E' necessario fornire protezioni ai bancari anche nella fase 2. E' quanto emerso dall'analisi congiunta fra i segretari generali delle organizzazioni sindacali di settore Fabi, First Cisl, Fisac Cgil, Uilca e Unisin e Abi, ai sensi del protocollo di settore.

"Ai fini della partecipazione delle parti sociali di settore alla commissione di esperti per l'implementazione e adeguamento di un'organizzazione del lavoro improntata alla massima sicurezza per i lavoratori ed i clienti, anche nella successiva fase di ripartenza dell'attività economica, abbiamo convenuto che il presidente Colao debba conoscere le specificità del protocollo di settore, tra le quali l'obbligo dell'appuntamento per poter fruire dei servizi, che è stato appunto preso a riferimento da alcune ordinanze regionali, a testimonianza delle scelte corrette praticate da organizzazioni sindacali di settore e Abi", si legge in una nota dei sindacati.

"È indiscutibile che l'utilizzo delle mascherine e degli altri dispositivi di protezione individuale dovranno riguardare i lavoratori anche nella cd fase 2 dell'emergenza sanitaria. L'analisi proseguirà giovedì 16 riguardo al possibile utilizzo dei fondi messi a disposizione con il decreto Cura Italia, connessi all'utilizzo della parte ordinaria del Fondo di solidarietà. Auspicabilmente, definiremo delle linee guida riguardo ai criteri di richiesta e utilizzo di detti fondi avendo a riferimento la necessità di mantenere inalterata la retribuzione e di far lavorare bene, senza inutili e dannose pressioni di qualsiasi genere, le lavoratrici e i lavoratori che si stanno prodigando per assistere persone e imprese", concludono.

liv

 

(END) Dow Jones Newswires

April 14, 2020 10:23 ET (14:23 GMT)

Copyright (c) 2020 MF-Dow Jones News Srl.