Lista Discussioni

Crea Discussione

Aggiorna

Utenti Filtrati

Utenti Bannati

Notifiche

Mio Profilo

Cerca

La Lente Di Archimede (FTSEMIB)

- 02/12/2015 08:58
GIOLA N° messaggi: 27207 - Iscritto da: 03/9/2014
Grafico Intraday: Ftse MibGrafico Storico: Ftse Mib
Grafico IntradayGrafico Storico

 

PRIMA DELL'APERTURA DEI MERCATI!



Lista Commenti
19 Commenti
1
1 di 19 - 02/12/2015 09:01
GIOLA N° messaggi: 27207 - Iscritto da: 03/9/2014
TITOLI SOTTO LA LENTE PRIMA DELL'APERTURA

Le Borse europee sono indirizzate verso un avvio in rialzo dopo la chiusura negativa di ieri.

Gli investitori sono incoraggiati dalla chiusura forte della Borsa di Shanghai (indice Csi +2,3%), spinta dall'attesa di nuovi interventi di stimolo all'economia da parte delle autorità di Pechino: in particolare, circolano rumor su un possibile nuovo taglio del costo del denaro in Cina.

La Borsa di Tokio è scesa dello 0,3%, Hong Kong ha guadagnato lo 0,5%, Seul -0,7%, Mumbai -0,3%.

Il cambio euro/dollaro è a 1,061, da 1,063 della chiusura di ieri sera.
Oro in lieve calo a 1.067 dollari l'oncia (-0,1%).

L'appuntamento importante della giornata sarà nel pomeriggio la pubblicazione del dato sull'andamento dell'occupazione nel settore privato Usa, una sorta di "antipasto" in vista del più importante dato sulla complessiva dinamica del lavoro negli Stati Uniti a novembre, che sarà pubblicato venerdì. Le attese di oggi sono per la creazione di 190mila nuovi posti di lavoro.

Fra i titoli che potrebbero muoversi a Piazza Affari, segnaliamo:

ENI: Citigroup ha alzato la raccomandazione a Neutral da Sell.

YOOX: durante il weekend del Thanksgiving le vendite sono cresciute del 50% sullo stesso periodo dell'anno scorso.

FIAT CHRYSLER: a novembre le immatricolazioni di auto in Italia sono salite del 26,1% a 37.326 veicoli, meglio del mercato cresciuto del 23,5%. La quota di mercato del gruppo Fca è al 27,88%. Fca Us ha chiuso il mese di novembre con un aumento delle vendite negli Stati Uniti del 3% a 175.974 veicoli.

FERRAGAMO: Goldman Sachs alza il target price a 31,7 euro e conferma il giudizio Buy.

INTESA SANPAOLO ha aperto a Londra una filiale che si occupa di wealth management per intercettare gli investimenti degli italiani ricchi che vivono in Gran Bretagna, o di quelli che stanno spostando i capitali dalla Svizzera a Londra.

(WEBSIM)

ftse-mib40-index1.png?w=529
2 di 19 - 09/12/2015 08:59
GIOLA N° messaggi: 27207 - Iscritto da: 03/9/2014
TITOLI SOTTO LA LENTE PRIMA DELL'APERTURA

Per le Borse europee si profila un avvio di seduta prudente, dopo i cali di ieri. I future sugli indici di Londra, Parigi e Francoforte sono invariati.
In Asia stamattina mercati deboli: la Borsa di Tokio ha chiuso in ribasso dello 0,9%, Hong Kong scende dello 0,4%, positiva Shanghai +0,1%, in calo Mumbai -0,4%.

Ieri sera a Wall Street l'indice S&P500 ha chiuso in ribasso dello 0,6%, Nasdaq -0,07%.

Scende il dollaro, con l'euro che stamattina sale a 1,092, da 1,089 della chiusura di ieri.

Il petrolio rimbalza leggermente dopo i violenti cali delle ultime giornate: Brent a 40,8 dollari al barile (+1,3%), Wti a 38,3 dollari (+2,2%).

Fra i titoli che potrebbero muoversi a Piazza Affari, segnaliamo:

Autogrill: il broker americano Raymond James ha avviato la copertura del titolo con raccomandazione Outperform e target price a 10 euro.

Eni: l'a.d. Claudio Descalzi ha confermato l'accordo con Teheran che permetterà al gruppo italiano di incassare un credito pregresso con l'Iran da 800 milioni di dollari.

Yoox: Deutsche Bank ha tagliato il giudizio a Hold da Buy, target price a 35 euro.

Enel Green Power: Kepler Cheuvreux ha tagliato il giudizio a Hold da Buy, target price abbassato a 2,09 euro da 2,30 euro.

MontePaschi: il fondo brasiliano BTG Pactual ha ridotto la sua partecipazione a meno dell'1% dall'1,9% nei giorni che hanno seguito l'arresto (il 25 novembre) dell'amministratore delegato André Esteves.

ftse-mib40-index3.png?w=529
3 di 19 - 11/12/2015 08:57
GIOLA N° messaggi: 27207 - Iscritto da: 03/9/2014
TITOLI SOTTO LA LENTE PRIMA DELL'APERTURA

Le Borse europee dovrebbero aprire in ribasso, il future dell'indice EuroStoxx 50 perde lo 0,2%.

Petrolio Brent ancora in calo a 39,6 dollari il barile, -0,3%.

Stamattina, la Borsa di Shanghai ha chiuso in flessione dello 0,6%
In Germania i prezzi al consumo armonizzati ai parametri europei sono cresciuti di 0,3% su anno e di 0,1% su mese a novembre. Lo dicono i dati definitivi, che hanno confermato la lettura preliminare. Conferma anche per l'indice nazionale dei prezzi al consumo, in crescita dello 0,4% su anno e di 0,1% su mese


TITOLI

Tod's. Sociéte Générale ha tagliato il target price a 71 euro dai 73 precedenti, giudizio Sell

Generali. Sulla stampa si parla dell'amministratore delegato Mario Greco. Ieri i giornali svizzeri riportavano che Greco potrebbe lasciare la compagnia italiana per diventare il ceo di Zurich Financial. I giornali italiani invece negano questa possibilità: Mario Greco avrebbe il pieno appoggio dei soci.

