Stimato fatturato in crescita con margini in espansione

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 19 ott - Si muove in buon progresso De'longhi a Piazza Affari: il titolo della società attiva nella produzione e commercializzazione di piccoli elettrodomestici, dopo aver toccato un guadagno del 4,2%, mette a segno un +2,5% e scambia a 21,42 euro, a fronte di un indice Ftse Mib che arretra dell'1%. Il mercato guarda ai risultati relativi al terzo trimestre dell'anno che l'azienda presenterà il prossimo 9 novembre: gli analisti sono concordi nel prevedere una "solida crescita", soprattutto legata alle buone performance del settore del caffè, e "margini in espansione". In base alle analisi di Intermonte, "nonostante un generale rallentamento sulla domanda di beni di consumo nel terzo trimestre", si attendono "dinamiche molto diversificate a seconda delle categorie di prodotto", con i segmenti del caffè "che presentano sempre dinamiche molto positive, e parte della food preparation in crescita o sostanzialmente stabili"; secondo gli analisti di Equita, la crescita di questo business sarà pari a circa il 30%.

Per Banca Akros, al netto della componente negativa dei cambi, la crescita delle vendite dovrebbe essere di circa il 4%, in linea con le previsioni di Intermonte, che stima ricavi totali in aumento del 4,3% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente a 713 milioni, mentre Equita prevede un incremento del fatturato organico del 5%, contro il +3,7% registrato nel secondo semestre, con il protrarsi della crescita del caffè che contribuirà per oltre il 50% delle vendite. Complessivamente, gli analisti stimano un ebitda rettificato nel terzo trimestre in crescita a 89 milioni secondo Equita, e a 97,4 milioni secondo Intermonte, con un margine sulle vendite del 13,7%.

Quanto all'ultimo trimestre del 2023, come sottolineano da Banca Akros, se le previsioni sono corrette, "l'ebitda rettificato, utilizzando l'intervallo superiore indicato dalla società (tra i 370 e i 390 milioni di euro), sarebbe pari a -7%", il che "sembra prudente se si considera che il quarto trimestre dello scorso anno era ancora influenzato dall'inflazione e dalle inefficienze produttive". Allo stesso modo, Intesa Sanpaolo nota che se De'longhi dovesse confermare le attese e "se si ipotizzasse un impatto minore del conflitto nel Vicino Oriente tra Israele e Hamas", le attuali stime sarebbero "probabilmente troppo caute": l'ebitda dell'esercizio in corso "potrebbe superare la fascia più alta della guidance della società, raggiungendo i 400 milioni di euro nell'ipotesi di un quarto trimestre, il più importante dell'anno a causa della stagionalità, invariato rispetto all'anno precedente". Il miglioramento delle previsioni sull'ebitda a fine anno sarebbe di "circa il 5%" rispetto alle stime dell'istituto e "del 2% rispetto al consenso".

bla-

(RADIOCOR) 19-10-23 14:07:41 (0428)FOOD 5 NNNN

 

(END) Dow Jones Newswires

October 19, 2023 08:07 ET (12:07 GMT)

Copyright (c) 2023 Dow Jones-Radiocor
Grafico Azioni De Longhi (BIT:DLG)
Storico
Da Feb 2024 a Mar 2024 Clicca qui per i Grafici di De Longhi
Grafico Azioni De Longhi (BIT:DLG)
Storico
Da Mar 2023 a Mar 2024 Clicca qui per i Grafici di De Longhi