L'azionario europeo incrementa le perdite in scia ai dati macro: Milano -2,21%, Parigi -1,23%, Francoforte -2,57%, Londra -1,78%.

Il tasso di disoccupazione della Germania è rimasto stabile al 6,4% a luglio rispetto al mese precedente. Il dato è migliore del consenso degli economisti, che si aspettavano un aumento al 6,5%.

Il prodotto interno lordo tedesco, invece, si è contratto del 10,1% a livello trimestrale nel periodo aprile-giugno. Il calo su base annua è stato dell'11,7%. Si tratta del peggior calo dall'inizio della serie statistica nel 1970. Il dato ha inoltre deluso il consenso degli economisti che si aspettavano una contrazione meno pronunciata, pari al 9% t/t e al 10,9% a/a.

In Italia, a giugno si registra la perdita di 46.000 occupati in un solo mese e di 752.000 in un anno. Il tasso di disoccupazione è salito all'8,8% (+0,6 punti su mese) e, tra i giovani, al 27,6% (+1,9 punti).

Quanto all'Eurozona, il tasso di disoccupazione nell'Eurozona si è attestato al 7,8% a giugno, in aumento rispetto al dato di maggio, rivisto al rialzo a 7,7%. La lettura è superiore al consenso degli economisti al 7,7%.

L'indice di fiducia economica nei Paesi dell'Eurozona si è attestato a luglio a 82,3 punti rispetto ai 75,8 di giugno. Il dato è al di sopra del consenso degli economisti a quota 81,5 punti.

A piazza Affari, resiste ai cali Enel (+0,93%), su cui Equita Sim ha alzato il target price del 5% a 8,5 euro, confermando a buy il rating, dopo i conti del secondo trimestre 2020.

Contiene le perdite Amplifon (-1,11% a 27,5 euro), dopo il +5,66% di ieri. Banca Akros ha alzato il rating sul titolo da neutral ad accumulate, con Tp che passa da 22,3 a 30,4 euro, dopo i risultati dei primi sei mesi dell'anno.

In forte calo il settore bancario: Mediobanca -3,98%, Unicredit -3,64%, Banco Bpm -3,41%, Intesa Sanpaolo -1,83%, Ubi B. -1,81%.

In profondo rosso B.Generali (-4,02% a 25,28 euro), che ha registrato un utile netto normalizzato al 30/6 a 1,03 mld (-21,2% a/a) nel secondo trimestre.

Male anche Eni (-4,04%). Il gruppo ha conseguito una perdita netta adjusted pari a 714 mln di euro e 655 mln, rispettivamente nel secondo trimestre e nel primo semestre.

Tra le mid cap, bene De'Longhi (+4,97%), che ha chiuso il primo semestre con un utile netto di 43,1 mln euro, in crescita rispetto ai 42,8 mln dello stesso periodo del 2019.

In forte calo Brembo (-5,81%), su cui Banca Akros ha bassato il rating a neutral da accumulate, con Tp a 8,40 euro (da 8,5 euro), dopo i conti del trimestre.

Sull'Aim, in rialzo Visibilia E. (+1,22%), che ha ricevuto da parte di Negma Group una richiesta di conversione di due obbligazioni parte della quinta tranche - emessa il 21 gennaio - del prestito obbligazionario convertibile in base all'accordo siglato da Visibilia il 10 ottobre 2017 e prorogato per ulteriori 9 mesi alle stesse condizioni fino al 8 febbraio 2021, come comunicato al mercato in data 20 aprile.

cm

 

(END) Dow Jones Newswires

July 30, 2020 05:16 ET (09:16 GMT)

Copyright (c) 2020 MF-Dow Jones News Srl.
Grafico Azioni Enel (BIT:ENEL)
Storico
Da Ago 2020 a Set 2020 Clicca qui per i Grafici di Enel
Grafico Azioni Enel (BIT:ENEL)
Storico
Da Set 2019 a Set 2020 Clicca qui per i Grafici di Enel