Ubi. Banca Hsbc ha alzato la raccomandazione a Hold da Reduce.

Unicredit ha comunicato ieri sera che la BCE, al termine delle ultime verifiche, le ha richiesto di avere un coefficiente patrimoniale CET1 almeno del 9,75% a partire dal primo gennaio del 2016. In quanto banca di natura rilevante e sistemica, l'organo di sorveglianza le ha imposto una dotazione supplementare pari a 0,25% di CET1. Di conseguenza, a partire dal 2016, Unicredit deve mantenersi sopra il 10% di CET1.Alla fine di settembre, il gruppo era attestato ad un CET1 del 10,44%, se però si include l'utile del terzo trimestre, si sale a 10,53%.

ftse-mib40-index5.png?w=529
4 di 19 - 14/12/2015 08:59
GIOLA N° messaggi: 27207 - Iscritto da: 03/9/2014
ITOLI SOTTO LA LENTE PRIMA DELL'APERTURA

Le Borse europee sono indirizzate verso un avvio poco mosso, come indicano i future sugli indici di Londra, Parigi e Francoforte, quasi invariati.

In Asia stamattina è proseguito il ribasso delle Borse di Tokio (-1,8%), Hong Kong -0,7% e Seul -1%. Forte rialzo di Shanghai +2,8%, poco mossa Mumbai +0,1%.

Il cambio euro/dollaro vede un leggero rafforzamento della valuta Usa a 1,095, da 1,098 di venerdì sera.

Non si arresta la discesa del petrolio con il Wti in calo dello 0,3% a 35,5 dollari al barile, minimo dal febbraio 2009. Brent a 37,7 dollari (-0,4%).

Fra i titoli che potrebbero muoversi a Piazza Affari, sgenaliamo:

Banco Popolare: Exane ha alzato la raccomandazione a Outperform da Neutral, il target price è 15,2 euro.

Terna: Rbc alza il giudizio a Sector Perform da Underperform, target price a 4,50 euro. Jefferies ha avviato la copertura con raccomandazione Hold e target price a 4,80 euro.

Telecom Italia: Vivendi ha annunciato a sorpresa che si asterrà al voto sulla conversione dei titoli risparmio. La proposta quindi non dovrebbe passare, scrivono nel fine settimana i giornali che, per lo più, collegano la scelta alla probabile bocciatura della richiesta del socio francese di allargare il Cda a quattro suoi rappresentanti.
Telecom ha difeso la scelta e le condizioni della conversione, fatte nell'interesse degli azionisti.

Fiat Chrysler: in un'intervista a Repubblica di oggi l'a.d. Sergio Marchionne conferma gli obiettivi 2018 e su GM ribadisce che è difficile sfuggire alla logica del consolidamento ma è importante che quelle alleanze avvengano in modo concordato, "servirà soprattutto tempo".

(WEBSIM)

ftse-mib40-index6.png?w=529
5 di 19 - 15/12/2015 08:59
GIOLA N° messaggi: 27207 - Iscritto da: 03/9/2014
TITOLI SOTTO LA LENTE PRIMA DELL'APERTURA

Le Borse europee sono orientate verso un avvio positivo: i future sugli indici di Londra, Parigi e Francoforte sono in rialzo dell'1%.
Ieri sera si è assistito alla chiusura in rialzo della Borsa americana, che ha reagito al movimento positivo del greggio. l'indice S&P500 è salito dello 0,4%, Nasdaq +0,3%.

Ieri sera il greggio americano Wti ha chiuso in rialzo dell'1,9%, stamattina arretra dello 0,2% a 36,2 dollari al barile.
Il Brent ieri ha chiuso invariato, stamattina scende dello 0,4% a 37,7 dollari al barile.

In Asia stamattina si registra un andamento misto dei mercati azionari: la Borsa di Tokia è scesa dell'1,6%, Shanghai -0,3%, Hong Kong sale dello 0,3%, Seul +0,2%, Mumbai invariata.

A 36 ore dalla decisione della Fed sul probabile aumento dei tassi, il dollaro si ndebolisce nei confronti dell'euro, che sale a 1,105, da 1,099 della chiusura di ieri sera.

Oggi in America saranno diffusi i dati sull' inflazione di novembre, in Germania è atteso l'indice Zew sulle aspettative degli operatori economici.

Fra i titoli che potrebbero muoversi a Piazza Affari, segnaliamo:

Telecom Italia: si riunisce stamattina l'assemblea straordinaria sulla conversione delle azioni risparmio in ordinarie e sulla proposta di nomina di quattro rappresentanti Vivendi in Cda.

Fiat Chrysler ha registrato a novembre un aumento delle vendite in Europa del 18,3%, a fronte di una crescita del mercato del 13,7%. La quota di mercato è salita al 6,1%.

(WEBSIM)


ftse-mib40-index7.png?w=529
6 di 19 - 16/12/2015 09:19
GIOLA N° messaggi: 27207 - Iscritto da: 03/9/2014
TITOLI SOTTO LA LENTE PRIMA DELL'APERTURA

Le Borse europee sono indirizzate verso un avvio positivo: i future sugli indici principali salgono dello 0,3%.

Dopo la chiusura in rialzo ieri sera di Wall Street (S&P500 +1%, Nasdaq +0,8%), il movimento positivo è proseguito stamattina in Asia: la Borsa di Tokio ha chiuso in rialzo del 2,6%, Shanghai +0,2%, Hong Kong guadagna il 2%, Seul +1,8%, Mumbai +0,9%.

La giornata sarà caratterizzata dall'attesa per l'annuncio di questa sera (ore 20 italiane) della Fed in materia di tassi. La previsione condivisa sul mercato è di un aumento del tasso di riferimento del dollaro dello 0,25%.
Il cambio euro/dollaro è stabile a 1,095.

