Sebbene l'Europa abbia riempito le sue riserve di gas naturale per questo inverno, il tempo stringe per garantire l'energia sufficiente per i prossimi anni, che dovrebbero rimanere caratterizzati dalla minaccia di gravi carenze.

Gli stoccaggi di gas dell'Unione europea sono pieni al 95% e molti analisti affermano che il continente potrebbe riuscire a evitare una calamità energetica questo inverno. E' però ampiamente previsto che l'approvvigionamento di gas per i prossimi inverni diventi più difficile per i Paesi europei ora che sono per lo più tagliati fuori dalle forniture russe e la concorrenza globale sta crescendo per i carichi limitati di gas naturale liquefatto.

Ci sarà poco Gnl aggiuntivo in arrivo sul mercato fino al 2026 circa, quando i progetti pianificati negli Stati Uniti e in Qatar entreranno in funzione e l'Europa probabilmente competerà per queste forniture limitate nei prossimi anni. Alcune aziende in Germania, motore manifatturiero europeo, sono preoccupate di non avere abbastanza energia per l'ultima parte del decennio. Le società tedesche, tra cui il produttore chimico Basf e la utility nazionalizzata Uniper, hanno tenuto colloqui nelle ultime settimane con gli esportatori di Gnl americani e non solo circa potenziali accordi di fornitura di gas che potrebbero iniziare dopo la metà del decennio, hanno detto al Wall Street Journal alcune persone che hanno familiarità con le discussioni.

Dopo l'invasione russa dell'Ucraina, alcune società europee hanno firmato contratti per il Gnl statunitense. Ora le aziende che fanno affidamento sul gas affermano che il continente ne avrà bisogno di più negli anni a venire. I negoziati dimostrano le elevate preoccupazioni per la sicurezza energetica ma sono complicati perché mentre molti in Europa vanno a caccia di gas per 5-10 anni, alcune società e funzionari governativi sono riluttanti a firmare contratti di fornitura a lungo termine. La Germania e altre Nazioni europee hanno fissato obiettivi ambiziosi per ridurre drasticamente il consumo di combustibili fossili.

I funzionari del governo tedesco stanno monitorando le discussioni sulle forniture di gas, compresi i colloqui separati con la compagnia norvegese di petrolio e gas Equinor, hanno detto alcune fonti. Una portavoce del ministero tedesco dell'Economia e del Clima tedesco ha affermato che gli acquisti di gas sono responsabilità delle aziende. L'amministratore delegato di Equinor, Anders Opedal, ha dichiarato in una recente intervista che "stiamo lavorando a stretto contatto con l'industria tedesca per trovare un terreno comune per potenziali investimenti futuri", nel petrolio e nel gas, nonché nell'energia a basse emissioni di carbonio.

I funzionari dell'Ue hanno proposto di formare un gruppo di società europee per coordinare i colloqui sugli accordi sul gas e acquistare congiuntamente il combustibile, evitando così di fare offerte l'una contro l'altra per lo stesso gas. A ottobre, il ministro delle Finanze tedesco, Christian Lindner, ha sostenuto l'idea ma alcuni dirigenti di società e funzionari governativi dubitano che tale programma funzionerà a causa delle complessità del mercato del gas e delle diverse esigenze tra i Paesi. Alcune società stanno procedendo da sole nei negoziati. "Non siamo del tutto convinti dei benefici e dei vantaggi che si possono ottenere raggruppando l'approvvigionamento di gas a livello europeo", ha detto una portavoce di Rwe, una utility tedesca che ha firmato un accordo non vincolante di 15 anni con l'esportatore statunitense di Gnl Sempra Infrastructure a maggio, sottolineando che è urgente che i funzionari governativi sostengano i contratti di gas a lungo termine.

Le aziende tedesche non sono le sole a cercare di assicurarsi il gas. Paesi come la Francia e il Regno Unito affrontano minacce di carenza di energia e i dirigenti statunitensi del settore del Gnl hanno invitato i governi europei a siglare accordi. Una filiale della società chimica britannica Ineos Group ha firmato un accordo di fornitura non vincolante con Sempra all'inizio di quest'anno, così come la società energetica polacca Polskie Gornictwo Naftowe i Gazownictwo. Un portavoce del governo del Regno Unito ha detto che sta lavorando con fornitori nazionali e internazionali per esplorare contratti che potrebbero aumentare la sicurezza dell'approvvigionamento energetico.

Rimane una certa opposizione politica agli accordi sul gas a lungo termine che secondo alcuni potrebbero far deragliare gli obiettivi climatici volti a ridurre le emissioni di gas serra. "E' difficile vedere come siano compatibili con i piani di decarbonizzazione", ha affermato Jill Duggan, direttore esecutivo per l'Europa presso il Fondo per la difesa ambientale. Funzionari tedeschi in precedenza avevano affermato di aspettarsi che la domanda di gas naturale del Paese raggiungesse il picco intorno al 2030, per poi lasciare gradualmente il posto a energie più rinnovabili. La tensione tra il fabbisogno energetico immediato dell'Europa e le aspirazioni climatiche a lungo termine sta creando un mercato complicato per gli acquirenti europei e per i venditori statunitensi. Gli sviluppatori di progetti relativi al Gnl devono firmare contratti a lungo termine con i clienti per finanziare impianti multimiliardari che convertono il gas in stato liquido per l'esportazione. Alcuni europei stanno cercando modi per soddisfare gli esportatori mantenendo però il rispetto degli obiettivi climatici.

cos

 

(END) Dow Jones Newswires

November 21, 2022 04:07 ET (09:07 GMT)

Copyright (c) 2022 MF-Dow Jones News Srl.
Grafico Azioni BASF (XE:BAS)
Storico
Da Gen 2023 a Feb 2023 Clicca qui per i Grafici di BASF
Grafico Azioni BASF (XE:BAS)
Storico
Da Feb 2022 a Feb 2023 Clicca qui per i Grafici di BASF