Usa: sanzioni bloccano lavori gasdotto North Stream 2

Data : 23/12/2019 @ 11:54
Fonte : MF Dow Jones (Italiano)
Titolo : Engie (ENGI)
Quotazione : 9.876  0.054 (0.55%) @ 10:58
Quotazione Engie Grafico

Usa: sanzioni bloccano lavori gasdotto North Stream 2

Grafico Azioni Engie (EU:ENGI)
Storico


Da Nov 2019 a Mag 2020

Clicca qui per i Grafici di Engie

Le sanzioni imposte dagli Stati Uniti hanno temporaneamente bloccato la costruzione del gasdotto concepito per aumentare il flusso di gas naturale proveniente dalla Russia e destinato alla Germania sotto il Mar Baltico. Le misure colpiranno tutte le imprese e le persone che partecipano alla costruzione dell'oleodotto e impediranno a tali società di fare affari negli Usa o con società collegate con il Paese.

Washington si oppone da tempo al progetto perché aumenterà la dipendenza della Germania e dell'Europa dall'energia russa e aumenterà i profitti per il Cremlino.

Allseas Group, l'azienda che si è aggiudicata l'appalto, con sede in Svizzera, che sta costruendo il gasdotto per conto di un consorzio guidato dal colosso energetico statale russo Gazprom, ha dichiarato di aver sospeso le attività sabato, poche ore dopo che il presidente america, Donald Trump, ha firmato un disegno di legge che reca la disposizione che impone sanzioni contro qualsiasi entità che lavora sul gasdotto sottomarino.

North Stream 2, l'oleodotto dal valore di 10,5 miliardi di dollari, che corre parallelamente all'attuale gasdotto Nord Stream e raddoppierà la capacità di esportare gas russo direttamente in Germania, ha causato a lungo tensioni tra Washington e Berlino.

La cancelliera tedesca, Angela Merkel, ha annunciato al Parlamento la scorsa settimana che avrebbe aumentato le sanzioni contro Trump in quanto il gasdotto è di importanza strategica per la Germania e l'Europa. "Il Governo federale respinge le sanzioni extraterritoriali che colpiscono le società tedesche ed europee e interferiscono nei nostri affari interni", ha detto un portavoce di Merkel in una dichiarazione, rilasciata in risposta all'interruzione dei lavori.

Alcuni consiglieri della cancelliera hanno affermato che Merkel e il presidente russo, Valdimir Putin, sono stati in contatto relativamente alle sanzioni, aggiungendo di aspettarsi che la Russia terminerà l'oleodotto nonostante la battuta d'arresto in seguito alle sanzioni.

Il ministero degli Esteri russo ha dichiarato sabato che le sanzioni di Washington non ostacoleranno i progetti economici di Mosca e che la società continuerà con i lavori del gasdotto a prescindere dalle decisioni degli Stati Uniti. In una dichiarazione, i funzionari russi hanno accusato gli Stati Uniti di cercare di imporre il suo costoso gas liquefatto sull'Europa e di bloccare lo sviluppo economico europeo, minando così la sua capacità di competere sul mercato. "Per questo motivo, gli europei perderanno su tutti i fronti", afferma la dichiarazione, spiegando che "Washington ha deciso di non risparmiare nessuno, nemmeno i suoi più stretti alleati nella Nato, nell'interesse delle sue ambizioni geopolitiche e del profitto commerciale".

Allseas, leader globale nella costruzione di condotte offshore, ha dichiarato che avrebbe interrotto i lavori previsti dal progetto in conformità con la legislazione degli Stati Uniti. Le sue navi, Solitaire e Pioneering Spirit rimarranno nell'area ma non poseranno più le tubature, ha detto un portavoce di Allseas, il quale ha aggiunto che, la scorsa settimana, quando il lavoro è dovuto cessare, il progetto sarebbe stato completato in un mese.

Jens D. Mueller, portavoce della casa madre di North Stream 2, ha dichiarato che il gasdotto sarebbe terminato nonostante Allseas abbia fermato la sua flotta. "Il completamento del progetto è essenziale per la sicurezza dell'approvvigionamento europeo. Insieme alle società che lo supportano, lavoreremo per terminare il gasdotto il più presto possibile", ha dichiarato Mueller al Wall Street Journal.

L'oleodotto dovrebbe favorire le relazioni commerciali tra Russia e Germania e contribuire a trasformare la Germania in uno snodo per le esportazioni di gas in Europa.

Gazprom è il principale proprietario dell'infrastruttura, che ha il sostegno finanziario di cinque società europee: Austrias Omv, l'olandese-britannica Shell , la francese Engie e le tedesche Uniper e Wintershall.

Se le sanzioni fossero estese alle società occidentali del consorzio North Stream 2, Gazprom acquisterà le loro quote nel progetto e isolerà il progetto dalle sanzioni, ha detto il funzionario di Gazprom.

David Bryson, Chief Operating Officer di Uniper, ha dichiarato che la società è in contatto con il Governo tedesco per le sanzioni. "North Stream 2 è un progetto importante per la sicurezza del gas in Europa. Abbiamo fonti in calo in Europa contro una domanda crescente", ha detto Bryson al giornale.

Le sanzioni statunitensi costituiscono violazione del diritto internazionale, ha detto il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, mercoledì, aggiungendo che, tuttavia, non impediranno il completamento dell'oleodotto.

fux

 

(END) Dow Jones Newswires

December 23, 2019 05:39 ET (10:39 GMT)

Copyright (c) 2019 MF-Dow Jones News Srl.
La tua Cronologia
BIT
BMPS
Monte Pasc..
BITI
FTSEMIB
FTSE Mib
BIT
UCG
Unicredit
NASDAQ
AAPL
Apple
FX
EURUSD
Euro vs Do..
Le azioni che visualizzerai appariranno in questo riquadro, così potrai facilmente tornare alle quotazioni di tuo interesse.

Registrati ora per creare la tua watchlist personalizzata in tempo reale streaming.

Per accedere al tempo reale push di Borsa è necessario registrarsi.

Accedendo ai servizi offerti da ADVFN, ne si accettano le condizioni generali Termini & Condizioni

P: V:it D:20200525 09:13:42