Israele e Libano hanno firmato un accordo per la definizione del loro confine marittimo, mediato dagli Stati Uniti, che rappresenta un raro esempio di cooperazione economica tra i due Paesi che sono ancora tecnicamente in guerra tra loro.

L'accordo, in ballo da un decennio, consentirà a Israele di portare rapidamente avanti il suo impegno di vendere gas all'Unione europea, che è alla ricerca di nuove fonti di energia dopo l'invasione russa dell'Ucraina e le successive sanzioni contro Mosca, e potrebbe anche fornire una nuova fonte di reddito al Libano, che sta affrontando una situazione economica molto complessa, tra l'inflazione elevata e la povertà. Israele e Libano hanno combattuto due grandi guerre e non hanno relazioni diplomatiche. "Questo accordo crea speranza, opportunità e stabilità economica su entrambi i lati del confine", ha affermato a Beirut Amos Hochstein, il principale mediatore del dipartimento di Stato Usa sull'accordo.

Israele e Libano hanno avviato i colloqui per risolvere la controversia nel 2010, poiché entrambi i Paesi speravano di poter estrarre gas naturale nel Mediterraneo orientale. Nel 2013 è stato scoperto il giacimento di gas di Karish adiacente a entrambi i Paesi e un altro giacimento di gas, quello di Qana, è stato successivamente trovato più a nord. L'accordo dà a Israele il controllo dell'area di Karish, mentre il giacimento di gas di Qana sarà ora sotto il controllo del Libano. Israele manterrà una partecipazione nel gas di Qana situato nel suo territorio e riceverà il 17% dei profitti futuri derivanti dalla vendita di gas attraverso un accordo bilaterale con TotalEnergies, l'operatore dell'area.

Il primo ministro israeliano Yair Lapid ha affermato che l'accordo ha segnato un raro risultato diplomatico. "Non capita tutti i giorni che un Paese nemico riconosca lo Stato di Israele con un accordo scritto, in considerazione della comunità internazionale", ha detto. I funzionari libanesi hanno negato che l'accordo equivalga a un riconoscimento di Israele, che ha occupato una parte del sud del Paese dal 1985 al 2000. Israele e Libano non hanno relazioni diplomatiche e sono in stato di guerra dalla fondazione di Israele nel 1948 non hanno un confine terrestre concordato ma si impegnano per un cessate il fuoco lungo quella che è nota come la Linea Blu, un confine tracciato dalle Nazioni Unite dopo che le forze israeliane sono state tracciate dal Libano meridionale nel 2000.

Lapid ha firmato l'accordo a Gerusalemme e il presidente libanese Michel Aoun lo ha siglato a Beirut. Le delegazioni guidate da alti funzionari si sono recate in una base delle Nazioni Unite al confine tra Israele e Libano per consegnare formalmente gli accordi raggiunti sotto la mediazione americana. Negli ultimi mesi Hochstein ha fatto la spola avanti e indietro tra Beirut e Gerusalemme per completare l'accordo. I colloqui sono diventati più urgenti a giugno dopo che Israele ha consentito a Energean di installare una piattaforma per l'estrazione del gas a Karish, parte della quale era stata rivendicata dal Libano.

Hezbollah, un gruppo militante e politico sostenuto dall'Iran che domina la politica libanese, aveva minacciato rappresaglie se Israele avesse iniziato a estrarre gas Karish senza un accordo. Israele ha abbattuto tre droni di Hezbollah lanciati contro il giacimento di gas a luglio, sollevando lo spettro di un'escalation tra le due parti, che hanno combattuto una guerra di 34 giorni nel 2006. Ieri Energean ha iniziato a pompare gas da Karish dopo che Israele ha dato il via libera, diventando la terza piattaforma di gas offshore operativa del Paese. Hezbollah, i cui funzionari hanno espresso soddisfazione per l'accordo, non ha risposto.

cos

 

(END) Dow Jones Newswires

October 27, 2022 10:36 ET (14:36 GMT)

Copyright (c) 2022 MF-Dow Jones News Srl.
Grafico Azioni TotalEnergies (EU:TTE)
Storico
Da Dic 2022 a Gen 2023 Clicca qui per i Grafici di TotalEnergies
Grafico Azioni TotalEnergies (EU:TTE)
Storico
Da Gen 2022 a Gen 2023 Clicca qui per i Grafici di TotalEnergies