L'azionario milanese chiude debole la prima seduta della settimana, in linea con le altre Borse europee. A pesare sugli indici le preoccupazioni per la diffusione del coronavirus e il relativo impatto sull'economia globale.

Il Ftse Mib ha segnato un +0,12% a 24507 punti a fine giornata. Al momento Wall Street è poco mossa, con il Dow Jones che registra un +0,27%.

Sul fronte dei dati macro, la produzione industriale italiana a dicembre 2019 ha registrato una diminuzione del 2,7% rispetto a novembre, mentre per l'indice corretto per gli effetti di calendario si stima una flessione, in termini tendenziali, del 4,3%. I giorni lavorativi sono stati 20 contro i 19 di dicembre 2018.

Lo rileva l'Istat, precisando che nel complesso del quarto trimestre il livello della produzione registra una flessione dell'1,4% rispetto ai tre mesi precedenti. Nell'intero 2019 la produzione industriale è diminuita dell'1,3% sia in termini grezzi che al netto degli effetti di calendario.

A piazza Affari, in luce Exor (+4,08%): la societá ha confermato di essere entrata in trattative esclusive con Covea in merito a una eventuale vendita di Partner Re, che potrebbe portare una cedola extra in tasca agli azionisti. Secondo la stampa la valutazione dell'asset sarebbe pari a 9 mld usd.

Bene Nexi (+3,48%), su cui Mediobanca Securities ha conferma il rating outperform e il prezzo obiettivo a 13,8 euro, Moncler (+2,63%), su cui Equita Sim ha ribadito la raccomandazione buy e Tp di 45,7 euro in attesa dei conti 2019 e Unipol (+0,8%).

In ascesa Azimut (+2,95%), che ha registrato nel mese di gennaio 2020 una raccolta netta positiva per 573 mln euro, B.Generali (+2,44%), che ha chiuso il 2019 con un utile netto di 272,1 mln euro, in crescita del 51% e Anima H. (+0,62%), che ha acquistato, dal 3 al 7 febbraio, 2020 471.716 azioni proprie a un prezzo medio di 4,3648 euro per un controvalore pari a 2.058.965,47 euro.

Tra gli industriali, in rialzo Prysmian (+1,86%), Stm (+1,21%) e B.Unicem (+0,92%), su cui Kepler Cheuvreux ha alzato il prezzo obiettivo da 25,5 a 28,5 euro, confermando la raccomandazione buy, in scia ai risultati preliminari 2019.

In rosso Cnh I. (-2,18%), su cui JPMorgan ha ridotto il prezzo obiettivo da 11 a 9,5 usd, confermando la raccomandazione neutral, dopo i conti del quarto trimestre 2019, Fca (-1,83%) e Leonardo Spa (-0,93%).

Tra i bancari, bene Ubi B. (+0,64%), in scia ai conti 2019, Unicredit (+0,42%), su cui Credit Suisse ha alzato il prezzo obiettivo da 14,8 a 16 euro, confermando la raccomandazione outperform e Bper (+0,39%). In calo B.Mps (-3,18%), Mediobanca (-0,76%), Banco Bpm (-0,72%) e Intesa Sanpaolo (-0,69%).

Denaro su Tenaris (+0,62%), mentre perdono terreno Saipem (-1,36%) ed Eni (-0,98%). In rialzo anche Openjobmetis (+2,31%), su cui Equita Sim ha alzato il giudizio da hold a buy, con prezzo obiettivo a 9,4 euro.

Sull'Aim, rally di Wm Capital (+9,2%), H-Farm (+7,27%) e Tps (+5,11%), su cui Integrae Sim ha confermato la raccomandazione buy e il prezzo obiettivo a 8,4 euro dopo i dati preliminari 2019, superiori alle stime.

cm

chiara.migliaccio@mfdowjones.it

 

(END) Dow Jones Newswires

February 10, 2020 11:46 ET (16:46 GMT)

Copyright (c) 2020 MF-Dow Jones News Srl.
Grafico Azioni Openjobmetis (BIT:OJM)
Storico
Da Ott 2020 a Nov 2020 Clicca qui per i Grafici di Openjobmetis
Grafico Azioni Openjobmetis (BIT:OJM)
Storico
Da Nov 2019 a Nov 2020 Clicca qui per i Grafici di Openjobmetis