"Gli Stati membri dell'Ue hanno emesso 600 milioni di certificati. Si tratta di uno strumento affidabile e che permette di viaggiare nell'Ue. Inoltre, 51 Paesi di 5 continenti sono connessi al sistema dei certificati dell'Ue, che sono diventati uno standard globale. La Commissione proporrà presto l'estensione del regolamento sul certificato digitale oltre l'estate in modo da continuare a poterlo usare per combattere la pandemia".

Lo ha detto il commissario Ue per la Giustizia, Didier Reynders, in conferenza stampa presentando la nuova raccomandazione della Commissione europea sui viaggi nell'Ue.

"Proponiamo di rivedere l'approccio sulla libertà di movimento nell'Ue. La pandemia non è finita, stiamo seguendo gli sviluppi della situazione e le regole sui viaggi devono tenere in considerazione questa volatilità. Nella nostra proposta chiediamo agli Stati membri che i possessori dei certificati, in principio, non siano soggetti a restrizioni aggiuntive, come quarantena e test, per i viaggi a prescindere dal Paese di provenienza nell'Ue", ha spiegato, aggiungendo che "coloro che non sono in possesso del certificato dovrebbero poter comunque viaggiare ma avranno bisogno di un test fatto prima o dopo l'arrivo. Proponiamo anche eccezioni alle restrizioni per alcuni gruppi, come i camionisti, i bambini e lavoratori transfrontalieri".

cos

 

(END) Dow Jones Newswires

November 25, 2021 07:45 ET (12:45 GMT)

Copyright (c) 2021 MF-Dow Jones News Srl.