Sistema Solare E Via Lattea (TIT)

MODERATO FRANCO FRANCHINO (Utente disabilitato) N° messaggi: 5293 - Iscritto da: 21/7/2023
Lista Commenti
557 Commenti
 ...     28
MODERATO FRANCO FRANCHINO (Utente disabilitato) N° messaggi: 5293 - Iscritto da: 21/7/2023
MODERATO FRANCO FRANCHINO (Utente disabilitato) N° messaggi: 5293 - Iscritto da: 21/7/2023
MODERATO FRANCO FRANCHINO (Utente disabilitato) N° messaggi: 5293 - Iscritto da: 21/7/2023
MODERATO FRANCO FRANCHINO (Utente disabilitato) N° messaggi: 5293 - Iscritto da: 21/7/2023
MODERATO FRANCO FRANCHINO (Utente disabilitato) N° messaggi: 5293 - Iscritto da: 21/7/2023
MODERATO FRANCO FRANCHINO (Utente disabilitato) N° messaggi: 5293 - Iscritto da: 21/7/2023
MODERATO FRANCO FRANCHINO (Utente disabilitato) N° messaggi: 5293 - Iscritto da: 21/7/2023
MODERATO FRANCO FRANCHINO (Utente disabilitato) N° messaggi: 5293 - Iscritto da: 21/7/2023
MODERATO FRANCO FRANCHINO (Utente disabilitato) N° messaggi: 5293 - Iscritto da: 21/7/2023
MODERATO FRANCO FRANCHINO (Utente disabilitato) N° messaggi: 5293 - Iscritto da: 21/7/2023
MODERATO FRANCO FRANCHINO (Utente disabilitato) N° messaggi: 5293 - Iscritto da: 21/7/2023
MODERATO FRANCO FRANCHINO (Utente disabilitato) N° messaggi: 5293 - Iscritto da: 21/7/2023
553 di 557 - 07/1/2024 14:40
maria stella 1 N° messaggi: 4562 - Iscritto da: 29/10/2023

Il grande enigma della Luna

"I nostri risultati sfidano l'idea tradizionale secondo cui l'impatto gigantesco avrebbe portato all'omogeneizzazione della Terra primordiale", afferma Hongping Deng dell'Osservatorio Astronomico di Shanghai (SHAO) dell'Accademia cinese delle Scienze.

“Invece, l’impatto gigantesco che ha formato la Luna sembra essere l’origine dell’eterogeneità del mantello primordiale e segna il punto di partenza per l’evoluzione geologica della Terra nel corso di 4,5 miliardi di anni”.

I ricercatori hanno scoperto che circa il 2-3% della massa terrestre potrebbe provenire da Theia. Non abbiamo trovato pianeti extrasolari esattamente come la Terra nella Via Lattea. L’impatto gigantesco potrebbe essere uno dei motivi per cui la Terra è così com’è.

554 di 557 - 07/1/2024 14:40
maria stella 1 N° messaggi: 4562 - Iscritto da: 29/10/2023

a planet in space
a planet in space© Hongping Deng, Hangzhou Sphere Studio, China
555 di 557 - 07/1/2024 14:40
maria stella 1 N° messaggi: 4562 - Iscritto da: 29/10/2023

La teoria più convincente e condivisa dagli scienziati per spiegare la nascita della Luna parla di uno scontro avvenuto 4,5 miliardi di anni fa che ha visto il piccolo pianeta Theia schiantarsi contro la Terra. Il mucchio di detriti generato da questo botto, con il tempo, avrebbero creato il nostro satellite.

Ora un gruppo di ricercatori avrebbe trovato tracce di Theia sia all'interno della Luna che all'interno della Terra. Stiamo per risolvere il mistero che c'è dietro a questa storia?

556 di 557 - Modificato il 17/1/2024 11:28
maria stella 1 N° messaggi: 4562 - Iscritto da: 29/10/2023
Esquire Italia

Esquire ItaliA

Il bizzarro pianeta che potrebbe riscrivere la storia del sistema solare

Una nuova pubblicazione di Science parla di un pianeta apparentemente impossibile, troppo grande rispetto alla sua stella di riferimento e al suo sistema. Questo oggetto si trova lontano anni luce da noi, ma potrebbe mettere in crisi tutto ciò che sappiamo su come si formano i mondi.