Oro in rialzo a 1.065 dollari all'oncia (+0,4%).

Il petrolio scende stamattina dopo i rialzi del giorno precedente: Brent a 38 dollari al barile, in calo dello 0,9% (ieri +1,4%), Wti a 36,9 dollari (-1%, ieri +2,9%).

Prima del pronunciamento della Fed saranno diffusi oggi alcuni dati importanti sull'economia americana, in particolare la produzione industriale di novembre (attesa a -0,2% sul mese precedente), le nuove costruzioni abitative di novembre e l'indice Pmi del settore manifatturiero.

In Europa arrivano stamattina i dati sull'inflazione di novembre nella zona euro (attesa -0,2% sul mese precedente e +0,1% sul novembre 2014).

Fra i titoli che potrebbero muoversi a Piazza Affari segnaliamo:

A2A: Citigroup ha tagliato il giudizio a Neutral da Buy.

Maire Tecnimont: Barclays ha tagliato il giudizio a Equal Weight da Overweight, target price a 3,30 euro da 360 euro.

Telecom Italia: doppia vittoria di Vivendi i assemblea, che blocca la conversione delle azioni di risparmio e riesce a nominare quattro rappresentanti nel consiglio di amministrazione.

Prysmian ha siglato un accordo per portare a circa il 51% la sua partecipazione in Oman Cables Industry, di cui già possiede una quota del 34,78%. Il corrispettivo per acquisire il 16% circa è intorno a 100 milioni.

Saipem si è aggiudicata nuovi contratti di Ingegneria e Costruzione (E&C) offshore nel Mare del Nord per un valore totale di 180 milioni di euro.

Cairo Communication: sulla base del portafoglio ordini acquisito a oggi la raccolta pubblicitaria sui canali La7 e La7d dovrebbe conseguire a dicembre una crescita superiore al 10%.

Fiera Milano: la Camera di commercio di Milano, azionista attraverso la controllata Parcam, ha deliberato di esercitare integralmente i diritti di opzione dell'aumento di capitale, per un controvalore complessivo di 4,5 milioni di euro.

(WEBSIM)

ftse-mib40-index8.png?w=529
7 di 19 - 21/12/2015 08:56
GIOLA N° messaggi: 27207 - Iscritto da: 03/9/2014
TITOLI SOTTO LA LENTE PRIMA DELL'APERTURA

Le Borse europee sono indirizzate verso un avvio negativo, come indicano i i future sugli indici di Londra, Parigi e Francoforte, in calo dello 0,4%.
C'è attesa per l'apertura della Borsa di Madrid dopo l'esito incerto delle elezioni in Spagna, dove il partito popolare del premier Mariano Rajoy si conferma la prima forza politica, ma non ha raggiunto la maggioranza dei seggi e di conseguenza dovrà allearsi con altre forze per governare, ma non sarà facile.

Sul mercato dei Bond il rendimento del titolo di Stato decennale spagnolo è in netto calo, con il rendimento che sale a 1,79% da 1,96% di venerdì sera.

Il rendimento del Btp italiano sale all'1,62% dall'1,57%.

Il cambio euro/dollaro è stabile a 1,087.

In Asia Borse positive: si registra il forte rialzo della Borsa di Shanghai +1,8%, Tokio è scesa dello 0,4%, Hong Kong +0,2%, Mumbai +0,5%.

Fra i titoli che potrebbero muoversi a Piazza Affari, segnaliamo:

Enel ha siglato con Eph il contratto relativo alla cessione della partecipazione detenuta in Slovenske Elektrarne, pari al 66% del capitale sociale, per 750 milioni.

Fiat Chrysler: secondo Il Sole 24 Ore di sabato ha acquistato negli anni scorsi crediti ecologici per 545 milioni di dollari che consentono di compensare un livello di emissioni Co2 tra i più elevati negli Usa.

Credito Valtellinese: le banche azioniste di Icbpi, fra cui spicca Creval con poco più del 20%, hanno perfezionato la cessione dell'85,29% della società a Mercury Italy, veicolo partecipato da Bain Capital, Advent International e Clessidra, per una valutazione del 100% di 2,15 miliardi di euro, limite massimo del range individuato a giugno alla firma dell'accordo. Le banche manterranno complessivamente l'8,4% circa del capitale di Icbpi.

(WEBSIM)

ftse-mib40-index9.png?w=529
8 di 19 - 22/12/2015 08:57
GIOLA N° messaggi: 27207 - Iscritto da: 03/9/2014
TITOLI SOTTO LA LENTE PRIMA DELL'APERTURA

I future sugli indici delle Borse di Londra, Parigi e Francoforte sono in rialzo dello 0,5% e fanno prevedere un'apertura positiva per le Borse europee.

Mercati azionari poco mossi, ma prevalentemente positivi in Asia, con la Borsa di Shanghai in rialzo dello 0,3%, Hong Kong +0,1%Seul +0,5%. La Borsa di Tokio ha chiuso in calo dello 0,1%.

Situazione stabile sul fronte valutario, con il cambio euro/dollaro invariato a 1,091.

Nel mercato del petrolio si è quasi azzerata la differenza di prezzo fra il Brent europeo, quotato stamattina a 36,4 dollari al barile (+0,1%) e il Wti americano, scambiato a 36 dollari (+0,5%). Il Brent ieri sera è sceso a 36,0 dollari, minimo dal luglio 2004.

Ieri sera a New York la Borsa americana ha chiuso in rialzo: Dow Jones +0,7%, S&P500 +0,7%, Nasdaq +0,9%.

Fra i titoli che potrebbero muoversi a Piazza Affari, segnaliamo:

Buzzi: l'Antitrust ha autorizzato la proposta di acquisire il ramo d'azienda relativo alle attività di cemento e calcestruzzi di Sacci. La componente variabile di prezzo è stata alzata a 35 da 25 milioni.

