La strada aperta da Fca - che ha chiesto e ottenuto un prestito da 6,3 miliardi da Intesa Sanpaolo con garanzia Sace - è battuta da tantissime aziende italiane di piccole, medie e grandi dimensioni. Del resto, la liquidità che arriverà dalle banche - oltre a Ca de Sass sono impegnate Unicredit, Ubi, BancoBpm e la francese Bnp Paribas - è una modalità che consente di garantire anche l'attività della filiera produttiva e dell'indotto. E non ha effetti sui ratios patrimoniali degli istituti di credito.

Così, scrive MF, se il gruppo Atlantia nel suo complesso sta per chiedere quasi due miliardi (Aspi lavora a linee per 1,25 miliardi, AdR per 250 milioni, oltre a Pavimental) e Fincantieri st trattando linee per 1,8 miliardi, ecco che l'elenco si fa sempre più lungo, giorno dopo giorno. Anche perché secondo gli ultimi dati diffusi da Sace, in istruttoria presso le banche ci sono 250 operazioni per un valore totale di 18,5 miliardi. Adesso alle varie Costa Crociere (500 milioni), Alpitour (300 milioni), Api (300 milioni) Autogrill (250 milioni), Magneti Marelli (2o0 milioni). Unieuro (150 milioni), Ovs (100 milioni) ed Eataly (100 milioni), si vanno ad aggiungere in particolare le aziende del settore moda e lusso.

La maison Valentino, di proprietà di Mozah bint Nasser al Missned, madre dell'attuale emiro del Qatar, sta trattando con un pool di banche capitanate da Intesa per ottenere una linea di credito garantita da 200 milioni. Stessa cifra che Luciano Benetton sta chiedendo a Unicredit e altre banche per dare ossigeno all'omonimo gruppo d'abbigliamento in sofferenza da anni.

red

 

(END) Dow Jones Newswires

May 20, 2020 02:50 ET (06:50 GMT)

Copyright (c) 2020 MF-Dow Jones News Srl.
Grafico Azioni Tps (BIT:TPS)
Storico
Da Ott 2020 a Nov 2020 Clicca qui per i Grafici di Tps
Grafico Azioni Tps (BIT:TPS)
Storico
Da Nov 2019 a Nov 2020 Clicca qui per i Grafici di Tps