Inizio di settimana cauto per l'azionario europeo, con Wall Street che è rimasta chiusa per il Martin Luther King's Day. In particolare, il Ftse Mib ha segnato +0,53% a 22.498 punti.

Il focus del mercato è stato anche oggi da un lato sugli sviluppi della pandemia di Covid-19, dall'altro sull'incertezza politica in Italia.

Il presidente del consiglio, Giuseppe Conte, infatti, è intervenuto oggi alla Camera, dove verrá chiesta la fiducia. Il voto è previsto in serata. L'appuntamento in Senato, invece, è fissato per domani alle 9h30.

"Il Governo ha bisogno dalla massima coesione possibile e del piú ampio consenso in Parlamento", ha affermato Conte, aggiungendo che "servono forze parlamentari volenterose, con la consapevolezza delle difficoltá che stiamo attraversando, donne e uomini capaci di rifuggere gli egoismi e disponibili a mantenere elevata la dignitá della politica".

Sul fronte dei dati macro, da segnalare che i dati cinesi sono stati positivi, con il Pil nel quarto trimestre 2020 che è salito del 6,5% a/a, anche se i consumi restano sotto i livelli di fine 2019.

A piazza Affari, sotto i riflettori Stellantis (+7,57% a 13,52 euro), nel primo giorno di contrattazioni. La societá fará leva sui vantaggi della fusione miliardaria tra Fca e Psa "per perseguire una forte performance e aumentare ulteriormente il valore per gli azionisti sulla base di vantaggi competitivi senza pari", ha affermato Carlos Tavares, ceo del nuovo gruppo nato dalla fusione di Fca e Psa. Bene anche Exor (+2,64%).

Tra gli industriali, in rialzo anche Cnh I. (+0,95%), dopo che Iveco Defence Vehicles si è aggiudicata un contratto quadro da parte delle forze armate tedesche per la fornitura di fino a 1.048 camion Trakker militari, da consegnarsi tra il 2021 e il 2028.

In territorio positivo il settore bancario, con lo spread che ha chiuso a quota 115,718 punti base: Bper +2,21%, Unicredit +0,91%, Banco Bpm +0,21%, Mediobanca +0,56%, B.Mps +0,65%, B.P.Sondrio +1,37%. Da notare Intesa Sanpaolo (+0,80% a 1,91 euro), promossa da Banca Akros ad accumulate da neutral, con un target price rivisto da 1,9 euro a 2,25 euro.

In calo, invece, Enel (-3,09%) e Snam (-2,54%), che hanno pagato lo stacco della cedola. Enel, in particolare, oggi ha staccato un dividendo di 0,175 euro, mentre Snam una cedola di 0,0998 euro (entrambe in pagamento il 20 gennaio).

Bene anche Openjobmetis (+0,81% a 7,44 euro), dopo che Intesa Sanpaolo ha avviato la copertura sul titolo con rating buy e prezzo obiettivo a 10 euro.

Sull'Aim, denaro su Relatech (+3,31% a 7,48 euro), dopo che Kt&Partners ha alzato il fair value del titolo a 10,12 euro da 9,04 euro, confermando a add la raccomandazione.

cm

 

(END) Dow Jones Newswires

January 18, 2021 11:49 ET (16:49 GMT)

Copyright (c) 2021 MF-Dow Jones News Srl.