Bilancio - Dati Fondamentali Terna - Rete Elettrica Nazionale

Nome Compagnia:Terna - Rete Elettrica Nazionale
Descrizione:
Terna – Rete Elettrica Nazionale opera nel settore della trasmissione dell’energia elettrica; è il primo operatore indipendente in Europa e tra i principali al mondo per chilometri di linee elettriche gestiti. Il gruppo è proprietario del 99,6% della Rete di Trasmissione nazionale italiana e gestisce 72.900 Km di linee. Il gruppo possiede in Italia le infrastrutture elettriche in alta e altissima tensione (AT e AAT) che costituiscono la Rete di Trasmissione Nazionale (RTN), ovvero quella parte del sistema elettrico che si colloca tra la produzione/importazione dell’energia e la distribuzione della stessa, ed è responsabile e concessionario delle attività di trasmissione e dispacciamento dell’energia elettrica sulla rete ad alta tensione e delle attività di sviluppo e manutenzione della RTN. Gli elementi costitutivi della rete sono: i trasformatori di AAT (altissima tensione) che prelevano l’energia dalle centrali elettriche nazionali o dai punti di confine per l’energia importata; le linee di alta e di altissima tensione che trasportano l’energia; le stazioni di trasformazione che cedono l’energia alle società di distribuzione (che portano l’energia elettrica agli utenti). Il gruppo svolge le attività di esercizio, manutenzione e sviluppo della rete, al fine di consentire il trasporto dell’energia elettrica dagli impianti di produzione, o dai punti di interconnessione con le reti estere (nel caso di energia elettrica importata), sino ai punti di interconnessione con le reti di distribuzione e/o ai punti di prelievo dei clienti finali direttamente connessi con la RTN. Terna delibera ed esegue gli interventi di sviluppo della RTN sulla base di un piano decennale approvato ogni anno dal Ministero dello Sviluppo Economico. Inoltre in Italia il gruppo offre anche servizi ad altri operatori del settore elettrico (sia del gruppo Enel, sia terzi) legati alle proprie competenze nel campo della progettazione, realizzazione, esercizio e manutenzione delle infrastrutture in AT e AAT e al telecontrollo di reti tecnologiche distribuite sul territorio, nonché servizi nel campo delle telecomunicazioni (principalmente locazione di infrastrutture o spazi per l’installazione di apparecchiature di telecomunicazioni, nell’appoggio di fibra ottica su infrastrutture di proprietà e nell’attività di manutenzione e sviluppo). L’assetto societario del gruppo è costituito dalla capogruppo Terna Spa, da cui dipendono le società operative interamente controllate dedicate alle attività regolate, e le controllate Terna Plus Srl e il gruppo Tamini per le attività non regolate. Il gruppo gestisce in sicurezza la RTN e ha la responsabilità (365 giorni l’anno, 24 ore su 24), della trasmissione e del dispacciamento dell’energia e quindi della gestione in sicurezza dell’equilibrio tra la domanda e l’offerta di energia elettrica in Italia. Fornisce inoltre servizi in regime di concessione e ne garantisce la sicurezza, la qualità e l’economicità e assicura parità di condizioni di accesso a tutti gli utenti delle reti. Terna Plus è la società responsabile dello sviluppo dei nuovi business, sia in Italia che all’estero, punta a cogliere le opportunità di business sul mercato libero; realizza e gestisce infrastrutture per l’Alta Tensione in Italia e all’estero.
Amm. Delegato:Luigi FerrarisIndirizzo Web:www.terna.it
Presidente:Catia BastioliTel:0683138111
Indirizzo:Viale Egidio Galbani, 70Fax:0683138317
Comune:RomaEmail:investor.relation@terna.it
Nazione:ItaliaISIN:IT0003242622
CAP:00156
 Prezzo Variazione [%] Denaro Lettera Volume Max Min
 5,796 -0,044 [-0,75%] 5,802 5,806 4.760.160 5,844 5,784
 Aper Chiusura Prec. Cap. di mercato Azioni circolanti VWAP ROE (%) Osc 52 Sett
 5,824 5,84 11.649.913.632 2.009.992.000 5,80 17,58 4,50-6,04

