La legislazione statunitense per frenare l'influenza delle grandi aziende tecnologiche, che include l'introduzione di nuove restrizioni sui contenuti online, sta iniziando a guadagnare terreno al Congresso mentre i legislatori definiscono meglio i loro obiettivi e cercano di attirare l'attenzione del pubblico sulla proposta.

Un gruppo bipartisan di senatori tra cui la Dem, Amy Klobuchar, e il repubblicano, Chuck Grassley, si è espresso la scorsa settimana a favore di una legislazione che vieti alle piattaforme dominanti di favorire i propri prodotti o servizi, sostenendo sforzi simili già in corso alla Camera.

I leader della Commissione per l'Energia e il Commercio della Camera, nel frattempo, hanno presentato la loro proposta di vasta portata per scoraggiare le società di social media dal promuovere contenuti dannosi. "C'è un diverso senso di urgenza ora, unito a un livello di bipartitismo davvero raro", ha affermato Tim Wu, assistente speciale del presidente Usa, Joe Biden, per la tecnologia e la concorrenza. "Questo è, come si suol dire, il momento giusto", ha aggiunto.

Alla base di gran parte delle recenti azioni ci sono le rivelazioni nel quadro dei cosiddetti Facebook Files, che includono la ricerca interna di Facebook secondo cui l'app Instagram peggiora le preoccupazioni sull'immagine estetica per un sostanziale numero di ragazze adolescenti. Le rivelazioni hanno portato a due audizioni al Senato e hanno rinnovato le richieste di rimedi legislativi.

Una delle misure con più possibilità di essere approvata è un aggiornamento del Children's Online Privacy Protection Act del 1998, che ha sostegno bipartisan tra i legislatori ed è anche sostenuto dai gruppi di difesa dei bambini. "Se c'è una possibilità riguarda i bambini", ha detto Josh Golin, direttore esecutivo di Fairplay, un gruppo senza scopo di lucro precedentemente noto come Campaign for a Commercial-Free Childhood, parlando delle prospettive della legislazione sulla tecnologia.

Golin e altri vogliono che la legge venga aggiornata per impedire alle società di Internet di raccogliere informazioni personali di ragazzi dai 13 ai 15 anni senza il consenso dell'utente. Vogliono anche una dichiarazione sui diritti di marketing digitale per i minori che limiti la raccolta di informazioni personali degli adolescenti.

Tale azione non è affatto assicurata. Facebook e altre importanti società tecnologiche, tra cui Amazon.com, Google e Apple svolgono tutte vaste operazioni di lobbying a Washington. Durante la prima metà di quest'anno, Amazon ha speso 10,2 milioni di dollari in operazioni di lobbying e Facebook 9,6 milioni, secondo OpenSecrets, classificando le società al primo e al secondo posto tra i lobbisti aziendali.

Le grandi aziende tecnologiche hanno affermato in generale di supportare una regolamentazione aggiornata delle società di Internet. Facebook ha pubblicato annunci su servizi di streaming e tv sollecitando una nuova regolamentazione da parte del Congresso, osservando che l'ultima volta che i legislatori hanno approvato regolamenti su Internet completi è stato nel 1996. "Le aziende come Facebook hanno sfide e responsabilità completamente diverse ed è per questo che Facebook supporta normative Internet aggiornate", ha detto la società.

Le aziende si sono però opposte a molte proposte specifiche al Congresso. Quando si tratta di modernizzare le leggi antitrust, le aziende e i loro sostenitori generalmente sostengono di operare in mercati altamente dinamici e avvertono che le attuali proposte del Congresso potrebbero danneggiare gravemente l'economia online e la competitività degli Stati Uniti.

Mark Isakowitz, vicepresidente di Google per gli Affari governativi e le Politiche pubbliche, ha affermato che la società fa parte di una "industria in rapida evoluzione e competitiva" e non si oppone al controllo antitrust o a una maggiore regolamentazione della privacy e delle piattaforme online al servizio dei bambini. Quando si tratta delle nuove proposte antitrust, ha aggiunto, "il Congresso dovrebbe considerare attentamente le conseguenze indesiderate per gli americani e le piccole imprese derivanti dal colpire una gamma di prodotti popolari che le persone usano ogni giorno".

C'è anche da notare una certa inerzia da parte del Congresso. Una legge federale completa sulla privacy, la modernizzazione delle leggi antitrust e un ripensamento dello scudo di responsabilità federale delle società tecnologiche sono rimasti incompiuti da quando il pendolo politico ha iniziato a oscillare contro le società dopo le elezioni del 2016.

Cinque anni dopo una reazione pubblica contro le principali piattaforme Internet, soprannominata techlash, i legislatori hanno approvato solo una manciata di piccoli cambiamenti che interessano l'ambiente online. "E' francamente a dir poco patetico", ha detto il senatore Dem, Mark Warner, un critico del settore di lunga data.

Warner e altri sono fiduciosi sulle modifiche, tuttavia, in gran parte a causa dei documenti interni divulgati nei file di Facebook e forniti da Frances Haugen, una ex dipendente di Facebook che ha successivamente testimoniato davanti a un panel del Senato. "Il pubblico chiede di intervenire e c'è un sostegno bipartisan agli sforzi del Congresso per, perlomeno, aggiornare le leggi che proteggono i nostri ragazzi online", ha detto il senatore democratico, Ed Markey, uno dei principali autori della legge sulla privacy dei bambini del 1998 che sta spingendo per inasprirla.

cos

 

(END) Dow Jones Newswires

October 19, 2021 05:58 ET (09:58 GMT)

Copyright (c) 2021 MF-Dow Jones News Srl.
Grafico Azioni Vianini (BIT:VIA)
Storico
Da Dic 2021 a Gen 2022 Clicca qui per i Grafici di Vianini
Grafico Azioni Vianini (BIT:VIA)
Storico
Da Gen 2021 a Gen 2022 Clicca qui per i Grafici di Vianini