Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) riserva circa 41 miliardi di euro al pilastro dell'Innovazione Digitale, di cui 24 miliardi di euro di risorse saranno destinate alla digitalizzazione, innovazione e competitività del sistema produttivo. L'Italia si posiziona oggi tra gli ultimi posti in Europa come livello di digitalizzazione a causa di vari fattori che includono sia la limitata diffusione di competenze digitali, sia la bassa adozione di tecnologie avanzate, come ad esempio il cloud. Il Gruppo Credem, tra i principali e più solidi gruppi bancari nazionali, per il 2021 e 2022 metterà a disposizione oltre 5,5 miliardi di euro di finanziamenti con particolare riguardo alle forme di finanza agevolata previste dal piano di Transizione 4.0 e alle direttrici d'investimento previsto dal PNRR confermando la volontà del di supportare concretamente la ripresa economica del paese ed accompagnare il processo di transizione digitale.

In tale contesto Credem ha inoltre avviato un progetto denominato Digital Hub Imprese, che punta a semplificare e rendere più digitale e il rapporto banca-impresa e poter così accompagnare i propri clienti nel percorso di transizione digitale, fondamentale per rafforzare la competitività nell'attuale contesto economico.

Il "Digital Hub Imprese" prevede l'attivazione di tre nuovi servizi: una nuova piattaforma digitale in cloud per per la gestione del Supply Chain Management realizzato da Credemtel e Sata, società del Gruppo Credem specializzate in servizi digitali, grazie al quale l'impresa acquirente ed i suoi fornitori potranno gestire in modo integrato tutto il ciclo di approvvigionamento, con scambi digitali di ordini e fatture; una nuova piattaforma denominata "Fast Factoring Digitale" realizzata da Credemfactor, società del gruppo specializzata nei servizi di factori, che permette ai clienti di accedere alla propria posizione e di inviare le disposizioni di factoring in modalità totalmente digitale; la firma digitale dei contratti di leasing autoveicoli lanciata da Credemleasing, società del Gruppo leader nel leasing immobiliare, nautico, auto.

Con questi servizi le imprese clienti potranno gestire in modalità totalmente digitale i rapporti con i fornitori, controllare gli avanzamenti di ordini e fatture, accedere facilmente ad anticipi e finanziamenti, al factoring ed a leasing. In questo contesto sarà posta particolare attenzione alla sicurezza dei dati poiché le imprese si affideranno alla banca in qualità di partner digitale.

Tale iniziativa si affianca al costante sostegno creditizio erogato da Credem alle oltre 187 mila imprese clienti. Al 30 aprile 2021 Credem ha erogato oltre 1 miliardo di euro di finanziamenti a medio termine alle imprese, ha stipulato circa 320 milioni di euro di leasing ed ha finanziato il capitale circolante delle imprese con circa 1,2 miliardi di turnover factoring. Le aziende sono assistite da 37 centri imprese corporate dedicati alle imprese con fatturato superiore a 5 milioni di euro, 52 centri small business dedicati alle imprese con fatturato tra 1 e 5 milioni di euro ed oltre 400 filiali dedicate alle famiglie e alle imprese e ditte individuali con fatturato inferiore ad 1 milione di euro con oltre 700 professionisti dedicate all'assistenza della clientela imprese.

Corrado Biuso, Responsabile Commerciale Medie e Grandi Imprese di Credem, ha commentato: "dall'ascolto dei nostri clienti di medie e grandi dimensioni, è emersa forte l'esigenza di un sistema per gestire un elevato numero di fornitori in logica di filiera. Per questo, grazie alle competenze di Credemtel e Sata, società del gruppo Credem specializzate nella realizzazione di servizi digitali per le imprese, abbiamo realizzato una nuova piattaforma digitale in cloud per la gestione del Supply Chain Management, grazie alla quale l'impresa acquirente ed i suoi fornitori potranno gestire su un'unica piattaforma integrata i due momenti fondamentali del ciclo di approvvigionamento: il processo degli ordini e fornitura dei beni/servizi e la riconciliazione delle fatture. Nell'ambito del rapporto banca-impresa un altro bisogno forte a cui abbiamo dato una risposta concreta è la digitalizzazione del processo di cessione dei crediti con il Factoring; grazie a Credemfactor, società del gruppo specializzata in factoring, oggi le nostre PMI possono azzerare la carta e le postalizzazioni e gestire tutto il processo in digitale. Ma non ci fermiamo. Il prossimo passo del Programma del Digital Hub sarà quello di collegare gli ordini e le fatture che transiteranno sulla piattaforma del Supply Chain con le richieste di smobilizzo dei crediti con Credemfactor e poi anticipi e finanziamenti, utilizzando il servizio di factoring con una modalità completamente digitale".

Claudia Ferraguti, Responsabile Commerciale Privati e Piccole Imprese Credem, ha aggiunto: "il tessuto delle piccole imprese clienti ci chiede consulenza, vicinanza e semplicità. Per questo i nostri clienti potranno avere a disposizione senza particolare formalità un finanziamento predeliberato dalla loro area riservata di Credem.it. Abbiamo inoltre digitalizzato il processo di firma dei contratti di leasing auto grazie a Credemleasing. Questo tipo di innovazioni permette alle PMI di trovare risposte di valore, risparmiare tempo e mantenere al centro la relazione tra i Wellbanker Imprese ed il cliente".

Il Gruppo Credem svilupperà altre importanti novità con l'ambizione di semplificare ulteriormente i processi delle imprese e consentire l'accesso a tutti i servizi del Gruppo attraverso l'Internet Banking aziende. L'obiettivo è quello di collegare la Supply Chain Management ai prodotti finanziari della banca aprendo inoltre a collaborazioni con fintech e società specializzate in servizi extrabancari, per creare un vero e proprio ecosistema a servizio dell'accelerazione digitale, sfruttando tutti i vantaggi dell'open banking.

Il gruppo Credem nell'ultimo anno ha digitalizzato i processi interni attivando i processi di smart working ed è tra le aziende premiate con lo "Smart Working Award 2020" dall'Osservatorio del Politecnico di Milano, grazie alla possibilità data ai propri 6.200 dipendenti di lavorare in modalità smart. Nel 2020 ha inoltre digitalizzato i principali processi di vendita alla clientela consentendo la firma della documentazione a distanza; unitamente all'uso di videochiamate, Internet banking e Contact center, Credem permette un'operatività completa a distanza. Ha inoltre dematerializzato la maggior parte dei suoi processi interni, favorendo un efficientamento del servizio e un minore impatto ambientale.

alb

alberto.chimenti@mfdowjones.it

 

(END) Dow Jones Newswires

July 22, 2021 07:14 ET (11:14 GMT)

Copyright (c) 2021 MF-Dow Jones News Srl.
Grafico Azioni Credem (BIT:CE)
Storico
Da Ago 2021 a Set 2021 Clicca qui per i Grafici di Credem
Grafico Azioni Credem (BIT:CE)
Storico
Da Set 2020 a Set 2021 Clicca qui per i Grafici di Credem