Valori Principali

(alla chiusura precedente)
Chiusura Precedente5,84
Cap. di mercato11.738.353.280
Azioni circolanti2.009.992.000
Azioni Privilegiate circolanti-
Azioni Risparmio circolanti-
Azioni Risparmio Convertibili circolanti-

Andamento prezzo azioni 5 anni

Andamento Prezzo Azione

Periodo MaxMin
1 Settimana5,865,66
4 Settimane5,935,65
12 Settimane5,935,29
1 Anno6,044,50
3 Anni6,043,83
5 Anni6,043,54

Grafico Azionisti

Sintesi di Bilancio (in migliaia di euro)

31/12/201831/12/201731/12/201631/12/2015
Ricavi delle Vendite e delle Prestazioni2.272.5002.184.0002.032.6002.011.900
EBITDA1.650.6001.603.9001.544.7001.539.200
EBIT1.096.5001.077.4001.036.0001.022.400
Risultato di pertinenza del Gruppo706.600688.300633.100595.500
Risultato Netto711.600694.200627.900595.300
Cash Flow1.251.6001.209.8001.128.5001.085.500
Patrimonio Netto Complessivo4.054.2003.829.0003.555.2003.345.800
Posizione Finanziaria Netta-7.899.400-7.800.700-7.976.300-8.002.700
RISULTATI 2018 - Risultati positivi per Terna nell’esercizio 2018.
I ricavi totali salgono a 2.319,1 milioni (+3,2%) e i ricavi delle vendite ammontano a 2.272,5 milioni (+4%).
I ricavi complessivi riclassificati dalla società includendo direttamente i soli margini delle attività in concessione realizzate all’estero risultano incrementati dell’1,6%, passando da 2.162,8 a 2.197 milioni.
Questo in presenza di ricavi del business “regolato” in Italia saliti dell’1,1% a 1.989,6 milioni per l’incremento delle tariffe e del progresso del 3,1% a 194,9 milioni dei ricavi delle attività non regolate, grazie alla crescita delle vendite del gruppo Tamini.
I ricavi internazionali sono balzati del 92,3% a 12,5 milioni grazie ai risultati conseguiti dalla realizzazione dei progetti in Brasile.
Complessivamente i costi operativi totalizzano 668,5 milioni (+3,8%); tuttavia se considerati al netto dei costi attinenti le attività in concessione sopra citate, risultano diminuiti del 2,2%, passando da 558,9 a 546,4 milioni e in particolare il costo del lavoro è sceso del 5,5% a 238,8 milioni, anche se i dipendenti del gruppo hanno raggiunto 4.252 unità, con un incremento di 355 addetti rispetto a fine 2017 per il rafforzamento delle competenze “core” previste dal piano strategico e il programma di ricambio generazionale avviato nel 2017.
Comunque l’Ebitda è salito da 1.603,9 a 1.650,6 milioni (+2,9%), trainato soprattutto dal miglior risultato del Regolato Domestico.
Dopo ammortamenti e svalutazioni passati da 526,5 a 554,1 milioni, l’Ebit si è attestato a 1.096,5 milioni (+1,8%).
Gli oneri finanziari netti sono rimasti invariati a 88,8 milioni, in presenza al 31/12/2018 di un indebitamento finanziario netto pari a 7.899,4 milioni, in aumento rispetto a fine 2017 per effetto degli investimenti del periodo, complessivamente pari a 1.091,1 milioni (1.033,9 milioni nel 2017), tra cui gli avanzamenti dei cantieri per le interconnessioni elettriche Italia-Montenegro e Italia-Francia, il riassetto della rete in alta tensione nell’area metropolitana di Napoli, i lavori per la realizzazione del collegamento sottomarino in Laguna Veneta, l’elettrodotto Foggia-Benevento II ed il collegamento elettrico tra Capri e la penisola sorrentina.
L’utile ante imposte è così salito a 1.007,7 milioni (+1,9%).
