007.777.000
Utile (Perdite) d'Esercizio-137.000678.0007.224.000916.000

Patrimonio Netto di Gruppo

26.006.00020.081.00026.215.00020.280.000
Patrimonio netto di Terzi4.592.0001.313.0002.625.0002.346.000

Patrimonio netto Complessivo

30.598.00021.394.00028.840.00022.626.000
Debiti Finanziari a Lungo Termine25.818.00029.187.00027.854.00030.181.000
Fondo TFR e altri fondi del personale888.000916.000724.0001.182.000
Fondo per rischi e oneri689.000753.000770.000725.000
Altre passività non correnti----

Totale Passività non correnti

----
Debiti Finanziari a Breve Termine5.242.0004.382.0004.308.0003.821.000
Debiti Commerciali3.801.0003.006.0004.133.0004.323.000
Altre Passività correnti----

Totale Passività correnti

----
Passività correlate ad attività destinate alla vendita----

Totale passivo

73.804.00066.557.00073.234.00070.104.000

Conto Economico - Profit & Loss

30/6/202130/6/202031/12/202031/12/2019
Ricavi delle vendite e delle prestazioni7.567.0007.759.00015.805.00017.974.000
Altri ricavi169.00090.000211.000933.000

Totale ricavi

7.736.0007.849.00016.016.00018.907.000
Costo del venduto----
Utile lordo industriale----
Spese generali e amministrative----
Spese di ricerca e sviluppo----
Spese di vendita----
Altri ricavi (costi) operativi netti----
Altri proventi (oneri) non ricorrenti----
Variazione delle rimanenze49.0006.000-6.000-128.000
Consumi di materie prime3.120.0002.840.0001.203.0001.396.000
Costo del personale1.715.0001.372.0002.639.0003.077.000
Costi per servizi--4.534.0004.639.000
Altri costi operativi424.000502.0001.397.0002.053.000
Altri proventi non ricorrenti244.000257.000502.000537.000
Altri oneri non ricorrenti----
EBITDA2.770.0003.398.0006.739.0008.151.000
Ammortamenti2.268.0002.348.0004.616.0004.927.000
Accantonamenti per rischi, oneri e svalutazioni----
EBIT501.0001.042.0002.104.0003.175.000

Saldo gestione finanziaria

-560.000-601.000-1.161.000-1.438.000
a) Proventi Finanziari508.000501.0001.143.000946.000
b) Oneri Finanziari1.128.0001.024.0002.322.0002.382.000
c) Altri Proventi (Oneri) Finanziari60.000-78.00018.000-2.000
Ripristini (svalutazioni) / Plusvalenze (Minusvalenze)12.000448.000454.0002.000

Risultato prima delle imposte

-47.000889.0001.397.0001.739.000
Imposte sul reddito-2.000166.000-5.955.000513.000
Risultato netto attività di funzionamento----
Risultato attività destinata a cessare----

Risultato netto

-45.000723.0007.352.0001.242.000
Risultato di pertinenza di terzi92.00045.000128.000326.000
Risultato di pertinenza del Gruppo-137.000678.0007.224.000916.000
La tua Cronologia
BIT
TITR
Telecom It..
Registrati ora per visualizzare questi strumenti nella tua watchlist streaming.

Il Monitor ADVFN ti permette di visualizzare fino a 110 titoli ed è completamente gratuito.

Per accedere al tempo reale push di Borsa è necessario registrarsi.

Accedendo ai servizi offerti da ADVFN, ne si accettano le condizioni generali Termini & Condizioni

P: V:it D:20211130 21:46:49