Chiusura positiva per l'azionario europeo che ha accelerato in scia alle parole del Segretario al Tesoro Usa, Steven Mnuchin, e del presidente della Federal Reserve di Boston, Eric Rosengren. Il Ftse Mib ha segnato +1,13% a 20.437 punti, in linea con le principali piazze europee.

Nel frattempo, Wall Street prosegue la seduta in rialzo, dove il Dow Jones segna +0,92%, grazie alle notizie positive sul fronte dei vaccini e al rallentamento dei contagi da coronavirus in Usa.

A sostenere il sentiment del mercato, tuttavia, sono le parole del Segretario al Tesoro Usa, Steven Mnuchin, che si è detto a favore di un taglio delle tasse sui capital gain, una delle misure che l'Amministrazione Trump starebbe studiando. Mnuchin ha anche evidenziato come si vada verso l'attuazione del differimento dell'imposta sui salari.

Inoltre, il presidente della Federal Reserve di Boston, Eric Rosengren, ritiene che il supporto fiscale giocherá un ruolo importante nella gestione della crisi innescata dal Covid-19. Rosengren, secondo cui la mancanza di stimoli aggiuntivi sarebbe una pessima notizia, non esclude che il recente rallentamento dell'attivitá economica degli Usa persista vista la difficoltá per diversi Stati Usa nel tenere sotto controllo la pandemia di coronavirus.

Sul fronte dei dati macro, il Pil del Regno Unito è crollato del 20,4% a livello trimestrale e del 21,7% su base annuale nella lettura preliminare del secondo trimestre.

La produzione industriale nell'area euro, invece, è cresciuta a giugno del 9,1% su base mensile, ma rimane in calo del 12,3% a livello annuale. Il dato congiunturale è peggiore del consenso degli economisti, che si aspettavano un rimbalzo del 10% m/m.

Quanto agli Stati Uniti, l'inflazione è salita a luglio dello 0,6% a livello mensile e dell'1% su base annuale (+0,3% m/m e +0,8% a/a il consenso).

A piazza Affari, in luce S.Ferragamo (+4,17%) e Moncler (+3,64%). Seguono Campari (+2,06%) e Juventus (+1,77%).

Bene le utility, tra cui Terna (+2,69%), Hera (+2,29%), Snam (+2,22%), Enel (+1,83%), Italgas (+1,24%) e A2A (+1,16%).

Tra gli industriali, in evidenza Ferrari (+2,67% a 163,25 euro). Morgan Stanley ha confermato il giudizio overweight sul titolo con un prezzo obiettivo che sale da 180 a 265 usd, mentre Jefferies ha portato il Tp da 108 a 118 usd, con raccomandazione underperform.

In rialzo il settore bancario dopo i forti guadagni della vigilia: Unicredit +1,32%, Bper +1,28%, Intesa Sanpaolo +1,16%, Ubi B. +0,58%, Mediobanca +0,28%,

Focus sul comparto oil e oil service: Saipem -1,9%, Tenaris -0,49%, Eni +1,56%. La pandemia di coronavirus avrá un impatto sull'economia globale e sulla sua domanda di petrolio peggiore di quanto previsto in precedenza, ha avvertito l'Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio. Nel suo report mensile l'Opec ha infatti previsto un impatto piú grave del Covid-19 sulla domanda globale di petrolio nel 2020, peggiorando la sua stima di 100.000 barili al giorno a 9,1 milioni, ammontare che rappresenta un calo di oltre il 9% rispetto alla domanda dello scorso anno.

Tra le mid cap, bene Mediaset (+3,48%), Cir (+2,97%) e Dea Capital (+2,59%). Focus su Iren (+0,44%), dopo che Iren Ambiente, controllata interamente da Iren, ha perfezionato l'acquisto dell'80% del capitale sociale di I.Blu, il cui restante 20% continuerá a fare capo a Idealservice, societá cooperativa che opera nel settore dei servizi ambientali e di facility management.

Sull'Aim, in evidenza Sourcesense che ha segnato +50% nel giorno del debutto sull'Aim Italia.

cm

 

(END) Dow Jones Newswires

August 12, 2020 11:50 ET (15:50 GMT)

Copyright (c) 2020 MF-Dow Jones News Srl.
Grafico Azioni Iren (BIT:IRE)
Storico
Da Ott 2020 a Nov 2020 Clicca qui per i Grafici di Iren
Grafico Azioni Iren (BIT:IRE)
Storico
Da Nov 2019 a Nov 2020 Clicca qui per i Grafici di Iren