Fiat Chrysler: il reparto Presse dello stabilimento di Mirafiori (Torino) sarà in cassa integrazione per un altro anno.

Rcs: il Corriere della Sera sarà il primo quotidiano italiano a far pagare i contenuti online attraverso un "metered paywall" a partire da fine gennaio. Il piano 2016-2018 prevede investimenti complessivi per 75/80 milioni di euro, di cui 25 milioni nel 2018. E' quanto emerso nel corso della presentazione nella quale non sono giunti invece dettagli sugli esuberi legati alla prevista riduzione lorda di 40 milioni del costo del lavoro.


ftse-mib40-index11.png?w=529
9 di 19 - 23/12/2015 09:02
GIOLA N° messaggi: 27207 - Iscritto da: 03/9/2014
ITOLI SOTTO LA LENTE PRIMA DELL'APERTURA

Per le Borse europee si profila un avvio di seduta in rialzo, nella scia dei guadagni messi a segno ieri sera dalla Borsa americana. I future sugli indici di Londra, Parigi e Francoforte salgono dello 0,9%.

Ieri sera a Wall Street l'indice S&P500 è salito dello 0,8%.

Stamattina in Asia andamento positivo delle Borse di Hong Kong +0,9%, Seul +0,3% e Mumbai +0,8%, ha chiuso in calo Shanghai -0,4%. La Borsa di Tokio è chiusa per festività.

Il dollaro è in lieve rialzo contro l'euro a 1,093, da 1,095 della chiusura di ieri.

Petrolio in rialzo con il Brent e il Wti scambiati allo stesso prezzo di 36,4 dollari al barile (+0,8%).

Fra i titoli che potrebbero muoversi a Piazza Affari, segnaliamo:

Fiat Chrysler: la separazione tra Fca e Ferrari avrà effetto in Borsa il 4 gennaio 2016, giorno previsto per il debutto della Rossa a Piazza Affari, in concomitanza con la distribuzione dell'80% di Ferrari ancora in mano a Fiat Chrysler ai possessori di azioni e di obbligazioni a conversione obbligatoria di FCA (MCS).

Eni: l'amministratore delegato Claudio Descalzi ha discusso con il presidente della compagnia petrolifera di Stato libica, National Oil Corporation (Noc), Mustafa Sanalla, delle prospettive di sviluppo del settore petrolifero in Libia.

A2A: secondo il Sole 24 Ore, A2A si è rafforzata in Acsm-Agam portando la partecipazione al 24% circa dopo essersi aggiudicata il 2% messo in vendita dal comune di Monza.

Enel Green Power: ha avviato i lavori per la costruzione dell'impianto eolico da 112 MW di capacità installata e per un investimento di 215 milioni di dollari di Sierra Gorda in Cile.

Rcs: il presidente Maurizio Costa e l'a.d. Laura Cioli hanno comprato 400 mila azioni ciascuno dando un segnale di fiducia sulle possibilità di rilancio del gruppo all'indomani della presentazione del nuovo piano industriale.

GreenItaly1: è efficace la fusione per incorporazione di Prima Vera. La nuova società inizia a trattare oggi sull'Aim.

MP7 Italia: In un'intervista a MF Dow Jones, l'amministratore delegato del gruppo Giorgio Ferrari ha dichiarato: «Abbiamo la sensazione che l'anno (2015 ndr) si possa chiudere positivamente. Ci aspettiamo una crescita importante rispetto all'anno scorso in termini di ricavi».

(WEBSIM)


ftse-mib40-index12.png?w=529
10 di 19 - 28/12/2015 09:01
GIOLA N° messaggi: 27207 - Iscritto da: 03/9/2014
TITOLI SOTTO LA LENTE PRIMA DELL'APERTURA

Le Borse europee dovrebbero aprire in lieve calo, il future dell'indice Dax di Francoforte segna un ribasso dello 0,1%. Oggi i volumi delle negoziazioni dovrebbero essere modesti, i mercati della Gran Bretagna sono chiusi per festività.

La Borsa di Shanghai ha chiuso stamattina con un calo del 2,6%, quella del Giappone dello 0,6%.

Il petrolio tipo WTI ha guadagnato tra lunedì e giovedì della scorsa settimana quasi il 10%, stamattina arretra e si porta a 37,7 dollari il barile (-1%).



TITOLI

MontePaschi ha comunicato stamattina di aver ceduto un portafoglio da un miliardo di euro di di crediti in sofferenza ad una società veicolo di Deutsche Bank.

Fiat Chrysler Automobiles. In una nota diffusa mercoledì scorso, Exor ha comunicato di aver siglato un patto parasociale con Piero Ferrari riguardante la sua partecipazione in Ferrari . La finanziaria apporterà il suo pacchetto di azioni, corrispondente al 23,5% del capitale al patto, Ferrari il suo 10%. In termini di diritto di voto, il patto copre il 48% del totale.

Generali. In un'intervista al Sole24Ore, il responsabile delle operazioni Carsen Schildknecht (Chief Operating Officer) afferma che alcuni target del piano industriale, quelli relativi ai risparmi, potrebbero essere raggiunti in anticipo. La compagnia si è impegnata a tagliare i costi per un totale di 1,5 miliardi di euro.

Eni. La società dovrebbe investire tra 6 e 10 miliardi di dollari nello sviluppo del maxi giacimento egiziano di Zohr, lo ha detto nel corso di una conferenza stampa tenutasi sabato a el Cairo il numero uno della General Petroleum Corporation dell'Egittto, Mohamed El-Masry. L'Egitto ed Eni hanno anche raggiunto un accordo sul prezzo del gas estratto dal giacimento, l'intesa spiana la via all'inizio dei lavori per lo sfruttamento del campo petrolifero.

(WEBSIM)

ftse-mib40-index13.png?w=529
11 di 19 - 29/12/2015 09:43
GIOLA N° messaggi: 27207 - Iscritto da: 03/9/2014
ITOLI SOTTO LA LENTE PRIMA DELL'APERTURA

Le Borse europee dovrebbero aprire in rialzo, il future dell'indice EuroStoxx sale dello 0,5%.

