Il listino milanese tratta intorno alla parità (Ftse Mib +0,17%), in linea con la cautela delle principali piazze europee, in attesa dell'apertura di Wall Street, i cui future indicano un avvio poco mosso dopo che il Dow Jones ha archiviato la seduta di ieri su un nuovo massimo storico.

Sul fronte dei dati macro le richieste settimanali di sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti (dato destagionalizzato) sono diminuite di 92.000 unitá a quota 498.000. Il consenso raccolto dal Wall Street Journal si attendeva un dato a quota 527.000 unitá.

Il costo unitario del lavoro Usa, nel 1* trimestre, invece è calato dello 0,3%, meno di quanto previsto dal consenso degli economisti contattati dal Wall Street Journal che si aspettavano una contrazione dell'1%. Il dato del 4* trimestre è stato rivisto al +5,6%.

Da segnalare poi che la Banca centrale inglese ha deciso di confermare i tassi di interesse e il suo programma di quantitative easing.

A piazza Affari proseguono i forti guadagni per Unicredit (+5,44%) dopo i conti del trimestre oltre le attese. Seguono Banco Bpm (+2,31%), Bper (+2%), Intesa Sanpaolo (+1,24%) e Mediobanca (+0,32%).

In flessione invece Recordati (-1,5%) che ha registrato nel primo trimestre un utile netto di 89,9 mln euro, in calo del 19,2% rispetto ai 111,183 mln dello stesso periodo del 2020.

In rosso poi Tim (-5,95%) sempre in scia alle indiscrezioni di stampa secondo cui il Pnrr trasmesso archivia definitivamente l'ipotesi di un'integrazione tra Open Fiber e la struttura di Tim, con la maggioranza a quest'ultima, e si parla al plurale di reti.

"Abbiamo uno scenario davanti a noi che vogliamo portare fibra, banda mobile, qualunque soluzione tecnologicamente atta a dare la banda ultralarga a tutti, indipendetemente da dove sono. Lo faremo con delle gare e dei sussidi che potranno andare agli operatori in concorrenza, in collaborazione, in consorzio. Lo vedremo quando arriverá la gara ma il nostro obiettivo è politico e di Paese non di strutture societarie o di assetti societari", ha affermato a tal proposito il ministro per l'Innovazione tecnologica Vittorio Colao.

cm

 

(END) Dow Jones Newswires

May 06, 2021 09:09 ET (13:09 GMT)

Copyright (c) 2021 MF-Dow Jones News Srl.