Seduta debole per il listino milanese, che ha chiuso con un -0,36% a 19.695 punti, in linea con le principali piazze europee. Il Ftse Mib, dopo gran parte della giornata in netta flessione, ha leggermente ridotto le perdite in scia ai movimenti di Wall Street.

Nel frattempo, la Borsa statunitense, dopo un avvio sotto la parità, è passata in positivo (Dow Jones +0,25%), in scia ai dati macro. Sul sentiment del mercato prevale comunque una certa cautela, con gli investitori che continuano a cercare di conciliare i segnali secondo cui la ripresa economica potrebbe essere disomogenea con le aspettative di ulteriori stimoli da parte di governi e banche centrali.

Sul fronte dei dati macro, l'indice Pmi composito dell'Eurozona preliminare di agosto, elaborato da Ihs Markit, si è attestato a 51,6 punti, in calo rispetto ai 54,9 di luglio e sotto le stime del consenso Wsj a 54,7 punti.

L'indice preliminare relativo al settore dei servizi si è invece attestato a 50,1 punti, in discesa rispetto ai 54,7 del mese precedente (54,6 punti il consenso Wsj). Quello manifatturiero è sceso marginalmente a 51,7 punti dai 51,8 precedenti (53 punti il consenso Wsj).

Entrando nel dettaglio dei singoli Stati, il Pmi manifatturiero preliminare della Germania è salito a 53 punti rispetto ai 51 di luglio (52,5 punti il consenso Wsj). L'indice preliminare relativo ai servizi tedeschi è invece risultato pari a 50,8 punti, in flessione rispetto ai 55,6 di luglio (55,4 punti il consenso Wsj).

Il Pmi manifatturiero della Francia è risultato pari a 49 punti, in calo rispetto ai 52,4 del mese precedente (53,1 punti il consenso Wsj).

Infine, l'indice Pmi servizi francese si è attestato a 51,9 punti, in risalita rispetto ai 57,3 punti di luglio (56 punti il consenso Wsj).

Il Pmi manifatturiero inglese, invece, nella lettura preliminare di agosto, è salito a 55,3 punti da quota 53,3 di luglio. Il dato, puntualizzano gli economisti di Ihs Markit, è sui massimi da 30 mesi e superiore alle stime di consenso Wsj a 53,6 punti.

L'indice di fiducia dei consumatori dell'area euro, secondo la lettura preliminare, si è attestato a -14,7 punti ad agosto, in lieve risalita rispetto ai -15 punti di luglio.

Quanto agli Stati Uniti, il Pmi servizi americano, nella lettura preliminare di agosto, si è attestato a 54,8 punti, in risalita rispetto ai 50 punti di luglio e, precisano gli economisti di Ihs Markit, è sui massimi da 17 mesi.

Il Pmi manifatturiero statunitense, invece, nella lettura preliminare di agosto, si è attestato a 53,6 punti, anche questo in salita rispetto ai 50,9 punti di luglio ed è, precisano gli economisti di Ihs Markit, sui massimi da 19 mesi.

A piazza Affari, in rialzo Cnh I. (+1,62%), in scia ai dati trimestrali oltre le attese di Deere, competitor della societá. In rosso, invece, Pirelli (-1,95%), Fca (-1,28%), Leonardo Spa (-1,56%), Prysmian (-0,62%).

Sotto l'attenzione degli analisti il comparto oil e oil service. In calo Saipem (-3,5%), su cui Bernstein ha ridotto la raccomandazione sulle azioni a market-perform da outperform, ed Eni (-0,78%), in scia alle indiscrezioni di stampa secondo cui gli Stati Uniti stanno valutando la possibilitá di annullare le esenzioni alle sanzioni venezuelane entro la scadenza di fine ottobre.

Tra le mid cap, in rialzo Danieli (+2,8%), in scia alle indiscrezioni di stampa secondo cui la societá è al lavoro per chiudere un nuovo potenziale maxi ordine da 450 mln usd in Russia.

Sull'Aim, in luce sempre Ki Group (+2,04%). Il titolo ha proseguito i forti recenti guadagni, dopo il +11,43% registrato mercoledì, il +6,06% di martedì e il +41,03% di lunedì.

cm

 

(END) Dow Jones Newswires

August 21, 2020 11:49 ET (15:49 GMT)

Copyright (c) 2020 MF-Dow Jones News Srl.
Grafico Azioni Danieli & C (BIT:DAN)
Storico
Da Set 2020 a Ott 2020 Clicca qui per i Grafici di Danieli & C
Grafico Azioni Danieli & C (BIT:DAN)
Storico
Da Ott 2019 a Ott 2020 Clicca qui per i Grafici di Danieli & C