Dopo imposte per 296,1 milioni (tax rate in lieve diminuzione dal 29,8% al 29,4%) e l’imputazione ai terzi di una quota di utile di competenza scesa da 5,9 a 5 milioni, l’utile netto è infine ammontato a 706,6 milioni, il 2,7% in più rispetto ai 688,3 milioni al 31/12/2017.
Dopo l’acconto sul dividendo per l’esercizio 2018 pari a 0,0787 euro per azione, in pagamento dal 21 novembre 2018, il saldo ammonta a 0,1545 euro per azione (in pagamento dal 26 giugno 2019), dando luogo a un dividendo complessivo di 0,2332 euro per azione.Nel 2019 i ricavi complessivi sono previsti pari a circa 2,3 miliardi e l’Ebitda a 1,72 miliardi; l’eps dovrebbe risultare pari a circa 0,36 euro, mentre gli investimenti dovrebbero ammontare a 1,2 miliardi al lordo delle quote finanziate.
Il management del gruppo Terna ha annunciato il Piano Strategico 2019 – 2023 che prevede investimenti complessivi per 6,2 miliardi sulla rete elettrica nazionale (oltre il 60% delle nuove linee realizzate sarà realizzato in cavo terrestre o sottomarino, con ridotto impatto ambientale), di cui 3 per le attività di sviluppo della rete (gli elettrodotti Colunga-Calenzano tra Emilia-Romagna e Toscana e Gissi-Foggia tra Abruzzo e Puglia, la razionalizzazione della rete delle aree metropolitane di Milano, Roma e Napoli con nuovi cavi tecnologici e sostenibili, l’avvio del progetto SA.CO.I.3 che rafforza il collegamento tra Sardegna, Corsica e penisola italiana); 2 miliardi sono destinati ad attività di rinnovo ed efficienza per il miglioramento della qualità del servizio e circa 1 miliardo al Piano di Difesa per accrescere la sicurezza e la stabilità della rete, installando ad esempio i compensatori sincroni nei punti più critici per la gestione dei flussi di energia.
Nel periodo di prevede inoltre l’entrata in esercizio delle interconnessioni elettriche Italia-Montenegro e Italia-Francia.
All’interno degli investimenti indicati, 700 milioni saranno dedicati alla digitalizzazione e innovazione.
Il valore degli asset regolati (RAB) arriverà a 18,5 miliardi nel 2023, con un cagr di oltre il 4% rispetto ai 15,7 miliardi previsti per il 2019 (a fine 2018 la RAB è di 15,2 miliardi).
Per quanto riguarda l’attività di Non Regolato Domestico, Terna prevede di consolidare il suo ruolo di Energy Solutions Provider e di perseguire opportunità legate alla valorizzazione in ambito connectivity delle proprie infrastrutture in fibra spenta.
Queste attività dovrebbero apportare un contributo all’Ebitda di gruppo complessivamente pari a 400 milioni nell’arco di Piano.
A livello internazionale il gruppo intende rafforzarsi in Europa, mentre in Sudamerica si concentrerà sulla finalizzazione dei progetti in corso in Brasile e sul completamento delle attività avviate in Uruguay e Perù.
Questo comparto dovrebbe apportare 150 milioni di Ebitda nell’arco di Piano.
Nel complesso nel 2023 il gruppo Terna dovrebbe raggiungere ricavi pari a circa 2,7 miliardi e un Ebitda intorno a 2 miliardi, con un cagr del 4% per entrambi gli indicatori.
Gli investimenti al netto delle quote finanziate saranno pari a 6,8 miliardi.
L’eps raggiungerà circa 0,42 euro, con un cagr del 3%, ed il costo del debito netto è atteso pari in media all’1,6%.
Il rapporto Debito Netto/RAB rimarrà inferiore al 60%.
Dal 2019 al 2021 il cagr del dividendo sarà pari al 7% rispetto al 2018, mentre per il 2022 e il 2023 si prevede un pay-out del 75%, con un dividendo garantito non inferiore a quello di competenza del 2021.

