Articolo originale pubblicato su Dow Jones English Newswire, traduzione a cura della redazione Il Sole 24 Ore Radiocor.

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 17 lug - Il presidente russo Vladimir Putin ha firmato domenica un decreto per assumere il controllo delle attività di Danone e Carlsberg nel Paese, consegnando di fatto al governo le quote delle loro aziende russe. La mossa è una delle risposte più drastiche alla fuga delle aziende occidentali dalla Russia in seguito all'invasione dell'Ucraina da parte del Paese.

Ecco alcune aziende occidentali le cui attività in Russia sono state sequestrate dall'Agenzia federale russa per la gestione delle proprietà statali:

Danone: L'azienda alimentare francese ha dichiarato domenica che sta indagando sulla situazione e si sta preparando a prendere tutte le misure necessarie per proteggere i suoi diritti di azionista di Danone Russia. Lo scorso ottobre Danone ha avviato un processo per trasferire il controllo delle sue attività essenziali nel settore lattiero-caseario e vegetale nel Paese. Danone ha dichiarato che la mossa del Cremlino non influirà sulle previsioni per il 2023.

Carlsberg: Domenica il produttore danese ha definito inaspettata la decisione della Russia di trasferire i birrifici Baltika sotto la gestione temporanea dell'Agenzia federale per la gestione delle proprietà statali, affermando che il gruppo valuterà le conseguenze legali e operative e adotterà tutte le azioni necessarie in risposta. Il mese scorso Carlsberg ha accettato di vendere le sue attività in Russia senza rivelare i dettagli, ma le prospettive per il processo di vendita sono ora molto incerte, ha dichiarato.

Uniper: In aprile, l'Agenzia federale per la gestione delle proprietà statali ha rilevato la partecipazione dell'83,73% di Uniper nelle sue attività russe. Il gigante tedesco dell'energia aveva dichiarato all'epoca che stava rivedendo la situazione legale di Unipro, deconsolidata dal punto di vista contabile lo scorso anno. Tuttavia, l'approvazione della vendita della quota, già presentata alle autorità russe, non era stata concessa nonostante la firma di un contratto con un acquirente a settembre.

Fortum: TL'Agenzia federale per la gestione delle proprietà statali ha rilevato in aprile la partecipazione del 98,23% di Fortum nelle sue attività in Russia. L'azienda energetica finlandese ha dichiarato in quell'occasione che stava indagando sulla situazione. Nel maggio dello scorso anno, Fortum aveva dichiarato che si stava preparando a lasciare il mercato russo, con potenziali cessioni di attività. Il valore contabile delle partecipazioni di Fortum in Russia era di 1,7 miliardi di euro (1,91 miliardi di dollari) alla fine del 2022.

Gli ultimi sequestri fanno seguito a un decreto firmato ad aprile che Putin ha definito una risposta alle azioni ostili dei governi che hanno imposto una serie di sanzioni a Mosca. L'estate scorsa, la Russia ha preso il controllo del consorzio internazionale dietro il gigantesco progetto petrolifero e di gas naturale Sakhalin-2 nell'Estremo Oriente russo, che contava tra i suoi azionisti Shell e Mitsubishi. Da tempo il Cremlino minaccia di nazionalizzare i beni delle aziende che lasciano la Russia. Tuttavia, alcune aziende hanno mantenuto alcune attività nel Paese:

Il produttore di cioccolato Barry Callebaut, con sede in Svizzera, ha ancora un'esposizione significativa verso la Russia e finora non ha indicato alcuna volontà di ritirarsi, ha scritto Pascal Boll di Stifel in una nota ai clienti. "Riteniamo che la notizia di questa mattina non sia certamente positiva per Danone e ancor più per Barry Callebaut, in quanto riteniamo che gli investitori si siano quasi dimenticati dell'esposizione russa di Barry negli ultimi tempi", ha affermato Boll. Il gruppo gestisce tre stabilimenti in Russia e, nel peggiore dei casi, l'esproprio potrebbe far scattare una svalutazione di circa 150-200 milioni di franchi svizzeri (174,1-232,2 milioni di dollari), ha dichiarato Boll.

Raiffeisen Bank International: All'inizio dell'anno la banca austriaca ha dichiarato che avrebbe ridotto le attività commerciali in Russia mentre valutava le opzioni per uscirne del tutto. Ha ridotto i prestiti ai clienti e ha rinegoziato il capitale di Raiffeisenbank Russia, ma non ha mai lasciato la Russia, a differenza di molte aziende occidentali. È una delle banche europee con la maggiore esposizione alla Russia, con oltre 9.500 dipendenti alla fine del 2022, secondo il suo rapporto annuale.

Scrivere a barcelonaeditors@dowjones.com

 

(END) Dow Jones Newswires

July 17, 2023 05:52 ET (09:52 GMT)

Copyright (c) 2023 Dow Jones-Radiocor
Grafico Azioni Danone (EU:BN)
Storico
Da Gen 2024 a Feb 2024 Clicca qui per i Grafici di Danone
Grafico Azioni Danone (EU:BN)
Storico
Da Feb 2023 a Feb 2024 Clicca qui per i Grafici di Danone