Partenza sotto la parità per l'azionario europeo, con Milano che segna -0,03%, Parigi -0,48%, Francoforte -0,12% e Londra +0,02% dopo i primi scambi.

Sul sentiment del mercato, infatti, persistono le preoccupazioni legate da un lato a possibili nuove restrizioni all'attivitá in risposta al Covid-19 e dall'altro alle difficoltá nei colloqui sullo stimolo fiscale negli Stati Uniti.

A piazza Affari, bene il comparto oil e oil service dopo le perdite della vigilia: Saipem +1%, Eni +0,13%, Tenaris +0,07%.

In ripresa anche il settore bancario. In particolare Banco Bpm (+0,45%), Intesa Sanpaolo (+0,2%), Unicredit (+0,02%), Mediobanca (-0,31%), Bper (-0,25%), B.P.Sondrio +1,42%.

In calo Atlantia (-1,23%), con il mercato che si concentra sempre sulle evoluzioni del tema Aspi.

In flessione gli industriali, tra cui Pirelli (-2,61%), Leonardo Spa (-1,64%), Prysmian (-1,41%), Cnh I. (-1,16%), Stm (-0,39%).

Tra le mid cap, focus su Acea (-0,23%), che ha reso noto il piano al 2024. Nel dettaglio, il piano prevede investimenti complessivi pari a 4,7 mld di euro, con un incremento di circa 700 mln rispetto al Piano precedente; di cui 4,3 mld riferiti ad investimenti industriali, oltre l'80% in business regolati, e 0,4 mld riferiti ad operazioni di Merger & Acquisition (M&A).

Sull'Aim, sotto i riflettori Esi, che non apre e segna +50%. Il titolo ieri è salito del 50% nel giorno del debutto sull'Aim.

cm

 

(END) Dow Jones Newswires

October 27, 2020 04:32 ET (08:32 GMT)

Copyright (c) 2020 MF-Dow Jones News Srl.