Stato Patrimoniale

31/12/201831/12/201731/12/201631/12/2015
Avviamento230.100230.100230.100233.700
Attività immateriali289.300275.600285.900295.800
Immobilizzazioni Materiali13.244.30012.752.80012.368.90012.078.700
Investimenti Immobiliari----
Partecipazioni e altre attività finanziarie305.100198.000422.700770.000
Altre Attività non Correnti18.10014.20013.80011.300

Totale Attività non Correnti

14.086.90013.470.70013.321.40013.389.500
Rimanenze15.20014.80010.20012.400
Crediti Commerciali1.189.7001.265.9001.443.3001.373.400
Altre Attività Correnti105.300176.00087.200169.100
Liquidità e Disponibilità Finanziarie1.733.4001.989.4001.161.900495.900

Totale Attività Correnti

3.043.6003.446.1002.702.6002.050.800
Attività destinate alla vendita----

Totale Attivo

17.130.50016.916.80016.024.00015.440.300
Capitale Sociale442.200442.200442.200442.200
Azioni Proprie----
Riserve2.870.4002.672.8002.460.1002.283.100
Utile (Perdite) d'Esercizio706.600688.300633.100595.500

Patrimonio Netto di Gruppo

4.019.2003.803.3003.535.4003.320.800
Patrimonio netto di Terzi35.00025.70019.80025.000

Patrimonio netto Complessivo

4.054.2003.829.0003.555.2003.345.800
Debiti Finanziari a Lungo Termine8.286.8008.682.1008.417.2008.523.800
Fondo TFR e altri fondi del personale69.40080.700104.100105.500
Fondo per rischi e oneri241.400266.500238.600198.800
Altre passività non correnti373.800259.600162.800193.300

Totale Passività non correnti

8.971.4009.288.9008.922.7009.021.400
Debiti Finanziari a Breve Termine1.346.0001.108.0001.046.700663.000
Debiti Commerciali2.514.1002.497.9002.280.7002.143.900
Altre Passività correnti244.800193.000218.700266.200

Totale Passività correnti

4.104.9003.798.9003.546.1003.073.100
Passività correlate ad attività destinate alla vendita----

Totale passivo

17.130.50016.916.80016.024.00015.440.300

Conto Economico - Profit & Loss

31/12/201831/12/201731/12/201631/12/2015
Ricavi delle vendite e delle prestazioni2.272.5002.184.0002.032.6002.011.900
Altri ricavi46.60064.00070.60070.200

Totale ricavi

2.319.1002.248.0002.103.2002.082.100
Costo del venduto----
Utile lordo industriale----
Spese generali e amministrative----
Spese di ricerca e sviluppo----
Spese di vendita----
Altri ricavi (costi) operativi netti----
Altri proventi (oneri) non ricorrenti----
Variazione delle rimanenze----
Consumi di materie prime204.400158.10071.00095.700
Costo del personale241.900254.800265.100229.200
Costi per servizi174.000169.200177.600147.500
Altri costi operativi48.20062.00044.80070.500
Altri proventi non ricorrenti----
Altri oneri non ricorrenti----
EBITDA1.650.6001.603.9001.544.7001.539.200
Ammortamenti540.000515.600500.600490.200
Accantonamenti per rischi, oneri e svalutazioni7001.6004.0003.700
EBIT1.096.5001.077.4001.036.0001.022.400

Saldo gestione finanziaria

-88.800-88.800-102.800-141.100
a) Proventi Finanziari6.9003.9004.50011.400
b) Oneri Finanziari90.80095.700105.200154.200
c) Altri Proventi (Oneri) Finanziari-4.9003.000-2.1001.700
Ripristini (svalutazioni) / Plusvalenze (Minusvalenze)----

Risultato prima delle imposte

1.007.700988.600933.200881.300
Imposte sul reddito296.100294.400305.300293.300
Risultato netto attività di funzionamento711.600694.200627.900588.000
Risultato attività destinata a cessare---7.300

Risultato netto

711.600694.200627.900595.300
Risultato di pertinenza di terzi5.0005.900-5.200-200
Risultato di pertinenza del Gruppo706.600688.300633.100595.500
La tua Cronologia
BIT
TRN
Terna
Registrati ora per visualizzare questi strumenti nella tua watchlist streaming.

Il Monitor ADVFN ti permette di visualizzare fino a 110 titoli ed è completamente gratuito.

Per accedere al tempo reale push di Borsa è necessario registrarsi.

Accedendo ai servizi offerti da ADVFN, ne si accettano le condizioni generali Termini & Condizioni

P: V:it D:20191023 22:04:46