Il petrolio tipo WTI ha perso il 3,4% a 36,8 dollari. Stamattina, sulle piazze asiatiche, il future tratta a 36,9 dollari.

La Borsa di Tokyo ha chiuso in rialzo: Nikkei +0,5%. Hong Kong sale dello 0,4%, Shanghai ha terminato la seduta in rialzo dello 0,8%.


TITOLI

Saipem. Secondo indiscrezioni, Eni avrebbe assegnato ad un consorzio guidato dalla francese Technip una grande commessa da 5 miliardi di dollari per lavori di sviluppo di un giacimento di gas in Mozambico. Saipem partecipava alla gara con un partner coreano. La cordata guidata da Technip avrebbe sbaragliato la concorrenza con un'offerta molto al ribasso.

Terna. Ieri sera l'Autorità per l'energia ha pubblicato il documento finale sulla determinazione delle tariffe elettriche nel periodo 2016-2023. Rispetto ai documenti di consultazione intermedi, ci sono alcune novità potenzialmente positive per le società che operano ne settore, sia in quello del trasporto che in quello della trasmissione.

Maire Tecnimont. La società ha completato il rifinanziamento del debito bancario a medio lungo termine con migliori termini e condizioni grazie all'erogazione di un nuovo prestito di 350 milioni. I termini di rimborso salgono a 5 anni.

ftse-mib40-index14.png?w=529
12 di 19 - 30/12/2015 09:04
GIOLA N° messaggi: 27207 - Iscritto da: 03/9/2014
TITOLI SOTTO LA LENTE PRIMA DELL'APERTURA

Le Borse europee dovrebbero aprire in lieve rialzo, il future dell'indice EuroStoxx50 sale dello 0,2%.

Wall Street ha chiuso positiva: indice Dow Jones +1,1%, indice S&P500 +1,1%, indice Nasdaq +1,3%.

Petrolio WTI ieri in rialzo del 2,9%, stamattina perde l'1,7% a 37,2 dollari al barile. Il Brent tratta a 37,4 dollari (-1%).

Stamattina la Borsa del Giappone ha chiuso in rialzo dello 0,3%. In Cina, Hong Kong perde lo 0,3% mentre lo yuan non controllato dalle autorità monetarie di Pechino si porta in prossimità dei minimi degli ultimi cinque anni nei confronti del dollaro.
Shanghai ha chiuso in modesto rialzo


TITOLI

Eni. IlSole24Ore scrive che Edison, insieme al fondo F2i della Cassa Depositi e Prestiti, potrebbe presentare un'offerta per la divisione Gas&Power. Nell'articolo si riporta che quest'area di business vale 2 miliardi di euro, senza ulteriori indicazioni sul debito, che non dovrebbe essere compreso.

Acea, Iren, Hera . Ieri sera l'Autorità per l'energia ha pubblicato il documento finale per il calcolo delle tariffe sull'acqua. La remunerazione del capitale investito, viene fissata ad un costo medio ponderato del capitale del 6,2%, nella parte alta del range 5,7%-6,2% proposto nei documenti di consultazione. La divisione acqua vale il 42% dell'Ebitda di Acea, è un quarto dell'Ebitda di Iren ed Acea.

Cementir. A sorpresa, ha presentato un'offerta da 125 milioni per un ramo d'azienda di Sacci, migliorativa rispetto a quella presentata dalla rivale Buzzi. Sacci è un produttore di cemento presente soprattutto nel centro Italia, in questo momento è gestito da un commissario nominato dal Tribunale.

Astaldi. Secondo Il Messaggero, slitta a marzo il passaggio di A4 Holding ad Abertis. Nel capitale della società che controlla l'autostrada Serenissima è presente anche il costruttore.

ftse-mib40-index15.png?w=529
13 di 19 - 11/1/2016 10:12
GIOLA N° messaggi: 27207 - Iscritto da: 03/9/2014
TITOLI SOTTO LA LENTE PRIMA DELL'APERTURA

Con il rientro dalle ferie di tutti gli operatori, i mercati finanziari riprendono oggi la piena attività, ma l'orientamento delle Borse non sembra cambiato rispetto a settimana scorsa. Stamattina i future sugli indici di Londra, Parigi e Francoforte segnano un ribasso dello 0,7%, in scia alla nuova discesa stamattina delle Borse asiatiche. La settimana scorsa la Borsa di Milano ha perso il 7,2%.

A Shanghai la Borsa ha chiuso con un calo del 5,3%, la Borsa di Hong Kong perde il 2,3%, Seul -1,1%, Mumbai -0,7%. La Borsa di Tokio stamattina è chiusa per festività. L'indice complessivo delle Borse asiatiche Msci Asia Pacific è sceso al livello più basso degli ultimi quattro anni.

La Cina ha rafforzato oggi la moneta nazionale, lo yuan, per la seconda seduta consecutiva, una mossa che dovrebbe attenuare i timori sul deprezzamento pilotato della valuta in un'ottica di svalutazione competitiva. I dati pubblicati nel fine settimana indicano che l'inflazione in Cina ha registrato un tenue aumento all'1,6% a dicembre, mentre i prezzi alla produzione sono scesi del 5,9% sull'anno.

Nuova discesa del petrolio stamattina con il Brent che perde il 3% a 32,5 dollari al barile e il Wti a 32,3 dollari (-2,5%). La settimana scorsa le quotazioni del greggio sono scese del 10%.

Situazione tranquilla nel cambio euro/dollaro a 1,091, da 1,092 della chiusura di venerdì. Da segnalare stamattina la caduta del rand sudafricano (-2,6% nei confronti del dollaro).

L'oro sale dello 0,1% a 1.105 dollari l'oncia (la settimana scorsa ha guadagnato il 4%).

