Il listino milanese prosegue la seduta sotto la parità (Ftse Mib -0,74%), in linea con le priincipali piazze europee, con gli investori focalizzati sulla corsa dei rendimenti Usa.

Occhi puntati sull'Italia. "Oggi noi abbiamo, come accadde ai governi dell'immediato Dopoguerra, la possibilitá, o meglio la responsabilitá, di avviare una Nuova Ricostruzione", ha affermato il premier Mario Draghi nel corso del suo intervento al Senato, aggiungendo che "la governance del Programma di ripresa e resilienza è incardinata nel Ministero dell'Economia e Finanza con la strettissima collaborazione dei Ministeri competenti che definiscono le politiche e i progetti di settore".

A piazza Affari, in rialzo Mediobanca (+1,32%) ed Eni (+0,87%).

Tra le utility, da segnalare Terna (-0,4%), dopo che la società ha avviato la progettazione partecipata per l'Adriatic Link, il nuovo elettrodotto sottomarino che unirá Abruzzo e Marche, per il quale il gestore della rete elettrica nazionale investirá oltre 1 miliardo di euro, coinvolgendo circa 120 imprese tra dirette e indotto.

In flessione gli industriali: Stellantis -2,03%, Cnh i. -1,52%, Prysmian -1,28%, Ferrari -1,17%, B.Unicem -0,37%, Pirelli -0,3%.

Tra le mid cap, bene Enav (+0,37%), che, attraverso la controllata Ids AirNav, societá leader a livello globale nei sistemi di gestione delle informazioni aeronautiche, si è aggiudicata la gara bandita dal service provider del Kosovo (Ashna - Agjencia e Sherbimeve te Navigacionit Ajror) per fornire il sistema di Aeronautical Information Management (Aim).

Sull'Aim, denaro su Vetrya (+0,96%), che ha avviato lo sviluppo di servizi e piattaforme innovative operanti su reti ultra-broadband per il Padiglione Italia del prossimo Expo Dubai 2020.

cm

 

(END) Dow Jones Newswires

February 17, 2021 07:03 ET (12:03 GMT)

Copyright (c) 2021 MF-Dow Jones News Srl.