Giornata senza particolari spunti per il listino milanese, che ha chiuso la prima seduta della settimana con un +0,69% a 19.651 punti, in linea con le principali piazze europee.

Nel frattempo, Wall Street prosegue la seduta contrastata, dopo un avvio sopra la parità, con il Dow Jones che avanza dello 0,85% con Nike e Boeing in luce, mentre il Nasdaq Composite ha virato in negativo e cede lo 0,92%, con i big del comparto tecnologico come Amazon, Netflix, Alphabet e Microsoft in calo.

Gli investitori restano cauti sia sui nuovi stimoli del Governo Usa che sui rapporti sempre piú tesi tra Usa e Cina. Continua, infatti, lo stallo sul nuovo piano da 1.000 miliardi di dollari, fattore che ha costretto il presidente, Donald Trump, a firmare 4 ordini esecutivi, tra cui uno che ripristina parzialmente i sussidi straordinari alla disoccupazione.

A piazza Affari, in luce Unipol (+5,01% a 4,06 euro) e Unipolsai (+6,98% a 2,42 euro), su cui Kepler Cheuvreux ha alzato i prezzi obiettivo rispettivamente a 6,35 euro (da 6,15 euro) e a 2,8 euro (da 2,75 euro), confermando i rating buy, in scia ai conti del secondo trimestre 2020.

Tra gli industriali, in luce Cnh I. (+4,21%), dopo che Nikola, la societá quotata in America attiva nel settore dei camion a elettricitá e a idrogeno di cui è azionista Iveco, ha annunciato un ordine per 2.500 truck elettrici da Republic Services.

In progresso il comparto oil e oil service in scia al rialzo dei prezzi del petrolio, con Saipem che guadagna il 3,53%, Eni il 2,31% e Tenaris l'1,81%. In ascesa anche le utility, tra cui Hera (+3,11%), A2A (+1,73%), Italgas (+1,46%), Snam (+0,92%), Terna (+0,88%) ed Enel (+0,64%).

Bene Atlantia (+1,05%), dopo che il Consiglio di Amministrazione della societá ha avviato una trattativa in esclusiva, fino al 30 settembre, con il gestore globale di investimenti "private" Partners Group per la cessione di una partecipazione del 49% di Telepass.

Forti perdite per Juventus (-7,13%), che ha pagato l'eliminazione della

squadra bianconera dalla Champions League. In calo anche Diasorin (-3,66%), Amplifon (-1,94%) e Nexi (-1,59%).

Tra le mid cap, in evidenza Webuild (+2,52%), che ha firmato il contratto per un valore complessivo di circa 2,5 miliardi di euro per l'avvio dei lavori del primo lotto funzionale della linea alta velocitá ed alta capacitá (AV/AC) Verona-Padova, nella tratta Verona - Bivio di Vicenza.

Da notare Fiera Mi. (+7,72%) e Ieg (+1,08%), dopo che il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto agosto che introduce misure urgenti per il sostegno e rilancio dell`economia, stanziando ulteriori 25 mld e portando le risorse complessive messe in campo per reagire all`emergenza a 100 mld o il 6% del Pil. Le misure prevedono la ripartenza dal primo settembre della manifestazioni fieristiche e dei congressi.

Sull'Aim, denaro su Shedir Pharma (+2,88%), che ha proseguito i guadagni della scorsa seduta (+4,25%), dopo che la controllata della societá, Dymalife Pharmaceutical, ha finalizzato l'acquisizione specialitá medicinale Eminocs, giá commercializzato, nella formulazione 50mg/ml in gocce dalla societá farmaceutica multinazionale Alfasigma.

cm

 

(END) Dow Jones Newswires

August 10, 2020 11:57 ET (15:57 GMT)

Copyright (c) 2020 MF-Dow Jones News Srl.
Grafico Azioni Fiera Milano (BIT:FM)
Storico
Da Ott 2020 a Nov 2020 Clicca qui per i Grafici di Fiera Milano
Grafico Azioni Fiera Milano (BIT:FM)
Storico
Da Nov 2019 a Nov 2020 Clicca qui per i Grafici di Fiera Milano