Broker pronti ad aggiustare al rialzo le stime

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 23 nov - Le azioni ex Mediaset salgono nettamente in Borsa dopo i conti trimestrali che hanno evidenziato una profittabilità superiore alle previsioni grazie a un controllo dei costi migliore del previsto mentre sono in miglioramento le prospettive della raccolta pubblicitaria, in particolare in Italia. I titoli di classe A guadagnano quasi il 7% (oltre 400mila pezzi scambiati), quelli di classe B segnano un incremento del 5,9% (380mila azioni trattate). Nel periodo gennaio-settembre i ricavi netti hanno registrato un lieve calo (-2% a 1,86 miliardi di euro) ma i costi operativi sono scesi in parallelo (-2,1%). L'utile netto di 71 milioni, pur scendendo di quasi il 10%, ha battuto il consensus (56 milioni) e il risultato operativo di 98,3 milioni è rimasto stabile sul 2022 superando gli 81 milioni pronosticati dalle case di investimento. Oltre ai numeri giudicati "solidi" dai broker, sono le prospettive del quarto trimestre fornite dal management a dare supporto al titolo: a ottobre la raccolta pubblicitaria in Italia è cresciuta dell'8% annuo e novembre si sta per chiudere con una performance simile; a questo si aggiunge il fatto che il mese di dicembre 2022 era stato influenzato dalla presenza dei mondiali di calcio in Qatar, di cui il gruppo non aveva i diritti di trasmissione. In Italia la crescita della raccolta pubblicitaria per l'intero 2023 potrebbe attestarsi tra l'1% e l'1,5%. Il quarto trimestre migliore delle previsioni, sottolineano da Citi, può portare a un miglioramento delle stime sugli utili per azione 2023 e anche JpMorgan vede margini per un ulteriore aggiustamento. Per Intermonte c'è spazio per migliorare significativamente le previsioni che erano state fino a questo momento piuttosto conservative. L'outlook sulla pubblicità è positivo anche per il 2024 con una crescita tra lo 0,5% e l'1% che sembra credibile, secondo altre case. Più debole lo scenario in Spagna, data anche l'incertezza attuale del quadro politico, ma nel 2024, segnala Mediobanca Securities, il gruppo dovrebbe riuscire a mantenere le quote di mercato.

Altro fattore positivo è rappresentato dai costi: l'integrazione tra Italia e Spagna, ha spiegato il cfo Marco Giordani, sta avvenendo in modo più rapido del previsto e questo ha portato il management a limare la stima dei costi 2023 (2,460 miliardi da 2,470) con la prospettiva di mantenere questo livello piatto nel prossimo esercizio.

Fon

(RADIOCOR) 23-11-23 11:52:03 (0312) 5 NNNN

 

(END) Dow Jones Newswires

November 23, 2023 05:52 ET (10:52 GMT)

Copyright (c) 2023 Dow Jones-Radiocor
Grafico Azioni Mediobanca Banca di Cred... (BIT:MB)
Storico
Da Gen 2024 a Feb 2024 Clicca qui per i Grafici di Mediobanca Banca di Cred...
Grafico Azioni Mediobanca Banca di Cred... (BIT:MB)
Storico
Da Feb 2023 a Feb 2024 Clicca qui per i Grafici di Mediobanca Banca di Cred...