Fra i titoli che potrebbero muoversi a Piazza Affari, segnaliamo:

Generali: nuove indiscrezioni da parte del quotidiano svizzero SonntagsZeitung sulla possibile uscita dell'amministratore delegato Mario Greco, che sarebbe in procinto di venire nominato nuovo amministratore delegato della concorrente Zurich Insurance.

Intesa ha raccolto 1,5 miliardi di dollari sul mercato Usa con un bond decennale subordinato di tipo Tier2 a tasso fisso.

Eni e Saipem sono i probabili beneficiari dell'apertura della Russia su un ruolo dell'Italia nel progetto del gasdotto Nord Stream, emersa dopo una telefonata tra Renzi e Putin, secondo quanto riportato dai giornali nel fine settimana.

Snam: il Cda ha nominato Marco Alverà direttore generale. Secondo una fonte, la nomina potrebbe preludere a un possibile avvicendamento all'a.d. Carlo Malacarne alla scadenza di aprile.

Telecom Italia: Fastweb intende utilizzare la rete di Telecom Italia per i servizi mobili al posto della rete di 3Italia, scriveva il Sole sabato.

Inwit: Cellnex-F2i, EiTowers e American Tower hanno presentato le offerte non vincolanti per il 45% della società delle torri del gruppo Telecom Italia. Lo ha scritto il quotidiano La Stampa sabato scorso.

ftse-mib40-index2.png?w=559
14 di 19 - 12/1/2016 08:53
GIOLA N° messaggi: 27207 - Iscritto da: 03/9/2014
TITOLI SOTTO LA LENTE PRIMA DELL'APERTURA

Per le Borse europee si profila un avvio di seduta di nuovo in calo: i future sugli indici di Londra, Parigi e Francoforte scendono dello 0,4%. Il tema centrale per i mercati è la nuova caduta del petrolio che ieri sera in America ha perso un altro 6% e stamattina segna nuovi cali: il Brent è scambiato a 30,6 dollari al barile (-2,9%), il Wti perde il 2,5% a 30,6 dollari. Queste quotazioni sono le più basse da aprile 2004.

In Asia stamattina si registra il lieve recupero della Borsa cinese, con l'indice Csi300 in rialzo dello 0,2%. Negativi gli altri mercati: Tokio -2,7%, Hong Kong -0,6%, Seul -0,2%, Mumbai -0,5%.

Il cambio euro/dollaro è a 1,088, da 1,085 della chiusura di iri sera.

Oro a 1.095 dollari l'oncia (+0,1%).

Fra i titoli di Piazza Affari , segnaliamo:

Terna: Deutsche Bank ha alzato la raccomandazione a Buy da Hold.

Ferragamo: Citigroup ha avviato la copertura con raccomandazione Buy e target price a 27 euro.

Brunello Cucinelli: Kepler Cheuvreux ha alzato il giudizio a Buy da Hold, target price a 17,50 euro.

Banco Popolare: Hsbc ha alzato la raccomandazione a Buy da Hold, target price a 13,64 euro. Secondo il quotidiano Mf, sarebbero in fase avanzata le trattative con Banca Pop.Milano per una fusione alla pari.

MontePaschi: la Consob ha vietato per la giornata di oggi le vendite allo scoperto sul titolo.

Telecom Italia: JP Morgan ha alzato il target price a 1,4 euro.

ftse-mib40-index3.png?w=529
15 di 19 - 13/1/2016 09:15
GIOLA N° messaggi: 27207 - Iscritto da: 03/9/2014
TITOLI SOTTO LA LENTE PRIMA DELL'APERTURA

Le Borse europee sono attese oggi in netto rialzo, sulla scia dei mercati asiatici e di Wall Street. I future sugli indici di Londra, Parigi e Francoforte salgono dello 0,8%.

Stamattina la Borsa di Tokio ha chiuso in rialzo del 2,8%, Hong Kong sale dell'1,2%, Seul +1,3%. Negativa la Borsa di Shanghai -2,4%.

Ieri sera a New York l'indice S&P500 ha chiuso in rialzo dello 0,8%.

La notizia positiva della giornata viene dalla Cina con il dato sull'export di dicembre migliore delle previsioni. Il mese scorso l'export di Pechino è sceso dell'1,4% rispetto all'anno precedente, molto meglio delle attese che indicavano una flessione dell'8%, rispetto al calo del 6,8% di novembre. Le importazioni sono calate del 7,6%, in flessione per il 14esimo mese di fila ma non in modo così massiccio come si temeva. La bilancia commerciale evidenzia un avanzo di 60,09 miliardi di dollari in dicembre, dai 54,1 del mese precedente.

Il dollaro si rafforza nei confronti dell'euro a 1,082, da 1,085 della chiusura di ieri.

Fra i titoli che potrebbero muoversi a Piazza Affari, segnaliamo:

Saras: Ubs alza la raccomandazione a Buy da Hold.

Snam: Berenberg alza il giudizio a Outperform da Market perform.

Datalogic: Berenberg alza la raccomandazione a Buy da Hold.

Telecom Italia: la francese Orange, che sta discutendo una fusione con Bouygues, ha detto che intende partecipare al prossimo consolidamento europeo del settore, che potrebbe passare attraverso Telecom Italia.

Saipem: via libera da parte della Commissione Ue all'acquisto del 12,5% di Saipem da parte del Fondo strategico italiano (Cdp) da Eni.

A2A: i soci Linea Group hanno accettato l'offerta di A2A per l'ingresso nel capitale con il 51%.

Finmeccanica: i conti 2015 saranno di "grandissimo rilievo", ha detto ieri l'a.d. Mauro Moretti. Il gruppo è iscritto alla maxi gara per fornire al Canada la nuova flotta di aerei da ricerca e soccorso, scrive Mf.


ftse-mib40-index4.png?w=529
16 di 19 - 18/1/2016 08:58
GIOLA N° messaggi: 27207 - Iscritto da: 03/9/2014
TITOLI SOTTO LA LENTE PRIMA DELL'APERTURA

Le Borse europee potrebbero aprire in lieve rialzo. I future sugli indici di Londra, Parigi e Francoforte segnano una crescita fra +0,2% e +0,5%.

