L'azionario europeo tratta in progresso (Milano +0,96%, Francoforte +0,86%, Londra +0,52%, Parigi +0,31%), in attesa dell'apertura di Wall Street, i cui future indicano un avvio intorno alla parità, dopo i ribassi di ieri, con gli investitori che si muovono prudenti temendo la seconda ondata di contagi da coronavirus.

Il primo ministro britannico, Boris Johnson, ha detto che il Regno Unito si trova a un "pericoloso giro di boa" ed è necessario agire ora per fermare la diffusione del coronavirus. Johnson ha annullato la revoca delle misure di lockdown nel Paese, dicendo alle persone di lavorare di nuovo da casa, se possibile, e ha avvertito che le nuove misure, che includono la chiusura anticipata di pub e ristoranti a partire da domani, potrebbero restare in vigore anche per sei mesi.

Sul fronte dei dati macro, le vendite al dettaglio delle catene nazionali Usa nella terza settimana di settembre sono calate dello 0,9% a livello mensile.

A piazza Affari, in evidenza il settore bancario. In particolare banco Bpm (+2,83%), Bper (+1,64%), Intesa Sanpoalo (+1,22%), Unicredit (+0,46%).

Da notare Mediobanca (+1,85%). Secondo le fonti, i soci del Patto di consultazione che raggruppa poco meno del 13% del capitale di Mediobanca mostrano "apprezzamento unanime" per i dati di bilancio dell'istituto e confermano inoltre il sostegno all'a.d. Alberto Nagel in vista dell'assemblea del 28 ottobre chiamata a rinnovare gli organi sociali.

Prosegue il rally di B.Mps (+4,96%), con il titolo che torna sotto i riflettori del mercato, ancora sulla scia di ipotesi di M&A. "Se il Ministero dell'Economia, che è l'attuale azionista di riferimento, decide se e quando vendere la banca evidentemente fa parte di una trattativa in cui il management ragionevolmente non è coinvolto. Non ho idea di come escano certi articoli sui giornali", ha affermato l'a.d. Della banca, Guido Bastianini, durante un'audizione davanti alla commissione di inchiesta sulle banche, a proposito delle indiscrezioni circa una nuova richiesta del Mef a Unicredit per acquisire la banca senese.

Tra le mid cap, focus su Mediaset (+2,82%): oggi si terrà un`udienza presso il tribunale di Milano sulla causa per danni da 3 mld avviata da Mediaset contro Vivendi.

Sull'Aim, denaro su Neurosoft (+7,14%), Websolute (+6,43%) e Farmae (+6,42%).

cm

 

(END) Dow Jones Newswires

September 22, 2020 09:07 ET (13:07 GMT)

Copyright (c) 2020 MF-Dow Jones News Srl.