Inflazione: Istat stima +0,1% m/m a febbraio (+1% a/a)

Data : 15/03/2019 @ 11:26
Fonte : MF Dow Jones (Italiano)

Inflazione: Istat stima +0,1% m/m a febbraio (+1% a/a)

A febbraio 2019, si stima che l'indice nazionale dei prezzi al consumo per l'intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, aumenti dello 0,1% rispetto al mese precedente e dell'1% su base annua (da +0,9% registrato nel mese precedente). La stima preliminare era +1,1%.

Lo rileva l'Istat spiegando che le componenti maggiormente volatili continuano a determinare oscillazioni dell'inflazione, sia al rialzo sia al ribasso. A febbraio sono i prezzi dei beni alimentari non lavorati a spiegare in buona parte l'accelerazione dell'inflazione, dopo il rallentamento di gennaio (anch'esso dovuto per lo più a componenti volatili quali gli energetici non regolamentati). La crescita dei prezzi al consumo depurata dell'influenza di queste componenti rimane debole e al di sotto del mezzo punto percentuale. Le stime definitive confermano che a febbraio i prezzi dei beni a elevata frequenza di acquisto sono cresciuti in misura significativamente più elevata del paniere nel suo complesso (a causa soprattutto dei vegetali freschi).

L'accelerazione di appena un decimo di punto dell'inflazione a febbraio è imputabile prevalentemente ai prezzi dei beni alimentari non lavorati (da +1,7% a +3,7%) e dei tabacchi (da +2,9% a +4,5%) e in misura minore ai prezzi dei beni alimentari lavorati (da una variazione tendenziale nulla a +0,5%) e dei beni energetici non regolamentati (da +0,3% a +0,8%); questi andamenti sono stati in larga parte bilanciati dal rallentamento dei prezzi dei servizi relativi ai trasporti (da +2,2% a +0,9%) e dall'aumentata flessione di quelli dei servizi relativi alle comunicazioni (da -2,0% a -4,8%).

L'inflazione di fondo, cioè al netto degli energetici e degli alimentari freschi, decelera lievemente da +0,5% a +0,4%, mentre quella al netto dei soli beni energetici accelera da +0,6% a +0,7%. Il leggero aumento congiunturale dell'indice generale è dovuto principalmente alla crescita dei prezzi dei Beni alimentari non lavorati (+1,3%), dei Tabacchi (+1,5%) e dei Beni energetici non regolamentati (+0,6%), solo in parte bilanciata dal calo dei prezzi dei Servizi relativi alle comunicazioni (-2,7%).

L'inflazione torna ad accelerare in modo marcato per i beni (da +0,7% a +1,3%), mentre rallenta per i servizi (da +1,1% a +0,7%); pertanto rispetto al mese di gennaio il differenziale inflazionistico tra servizi e beni torna negativo e pari a -0,6 punti percentuali (era +0,4 nel mese precedente).L'inflazione acquisita per il 2019 è +0,2% per l'indice generale e -0,3% per la componente di fondo.

L'indice armonizzato dei prezzi al consumo (Ipca) diminuisce dello 0,3% su base mensile (per effetto di un'ulteriore riduzione di prezzo dei saldi invernali dell'abbigliamento e calzature, di cui l'indice Nic non tiene conto) e aumenta dell'1,1% su base annua, in accelerazione da +0,9% del mese precedente. La stima preliminare era +1,2%.L'indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (FOI), al netto dei tabacchi, registra un aumento dello 0,1% su base mensile e dello 0,8% rispetto a febbraio 2018.

pev

 

(END) Dow Jones Newswires

March 15, 2019 06:11 ET (10:11 GMT)

Copyright (c) 2019 MF-Dow Jones News Srl.
La tua Cronologia
BIT
BMPS
Monte Pasc..
BITI
FTSEMIB
FTSE Mib
BIT
UCG
Unicredit
NASDAQ
AAPL
Apple
FX
EURUSD
Euro vs Do..
Le azioni che visualizzerai appariranno in questo riquadro, così potrai facilmente tornare alle quotazioni di tuo interesse.

Registrati ora per creare la tua watchlist personalizzata in tempo reale streaming.

Per accedere al tempo reale push di Borsa è necessario registrarsi.

Accedendo ai servizi offerti da ADVFN, ne si accettano le condizioni generali Termini & Condizioni

P: V:it D:20190626 21:22:05