La peggiore crisi energetica da 50 anni rischia di bloccare la transizione dell'Occidente verso fonti di energia più pulite, fornendo nuovo slancio agli investimenti nei combustibili fossili, hanno affermato dirigenti d'impresa e leader al meeting di Davos del World Economic Forum.

La corsa dell'Europa per abbandonare l'energia russa dopo l'attacco del Paese contro l'Ucraina porterà a nuovi investimenti a breve termine in carbone, petrolio e gas naturale, hanno detto funzionari governativi.

Alcuni leader a Davos hanno avvertito che la crisi potrebbe anche offrire ai produttori un'apertura per investire nel tipo di progetti a lungo termine sui combustibili fossili che i governi occidentali hanno scoraggiato, mentre i Paesi cercano di ridurre le emissioni di gas serra legate al cambiamento climatico. Ciò, hanno avvertito, potrebbe rendere più difficile il raggiungimento degli obiettivi dell'accordo internazionale di Parigi, che cerca di mantenere l'aumento della temperatura globale al di sotto dei 2 gradi Celsius rispetto ai livelli preindustriali, per evitare i peggiori impatti del riscaldamento globale.

"E' del tutto legittimo garantire la sicurezza energetica e affrontare questa questione di emergenza immediata", ha affermato Fatih Birol, direttore esecutivo dell'Agenzia internazionale per l'energia (Aie) con sede a Parigi, aggiungendo che "tuttavia, questo non deve essere confuso con la realizzazione di una nuova ondata di investimenti in combustibili fossili su larga scala".

Joe Kaeser, presidente di Siemens Energy, la società energetica creata dal conglomerato tedesco Siemens, ha ascoltato dai suoi clienti idee energetiche che pensava fossero morte da tempo. "Vediamo molte persone parlare di molte cose che non avrei mai immaginato sarebbero tornate sul tavolo, come le trivellazioni nel Mare del Nord", ha detto. La guerra in Ucraina ha sconvolto un presupposto fondamentale sull'energia negli ultimi decenni in Europa, ovvero che l'offerta - sebbene non sostenibile e non sempre economica - era almeno affidabile. "Ora, questo è ovviamente cambiato", ha affermato.

Ciò che distingue questo shock da altri shock storici, come le crisi petrolifere degli anni '70, è l'aumento sincronizzato dei prezzi del petrolio, del gas naturale e del carbone. I prezzi dell'energia erano già alti a causa della domanda sovraccaricata dopo la revoca dei lockdown dovuti al Covid-19 in tutto il mondo. L'invasione russa dell'Ucraina ha aggravato questa situazione.

All'indomani dell'inizio della guerra, i prezzi del petrolio sono saliti fino a 139 dollari al barile, il livello più alto dal 2008. Più recentemente, il petrolio è stato scambiato a circa 110 dollari al barile, quasi il 70% al di sopra dei livelli pre-Covid. I prezzi europei del gas naturale, nel frattempo, hanno raggiunto di recente gli 88 euro a megawattora, un livello tre volte più alto rispetto a un anno fa.

"Questo è il momento della gestione delle crisi", ha affermato Daniel Yergin, vicepresidente di S&P Global, sottolineando che "dobbiamo presumere che le cose peggiorino". Alcuni Paesi in Europa hanno già deciso di usare più carbone a breve termine, adottando nuovi piani per costruire una maggiore capacità di importazione di gas naturale liquefatto per coprire il divario previsto mentre il continente cerca di abbandonare i combustibili russi.

Glenn Rickson, responsabile dell'analisi energetica europea presso S&P Global Commodity Insights, prevede che l'Europa occidentale genererà 13 gigawatt di energia dal carbone nel 2023, il tasso più alto dal 2019 e quasi il doppio delle sue previsioni rispetto a questo periodo dell'anno scorso, prima che i prezzi del gas iniziassero a salire. Se ci fossero nuovi investimenti significativi in centrali elettriche a carbone in Asia, Birol ha affermato che "dovremmo dire addio al nostro obiettivo climatico di 1,5 gradi Celsius", riferendosi al target più ambizioso dell'accordo di Parigi che la maggior parte dei più grandi emettitori del mondo si sono impegnati a raggiungere al vertice delle Nazioni Unite sul Clima dello scorso anno a Glasgow.

L'avvertimento è stato ripreso dall'inviato per il Clima della Casa Bianca, John Kerry, il quale ha dichiarato che la guerra porta a fare "alcune scelte a breve termine ma se qualcuno ha in programma di costruire grandi infrastrutture usando come scusa l'Ucraina e questo momento, è pericoloso".

Il Qatar, uno dei maggiori esportatori di Gnl al mondo, sta espandendo la sua capacità con l'obiettivo di stabilizzare i mercati e ridurre gli effetti economici dell'attuale crisi energetica. La mossa segue altri impegni presi da alcuni dei più grandi produttori mondiali prima della guerra. Saudi Aramco ha affermato che aumenterà notevolmente le sue spese in conto capitale e la capacità di pompaggio per colmare quella che vede come una carenza di approvvigionamento nel resto del mondo.

Tuttavia, alcuni governi e aziende si aspettano che la crisi acceleri la transizione di parte del mondo verso alternative energetiche a basse emissioni, come l'eolico, il solare e il nucleare. La scorsa settimana l'Unione europea ha presentato un piano da 210 miliardi di euro per accelerare l'abbandono dei combustibili fossili russi e la transizione verso le energie rinnovabili.

"Vedrete una grande accelerazione dell'energia verde", ha affermato Alok Sharma, un politico britannico e attuale presidente del Forum climatico delle Nazioni Unite che ha ospitato il vertice di Glasgow lo scorso anno, aggiungendo che "vedremo la transizione verso l'energia pulita avvenire più velocemente in tutto il mondo".

Per le compagnie petrolifere occidentali che hanno già abbracciato la transizione, gli investimenti a lungo termine non hanno più senso. "Sarebbe un peccato mortale investire per nuova capacità a lungo termine", ha affermato Mads Nipper, amministratore delegato di Orsted, che si è trasformata da produttore di petrolio danese a uno dei maggiori sviluppatori mondiali di energia eolica offshore. "Dal punto di vista del puro business, è semplicemente folle perché nel momento in cui queste risorse diventeranno operative, saranno risorse bloccate", ha spiegato.

cos

 

(END) Dow Jones Newswires

May 26, 2022 03:59 ET (07:59 GMT)

Copyright (c) 2022 MF-Dow Jones News Srl.
Grafico Azioni Siemens (XE:SIE)
Storico
Da Nov 2022 a Dic 2022 Clicca qui per i Grafici di Siemens
Grafico Azioni Siemens (XE:SIE)
Storico
Da Dic 2021 a Dic 2022 Clicca qui per i Grafici di Siemens