In Asia si registra stamattina la chiusura negativa della Borsa di Tokio (Nikkei -1,1%), mentre a Shanghai la seduta è finita con l'indice Csi300 in progresso dello 0,4%. Hong Kong scende dell'1%, Mumbai -0,4%.

Sembra non avere fine la discesa del petrolio, inondato da un eccesso di offerta, su cui è pronta a riversarsi anche quella iraniana, dopo lo stop alle sanzioni occidentali a Tehran nel fine settimana. Stamattina il Brent scende dell'1,9% a 28,3 dollari al barile, minimo da 13 anni. Venenrdì le quotazioni erano scese del 6%.

Si fanno più forti i timori di un rallentamento dell'economia mondiale. C'è attesa per la comunicazione domani del Pil cinese nel quarto trimestre, unitamente alle indagini sull'attività dell'economia di dicembre. La mediana delle attese degli economisti indica per Pechino una crescita media annua del 6,9% nel 2015, la più bassa da 25 anni, anche se molti sospettano che il ciclo sia ben più debole di quanto ammesso dalle autorità di Pechino.
Oggi la Borsa americana sarà chiusa per la festa del Martin Luther King Day.

Il cambio euro/dollaro è a 1,088, da 1,091 di venerdì sera.

Fra i titoli che potrebbero muoversi a Piazza Affari, segnaliamo:

Telecom Italia: in un'intervista a La Repubblica ieri l'a.d. Marco Patuano ha detto che la società non sarà preda di stranieri. Piuttosto può essere vista, in prospettiva, come il centro di un polo aggregante di realtà europee di medie dimensioni, o potrà agire da ago della bilancia di un processo di consolidamento in Europa che vede protagonisti gli ex monopolisti.

Unicredit non ha in vista altre cessioni dopo l'operazione in Ucraina. Lo ha detto l'a.d. Federico Ghizzoni, che torna a ribadire che la banca non ha bisogno di un aumento di capitale.
Secondo via Nazionale, il previsto rafforzamento del ciclo economico dovrebbe sostenere la tendenza alla diminuzione del rapporto tra nuove sofferenze e crediti, già vista nei dati del terzo trimestre del 2015.

SeatPagine Gialle: a seguito della fusione per incorporazione di Italiaonline, il piano industriale al 2018 prevede un Ebitda margin in crescita dal 9% del 2015 al 25%-30% alla fine del periodo di piano, un Cagr dell'Ebitda fra 40-45% e ricavi sostanzialmente in linea o leggermente superiori rispetto al dato normalised 2015 pari a 448,6 milioni.

ftse-mib40-index6.png?w=529
17 di 19 - 25/1/2016 08:56
GIOLA N° messaggi: 27207 - Iscritto da: 03/9/2014
TITOLI SOTTO LA LENTE PRIMA DELL'APERTURA

Le Borse europee sono indirizzate verso un avvio positivo, come indicano i future sugli indici di Londra, Parigi e Francoforte, in rialzo dello 0,2-0,3%.
Prosegue stamattina il recupero delle Borse asiatiche: a Tokio l'indice Nikkei ha chiuso in rialzo dello 0,9%, Shanghai +0,8%, la Borsa di Hong Kong sale dell'1,4%, Seul +0,4%, Mumbai +0,5%.

Il petrolio si assesta e consolida le posizioni dopo il balzo del 10% di venerdì scorso: Brent e Wti sono scambiati entrambi a 32,1 dollari al barile, pressoché invariati rispetto a venerdì.

Il dollaro perde quota a 1,081 nei confronti dell'euro, da 1,079 di venerdì.
L'oro è scambiato a1.102 dollari l'oncia, in rialzo dello 0,3%.

Fra i titoli che potrebbero muoversi a Piazza Affari, segnaliamo:

Banco Popolare: l'Italia sta ancora trattando con la Commissione europea su quale potrà essere il prezzo della garanzia pubblica che verrà offerta per la cessione delle sofferenze delle banche italiane e il clima della discussione è ritenuto buono. Lo ha detto il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan a Davos. Il commissario Ue alla Concorrenza Margrethe Vestager incontrerà il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan martedì a Bruxelles.

MontePaschi: la banca spagnola Santander ha smentito un interesse per rilevare Mps come indicato da indiscrezioni di stampa. Il Sole 24-Ore di sabato scrive che è Ubi il partner più probabile per Mps.

Carige: Malacalza Investimenti ha smentito di aver ridotto la propria quota.

Saipem: inizia oggi l'aumento di capitale da 3,5 miliardi di euro. Le azioni inizieranno la seduta da un prezzo di riferimento di 0,5290 euro per le azioni ordinarie e 5,8250 per le risparmio. La parità teorica dei diritti in base alla chiusura di venerdì è fissata a 3,674 euro, si legge in un comunicato di Borsa.
La società ha tagliato le stime di ricavi per il 2015 e potrebbe rivedere il piano quadriennale qualora i prezzi del petrolio dovessero restare ai bassi livelli attuali, secondo quanto si legge nel prospetto relativo all'aumento di capitale. I ricavi per lo scorso anno sono ora attesi fra 11 e 12 miliardi rispetto alla stima precedente di circa 12 miliardi.

A2A: i Comuni di Milano e Brescia sono pronti a scendere sotto il 50% del capitale, secondo quanto dichiarato dal sindaco del capoluogo milanese, Giuliano Pisapia, in un'intervista a Il Sole 24-Ore di domenica.

ftse-mib40-index10.png?w=720&quality=80&
18 di 19 - 27/1/2016 09:01
GIOLA N° messaggi: 27207 - Iscritto da: 03/9/2014
TITOLI SOTTO LA LENTE PRIMA DELL'APERTURA

Per le Borse europee si profila un avvio di seduta poco mosso: i future sugli indici di Londra, Parigi e Francoforte segnano un lieve calo (-0,1%) prima dell'apertura. Per gli investitori quella di oggi potrebbe essere una giornata interlocutoria, in attesa questa sera del comunicato della Fed, al termine della riunione di due giorni del Fomc, il comitato per le politiche monetarie in Usa.

