Registration Strip Icon for default Registrati gratuitamente per ottenere quotazioni in tempo reale, grafici interattivi, flusso di opzioni in tempo reale e altro ancora.
Indietro alle Notizie Forex

AcomeA SGR: una Bce piu' colomba punta all'inflazione al target del 2% - PAROLA AL MERCATO

Giovedì 25 Gennaio 2024

di Martina Daga*

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 25 gen - Al meeting di politica monetaria di oggi, la Bce ha deciso di non alzare i tassi di riferimento, dopo 450 bp complessivi di rialzi dall'inizio del ciclo di inasprimento di politica monetaria a luglio del 2022, tenendo quindi il deposit rate al 4%, il refinancing rate al 4.50% ed il marginal lending facility rate al 4.75%.

Il board riconosce che i tassi di riferimento hanno ormai raggiunto un livello che, se mantenuto sufficientemente a lungo, contribuirà a riportare l'inflazione al target del 2%, quindi senza la necessità di ulteriori rialzi. Tuttavia, il board della Bce non ha ancora iniziato a discutere dell'inizio del ciclo dei tagli e rimane legato a un approccio meeting by meeting e strettamente dipendente dai dati sia per determinare il livello dei tassi di riferimento sia la durata appropriati per riportare l'inflazione al target. Il tono della Bce rimane ancora cauto, ma credo sia rilevante il fatto che, sia nel comunicato stampa sia durante la conferenza stampa, abbia riconosciuto importanti progressi in termini di rallentamento dell'inflazione e stabilizzazione del mercato del lavoro.

La decisione è stata presa in un contesto di debole crescita economica in Area Euro, che probabilmente registrerà una stagnazione nell'ultimo trimestre del 2023. Anche se, guardando alcuni soft data, tipicamente previsionali, questi puntano nella direzione di una ripresa economica. La ripresa del potere d'acquisto dei consumatori, grazie alla crescita dei salari nominali accompagnata dalla riduzione del livello di inflazione, è vista come la principale fonte di ripresa economica nei prossimi trimestri. Il mercato del lavoro rimane forte, con il tasso di disoccupazione ai minimi e pressioni salariali al rialzo che, accompagnate da bassa produttività, spingono il costo unitario del lavoro al rialzo. Tuttavia, guardando ad alcuni dati più recenti è evidente che la domanda di lavoratori inizi a mostrare segni di riequilibrio e le pressioni salariali tendano a una stabilizzazione.

Guardando alla crescita dei prezzi al consumo, i più recenti dati di inflazione hanno confermato il trend di decrescita, l'effetto dei precedenti rialzi dei tassi di riferimento sta contribuendo all'inasprimento delle condizioni finanziarie e al contenimento della domanda. In questo contesto, le tensioni geopolitiche rappresentano il principale fattore di incertezza a livello globale, con effetti sulla fiducia dei consumatori e alterazione delle dinamiche di commercio internazionale.

Nonostante non ci siano stati cambiamenti significativi nella comunicazione della Bce, l'analisi degli sviluppi economici e i positivi progressi sia dal punto di inflazione sia dal punto di vista del mercato del lavoro, mostrano una Bce più "colomba". Infatti, l'analisi sui dati di inflazione e sul trend del mercato del lavoro riportata oggi durante la conferenza stampa indica un contesto in cui le pressioni al rialzo sulla crescita dei prezzi al consumo sono ora meno forti. Il mercato del lavoro, in particolare, recentemente era stato la principale fonte di preoccupazione per la Bce, e il fatto che si riconoscano segnali di rallentamento, riduce i rischi sull'outlook di inflazione.

*Macro Economist, AcomeA SGR

"Il contenuto delle notizie e delle informazioni trasmesse con il titolo "Parola al mercato" non puo' in alcun caso essere considerato una sollecitazione al pubblico risparmio o la promozione di alcuna forma di investimento ne' raccomandazioni personalizzate a qualsiasi forma di finanziamento. Le analisi contenute nelle notizie trasmesse nella specifica rubrica sono elaborate dalla societa' a cui appartiene il soggetto espressamente indicato come autore. L'agenzia di stampa Il Sole 24 Ore Radiocor declina ogni responsabilita' in ordine alla veridicita', accuratezza e completezza di tali analisi e invita quindi gli utenti a prendere atto con attenzione e la dovuta diligenza di quanto sopra dichiarato e rappresentato dalla societa'".

red-

(RADIOCOR) 25-01-24 16:43:18 (0612) 5 NNNN

 

(END) Dow Jones Newswires

January 25, 2024 10:43 ET (15:43 GMT)

Copyright (c) 2024 Dow Jones-Radiocor Indietro alle Notizie Forex

Accedendo ai servizi offerti da ADVFN, ne si accettano le condizioni generali Termini & Condizioni

ADVFN Network