La classifica dell'industria è dominata per fatturato dai grandi gruppi energetico-petroliferi pubblici: Enel (con un fatturato di 77,4 mld euro), Eni (69,9 mld euro) e GSE (29,7 mld).

E' quanto emerge dalla 55* edizione condotta dall'Area Studi Mediobanca dell'indagine sulle Principali Società Italiane.

Nel dettaglio Enel torna il primo gruppo industriale italiano dopo il sorpasso di Eni (2018) ristabilendo la supremazia del biennio precedente (2016-2017); è il maggiore produttore italiano di energia elettrica e il secondo europeo dietro il Gruppo EdF - Electricité de France: chiude il 2019 con ricavi pari a 77,4 mld., in espansione del 5,9%, progresso realizzato grazie al mercato estero (+11,6%). In seconda posizione Eni che ha ceduto il primato dello scorso anno (mantenuto anche negli undici anni tra il 2003 e il 2013, consegnato a Exor nel biennio 2014-2015 - prima del suo trasferimento in Olanda - e passato a Enel con cui si è alternato in quest'ultimo quadriennio). Eni accusa il calo del prezzo del greggio (barile in dollari: -9,5% nel 2019 dopo il +30,9% nel 2018 e il +24,2% nel 2017) e decrementa il proprio fatturato del 7,8% (da 75,8 a 69,9 mld).

Gse (società pubblica che svolge attività di compravendita di energia elettrica) è stabilmente terzo con vendite per 29,7 mld, davanti a FCA Italy (principale realtà industriale del gruppo Fiat nel nostro Paese) che con 24,4 mld. di ricavi (-10,4%) si mantiene in quarta posizione; il suo fatturato sul mercato italiano cala del 16,1% (quello estero del 6,1%). Segue Telecom Italia (quinta) che perde il 4,9% su base omogenea a 18 miliardi (-0,2% il fatturato estero). Edizione dei Benetton (16,8 miliardi, +43,2%) grazie al consolidamento del gruppo spagnolo Abertis per l'intero esercizio è in sesta posizione; oltre alla crescita delle infrastrutture e dei servizi per la mobilità, si segnala la tenuta della ristorazione (+5,5%) e la flessione (-6,7%) dell'abbigliamento che ora vale 1,2 mld, appena il 6,9% dei ricavi del gruppo. Per la conglomerata di Ponzano Veneto la crescita viene prevalentemente dal mercato estero, grazie anche all'acquisizione del 70% del capitale di Red de Carreteras de Occidente (RCO) in Messico, società che gestisce, attraverso 5 concessionarie, 876 km di rete autostradale nel Paese. La chiusura dell'operazione ha portato così il Gruppo a essere presente in 24 Paesi, con circa 15.000 km di autostrade in concessione nel mondo. Sempre nel 2019, Atlantia ha ceduto il 49% di Telepass al fondo svizzero Partners Group.

Leonardo Spa è settima con 13,8 miliardi (+12,6%) e nel 2020 ha investito quasi 180 milioni di euro per dare ulteriore stimolo alle proprie competenze tecnologiche acquisendo la società elicotteristica svizzera Kopter. Ferrovie dello Stato è stabile in ottava posizione con ricavi in crescita a 12 mld, seguita da Prysmian in nona dalla 10ma (con 11,5 mld, invariati su base omogenea) dopo il consolidamento, da giugno 2018, della statunitense General Cable Corp. (l'integrazione ha dato vita a un gruppo presente in oltre 50 Paesi, con 106 unità produttive, 25 centri di Ricerca & Sviluppo e circa 29.000 dipendenti) e dalla Saras dei Moratti (9,4 miliardi, -8,8% da imputare sostanzialmente al già citato andamento dei prezzi dei prodotti petroliferi).

Saipem occupa l'11* posizione, in salita di 3 dalla 14ma (+6,7% a 9,1 mld), precedendo Poste Italiane che sale di una posizione, in 12*; l'incremento dell'1,2% ha portato il suo fatturato (servizi postali e finanziari) a 8,9 miliardi. Si segnala che ove i premi assicurativi del gruppo (17,9 miliardi) fossero sommati ai ricavi postali e finanziari, emergerebbe un gruppo da 26,8 mld, quarto assoluto nel ranking 2019, dopo GSE e davanti a Fca Italy. Poste Vita è il secondo polo assicurativo nazionale dopo Generali, mentre le attività del BancoPosta ne farebbero la settima banca italiana per provvista da clientela (64,4 mld) davanti a Bper Banca. I soli ricavi postali, pari a circa 3,5 mld, collocherebbero le Poste in 46esima posizione.

Edison (8,3 mld) scende di una posizione (in 13*) davanti a Supermarkets Italiani (in 14esima dalla 15ma, con vendite a 8 miliardi, +3,5% sul 2018). Esso Italiana occupa la quindicesima (in discesa di 4 posizioni, -19,6% a 7,6 miliardi) davanti a A2A (7,1 mld) e Parmalat (con vendite a 6,9 mld, +2,8% su base omogenea). Seguono due società in ascesa rispetto al 2019: Hera con 6,8 mld. (+12,9%) in seguito al consolidamento di EstEnergy (il maggiore operatore nel settore Energy nel Nord Est nato dalla partnership con il Gruppo Ascopiave) e Volkswagen Group Italia in 19ma dalla 22ma (con 6,4 mld, +10,8%) grazie all'incremento del numero di auto vendute (+7,4%, oltre 21.000 in più rispetto al 2018). Chiude la Top20 Kuwait Petroleum Italia con 6,2 mld di ricavi. Rispetto alla scorsa edizione sono uscite dalla Top20 Luxottica e Italiana Petroli, sostituite dagli ingressi di Hera e Volkswagen.

In sintesi nove delle prime venti società appartengono al settore energetico (petrolifero o energia elettrica), sei alla gestione di infrastrutture o ai servizi (commerciali, di telecomunicazioni, di ristorazione, postali, distributivi o di trasporto), e cinque alla manifattura (FCA Italy, Leonardo, Prysmian, Saipem e Parmalat). Nove gruppi sono a proprietà pubblica, sette a controllo straniero (Telecom di Vivendi ed Elliott, Prysmian di fondi esteri, Edison di EdF, Esso di ExxonMobil USA, Parmalat della famiglia francese Besnier di Lactalis, Volkswagen Group Italia divisione della multinazionale tedesca, Kuwait della compagnia petrolifera nazionale del Kuwait).

Infine Enel si conferma "campione" per debiti finanziari (con una consistenza a fine 2019 pari a 62 mld euro) ma anche di utili, con 7 mld nel biennio 2018-2019; seguono nella classifica degli utili Eni (4,3mld) e Poste (2,7mld). Considerando il solo 2019 è sempre Enel a salire sul gradino più alto del podio (2,1mld di utili), seguita da Guccio Gucci e Marelli Europe (2mld). In perdita invece, sempre nel biennio, Fca Italy (1,6mld), Whirlpool Italia Holdings (0,7 mld) e Permasteelisa (0,6 mld).

lab

 

(END) Dow Jones Newswires

November 03, 2020 09:02 ET (14:02 GMT)

Copyright (c) 2020 MF-Dow Jones News Srl.
Grafico Azioni Prysmian (BIT:PRY)
Storico
Da Dic 2020 a Gen 2021 Clicca qui per i Grafici di Prysmian
Grafico Azioni Prysmian (BIT:PRY)
Storico
Da Gen 2020 a Gen 2021 Clicca qui per i Grafici di Prysmian