Ieri sera a New York il Dow Jones è salito dell'1,7%, S&P500 +1,4%, Nasdaq +1%.

In Asia stamattina si registra il forte recupero di Tokio (indice Nikkei +2,7%), la Borsa di Hong Kong sale dell'1,3%, Shanghai -0,3%, Seul +1,4%, Mumbai +0,4%.

Non sono previsti oggi dati macroeconomici significativi, né in Europa, né in America.

La presidente della Fed, Janet Yellen, parlerà alle 20 italiane. Non sono previsti interventi sui tassi. L'attenzione degli investitori sarà concentrata nel cercare di capire cosa intende fare nei prossimi mesi la banca centrale americana, dopo il rialzo dei tassi dello scorso dicembre. Finora gli economisti si aspettavano una serie di successivi rialzi, si dice quattro nel 2016. Ma la debolezza delle economie emergenti e le turbolenze dei mercati potrebbero indurre la Fed a maggiore prudenza.

Il cambio euro/dollaro stamattina è stabile a 1,096.

Continua l'estrema volatilità del petrolio. Ieri il Brent aveva guadagnato il 4,2%, stamattina scende del 2% a 31,1 dollari al barile. Stesso movimento per il Wti, stamattina in calo del 2,4% a 30,6 dollari al barile.

Fra i titoli che potrebbero muoversi a Piazza Affari, segnaliamo:

Generali: è prevista una pessima accoglienza da parte della Borsa della conferma che Mario Greco lascerà la guida delal compagnia. Ubs ha abbassato la raccomandazione a Neutral da Buy.

Banche : dopo quasi un anno di negoziati, Italia e Commissione europea hanno raggiunto ieri sera l'intesa sulla gestione delle sofferenze bancarie.

Unicredit: l'Austria sta valutando una modifica della normativa pensionistica per consentire a Bank Austria, controllata di Unicredit, di spostare migliaia di dipendenti al sistema delle pensioni pubblico da quello privato, nell'ambito del piano di taglio di costi annunciato il mese scorso.

Fiat Chrysler: oggi si tiene il Cda sui risultati di bilancio 2015 e del quarto trimestre .

StM: ha chiuso il quarto trimestre con un utile netto di 2 milioni di dollari da 43 milioni di un anno prima, i ricavi netti sono scesi dell'8,8% a 1,67 miliardi.


ftse-mib40-index11.png?w=529
19 di 19 - 03/2/2016 09:59
GIOLA N° messaggi: 27207 - Iscritto da: 03/9/2014
TITOLI SOTTO LA LENTE PRIMA DELL'APERTURA

I future segnano ancora ribasso stamattina per le Borse europee. Dopo la caduta dei mercati di ieri, i future sugli indici di Londra, Parigi e Francoforte scendono dello 0,5%.

I riflettori sono ancora puntati sul petrolio che ha perso oltre il 10% nelle ultime due giornate. Il Wti americano è tornato sotto i 30 dollari al barile, a 29,9 dollari. Il Brent stamattina è invariato a 32,7 dollari, dopo avere perso ieri il 4,4%.

In Asia stamattina si registra la caduta della Borsa di Tokio (Nikkei -3,1%) e la chiusura solo leggermente in ribasso di Shanghai (-0,4%), dopo il dato sorprendentemente positivo sullo sviluppo del settore servizi (indice Pmi Caixin a quota 52,4).
La Borsa di Hong Kong scende del 2,2%, Seul -0,8%, Mumbai -0,8%.

Fra i titoli che potrebbero muoversi oggi a Piazza Affari segnaliamo:

Luxottica: Exane ha alzato la raccomandazione a Outperform da Neutral.

Mediaset: il broker americano Jefferies ha avviato la copertura con raccomandazione Buy e target price 4,0 euro.

d'Amico ha reso noto che il terzo e ultimo periodo di esercizio dei "Warrant d'Amico International Shipping 2012–2016" si è concluso il 29 gennaio 2016 raggiungendo una quota di conversione pari all'80%. Il prezzo di esercizio era stato fissato in 0,46 euro per ogni nuova azione ordinaria, ogni tre warrant convertiti. Il programma è stato esercitato per circa il 98% del totale dei warrant emessi. L'aumento di capitale per l'emissione delle nuove azioni sarà pari a 2,6 milioni di euro.

ftse-mib40-index2.png?w=529
19 Commenti
1
Titoli Discussi
BITI:FTSEMIB 18,971 2.4%
Ftse Mib
Ftse Mib
Ftse Mib
Indici Internazionali
Australia 0.0%
Brazil 2.7%
Canada 1.1%
France 2.0%
Germany 3.8%
Greece 2.3%
Holland 1.2%
Italy 2.4%
Portugal 3.0%
US (DowJones) 1.1%
US (NASDAQ) 0.6%
United Kingdom 0.9%
Rialzo (%)
BIT:TFI 0.02 13.3%
BIT:PINF 1.42 8.8%
BIT:SAF 93.66 8.7%
BIT:TKA 6.51 7.7%
BIT:URW 56.52 7.6%
BIT:HEI 46.81 7.0%
BIT:UNI 3.37 6.0%
BIT:IFX 19.70 5.3%
BIT:ENI 8.78 5.3%
BIT:CBK 3.67 4.9%
La tua Cronologia
BITI
FTSEMIB
Ftse Mib
Registrati ora per visualizzare questi strumenti nella tua watchlist streaming.

Il Monitor ADVFN ti permette di visualizzare fino a 110 titoli ed è completamente gratuito.

Accedendo ai servizi offerti da ADVFN, ne si accettano le condizioni generali Termini & Condizioni

P: V: D:20200602 23:39:48