"Un oggetto come quello che abbiamo scoperto è estremamente raro, quindi rilevarlo è stato davvero emozionante", ha affermato Megan Delamer, studentessa laureata in astronomia alla Penn State e coautrice dell'articolo. "Le nostre attuali teorie sulla formazione dei pianeti hanno difficoltà a spiegare ciò che stiamo vedendo."
Fullscreen button
a screenshot of a computera screenshot of a computer© Penn State University



Un pianeta gigante molto strano

Questo oggetto è 13 volte più massiccio della Terra, più o meno quanto Nettuno. Ma la cosa strana è che la stella ultra-fredda attorno alla quale orbita (nota come LHS 3154) è nove volte meno massiccia del nostro Sole. Ciò rende il rapporto di massa del pianeta rispetto alla sua stella più di 100 volte quello tra la Terra e il nostro Sole. La scoperta segna la prima volta che gli scienziati trovano un pianeta così gigante in orbita attorno a una stella così piccola.

Il team ha scoperto l’insolita coppia mentre cercavano pianeti con acqua liquida sulla loro superficie.
“Pensalo come se la stella fosse un falò. Più il fuoco si raffredda, più dovrai avvicinarti a quel fuoco per stare al caldo”, ha detto Suvrath Mahadevan, professore di astronomia e astrofisica alla Penn State e coautore dell’articolo.
“Lo stesso vale per i pianeti. Se la stella è più fredda, allora il pianeta dovrà essere più vicino a quella stella se vuole essere abbastanza caldo da contenere acqua liquida. Se un pianeta ha un’orbita abbastanza vicina alla sua stella ultrafredda, possiamo rilevarlo osservando un cambiamento molto sottile nel colore degli spettri o della luce della stella mentre viene trascinata da un pianeta in orbita”.
557 di 557 - Modificato il 08/4/2024 09:17
maria stella 1 N° messaggi: 4562 - Iscritto da: 29/10/2023

Signori, Urano e Nettuno non sono come li crediamo: scoperta sensazionale

Per decenni abbiamo ammirato le tonalità dei giganti ghiacciati Urano e Nettuno grazie ai dati raccolti dalla sonda Voyager 2 della NASA. Questo veicolo ha condotto un sorvolo di Urano nel 1986 e le immagini hanno rivelato un pianeta con un colore ciano o blu più pallido, mentre l'avvicinamento a Nettuno nel 1989 e ha svelato un mondo con un ricco colore blu.
Il problema è quei dati erano sbagliati. Ecco perché.
a group of planets© Patrick Irwin



I nuovi colori di Urano e Nettuno

"Sebbene le familiari immagini di Urano della Voyager 2 siano state pubblicate in una forma più vicina al colore 'reale', quelle di Nettuno erano, in effetti, allungate e migliorate, e quindi rese artificialmente troppo blu", ha spiegato il coautore dello studio e astronomo dell'Università di Oxford Patrick Irwin. “Anche se il colore saturo artificialmente era noto all’epoca tra gli scienziati planetari – e le immagini venivano pubblicate con didascalie che lo spiegavano – quella distinzione si era persa nel tempo”.

Oggi invece sappiano che i loro colori si assomigliano molto e potrebbero essere descritti come di un blu pallido tendente leggermente al verde.
“Non c’è mai stato un tentativo di ingannare”, ha detto al New York Times Leigh Fletcher, coautore dello studio e scienziato planetario dell’Università di Leicester. “Ma c’è stato un tentativo di raccontare una storia con queste immagini rendendole esteticamente gradevoli alla vista in modo che le persone possano godersi queste bellissime scene in un modo che sia, forse, più significativo di una massa sfocata, grigia e amorfa sullo sfondo".
557 Commenti
 ...     28
Titoli Discussi
BIT:TIT 0.23 -1.1%
BIT:TITR 0.24 -1.1%

Accedendo ai servizi offerti da ADVFN, ne si accettano le condizioni generali Termini & Condizioni

ADVFN Network