L'azionario europeo in forte flessione (Ftse Mib -3,14%, Cac 40 -3,3%, Dax -3,78%, Ftse 100 -2,38%), dopo l'apertura in netto calo di Wall Street.

Il Dow Jones cede il 2,09% e il Nasdaq perde il 2%, con gli investitori che temono il forte aumento dei contagi da coronavirus e nuovi lockdown che affosserebbero la ripresa dell'economia.

A piazza Affari, in rosso Amplifon (-6,56%), che ha chiuso i 9 mesi con un utile netto di 41,1 mln euro, in calo rispetto ai 75,7 mln su base ricorrente registrati nello stesso periodo del 2019.

In forte calo gli industriali: B.Unicem -5,85%, Pirelli -4,12%, Leonardo Spa -3,95%, Stm -3,57%, Cnh I. -2,62%, Ferrari -2,04%.

Da notare Fca (-2,97%), che ha riportato nel terzo trimestre dell'anno un utile netto di 1,2 miliardi di euro e utile netto adjusted a 1,5 miliardi di euro. L'Ebit adjusted si è attestato a 2,3 miliardi di euro, con risultati record in Nord America.

In flessione Eni (-2,8%), che ha registrato nel trimestre una perdita netta adjusted di 0,15 mld contro una previsione del consensus di -0,18 mld. Bene, invece, Saipem (+0,43%).

Tra le mid cap, in rialzo Acea (+1,05% a 17,4 euro), su cui Kepler Cheuvreux ha alzato il prezzo obiettivo da 20 a 22 euro, confermando la raccomandazione buy dopo la presentazione del piano industriale.

Sull'Aim, in rosso Esi (-18,98% a 3,82 euro). Il titolo è salito ieri del 49,52%, dopo il +50% di lunedì, giorno del debutto sull'Aim.

cm

 

(END) Dow Jones Newswires

October 28, 2020 10:11 ET (14:11 GMT)

Copyright (c) 2020 MF-Dow Jones News Srl.
Grafico Azioni Saipem (BIT:SPM)
Storico
Da Ott 2020 a Nov 2020 Clicca qui per i Grafici di Saipem
Grafico Azioni Saipem (BIT:SPM)
Storico
Da Nov 2019 a Nov 2020 Clicca qui per i Grafici di Saipem