"Le voci che circolano su accelerazioni di fusioni tra banche, anche fra più istituti, devono trovare conferma, ma è necessario chiarire la nostra contrarietà a ipotesi pensate solo per logiche di massimizzazione del profitto, taglio dei costi e del personale senza una seria logica industriale, una visione di lungo periodo, finalizzata a realizzare aziende sostenibili e orientata a offrire un supporto valido e concreto per territori, famiglie e imprese".

Lo afferma Fulvio Furlan, segretario generale Uilca, sul tema delle fusioni. "Il settore del credito giocherà un ruolo centrale per gestire le risorse del Piano Nazionale di Rilancio e Resilienza, pertanto deve consolidarsi con logiche di sostenibilità compatibili al fondamentale compito anche sociale che le banche devono svolgere. In questo scenario, le banche che possono essere interessate da operazioni di aggregazioni, come Banco Bpm, Bper, e quelle in difficoltà, quali Mps, Carige e altre, non possono essere viste come semplici pedine da spostare, ma va rispettata la loro identità e i sacrifici con cui le lavoratrici e i lavoratori hanno operato in questi anni per garantirne la continuità", conclude Furlan. "Saremo sempre fermamente contrari a soluzioni che impattino in modo negativo sull'occupazione".

alb

alberto.chimenti@mfdowjones.it

 

(END) Dow Jones Newswires

May 06, 2021 13:25 ET (17:25 GMT)

Copyright (c) 2021 MF-Dow Jones News Srl.