Bilancio - Dati Fondamentali Intesa Sanpaolo

Nome Compagnia:Intesa Sanpaolo
Descrizione:
Intesa Sanpaolo si colloca tra i primissimi gruppi bancari dell'eurozona, ed è leader in Italia in tutti i settori di attività (retail, corporate e wealth management). Il gruppo offre i propri servizi a 11,8 milioni di clienti avvalendosi di una rete di circa 3.680 sportelli (ottobre 2020) presenti su tutto il territorio nazionale e circa 1.100 sportelli e 7,2 milioni di clienti presenti all’estero. Inoltre, Intesa Sanpaolo, con una copertura strategica del territorio tramite le sue controllate locali, si colloca tra i principali gruppi bancari in diversi Paesi dell’Europa centro-orientale in Medio Oriente e Nord Africa. L’attività del gruppo si articola in sei business units: -Divisione Banca dei Territori focalizzata sul mercato e sulla centralità del territorio per il rafforzamento delle relazioni con gli individui, le piccole e medie imprese e gli enti nonprofit. La divisione include le banche controllate italiane e le attività di credito industriale, leasing e factoring; -Divisione Corporate e Investment Banking, si pone come partner globale per lo sviluppo equilibrato e sostenibile delle imprese e delle istituzioni finanziarie in un’ottica di medio/lungo termine, su basi nazionali ed internazionali;-Divisione International Subsidiary Banks che include le controllate che svolgono attività di commercial banking sui mercati esteri; -Divisione Private Banking, che serve i clienti appartenenti al segmento Private e High Net Worth Individuals con l’offerta di prodotti e servizi mirati; -Divisione Asset Management: soluzioni di asset management rivolte alla clientela del gruppo, alle reti commerciali esterne al Gruppo e alla clientela istituzionale, svolta attraverso Eurizon Capital e le sue partecipate; -Divisione Insurance: prodotti assicurativi e previdenziali rivolti alla clientela del gruppo, alla divisione fanno capo le società Intesa Sanpaolo Vita, Intesa Sanpaolo Life, Fideuram Vita e Intesa Sanpaolo Assicura e Intesa Sanpaolo RBM Salute.
Amm. Delegato:Carlo MessinaIndirizzo Web:www.group.intesasanpaolo.com
Presidente:Gian Maria Gros-PietroTel:0115551
Indirizzo:Piazza San Carlo, 156Fax:
Comune:TorinoEmail:investor.relations@intesasanpaolo.com
Nazione:ItaliaISIN:IT0000072618
CAP:10121
 Prezzo Variazione [%] Denaro Lettera Volume Max Min
 1,8634 -0,007 [-0,37%] 1,8604 1,8616 134.749.213 1,9184 1,8606
 Aper Chiusura Prec. Cap. di mercato Azioni circolanti VWAP ROE (%) Osc 52 Sett
 1,886 1,8704 36.206.725.323 19.430.463.305 1,88 7,47 1,31-2,63

Valori Principali

(alla chiusura precedente)
Chiusura Precedente1,8704
Cap. di mercato36.342.738.566
Azioni circolanti19.430.463.305
Azioni Privilegiate circolanti-
Azioni Risparmio circolanti-
Azioni Risparmio Convertibili circolanti-

Andamento prezzo azioni 5 anni

Andamento Prezzo Azione

Periodo MaxMin
1 Settimana1,921,83
4 Settimane1,921,38
12 Settimane1,921,38
1 Anno2,631,31
3 Anni3,231,31
5 Anni3,301,31

Grafico Azionisti

Sintesi di Bilancio (in migliaia di euro)

30/6/202030/6/201931/12/201931/12/2018
Margine Gestione Finanziaria e Assicurativa8.956.0008.950.00017.958.00017.594.000
Utile Netto di Gruppo2.566.0002.266.0004.182.0004.050.000
Crediti Verso la Clientela434.929.000413.750.000419.400.000408.148.000
Sofferenze Lorde17.585.000-19.418.00021.734.000
Massa Amministrata747.368.000729.829.000714.855.000695.065.000
Patrimonio Netto Complessivo58.803.00053.872.00056.215.00054.350.000
Raccolta da Clientela (Totale)429.738.000413.975.000416.884.000406.770.000
RISULTATI AL 30 GIUGNO 2019 - Ricavi e margini in lieve flessione per Intesa Sanpaolo nel primo semestre 2019, ma le minori rettifiche su crediti e un tax rate più basso hanno portato a un modesto incremento dell’utile netto.
Gli interessi netti sono scesi del 6,7%, passando da 3.728 a 3.480 milioni.
Anche le commissioni nette sono diminuite del 4,9%, passando da 3.826 a 3.639 milioni; in tale ambito le commissioni da attività bancaria commerciale sono salite dello 0,4%, mentre sono scese del 7,5% quelle da gestione, intermediazione e consulenza, nel cui ambito l’apporto da risparmio gestito è diminuito del 5,3% (le commissioni di performance sono scese da 6 a 2 milioni), quello da intermediazione e collocamento titoli del 14% e quello da prodotti assicurativi del 9,1%.
Il risultato netto dell’attività assicurativa, negativo, è peggiorato da 1.013 a 1.323 milioni.
Ne è derivato un margine di intermediazione primario in flessione dell’11,4% a 5.796 milioni.
Il risultato della gestione finanziaria è invece aumentato del 13,7% a 3.197 milioni (il primo semestre 2018 includeva fra l’altro 264 milioni da valorizzazione e cessione NTV); la componente relativa alla clientela è salita da 225 a 278 milioni, mentre quella di capital markets e attività finanziarie AFS si è ridotta da 382 a 147 milioni (il dato 2018 includeva la citata valorizzazione dell’investimento in NTV) e quella di trading e tesoreria è aumentata da 444 a 642 milioni, mentre quella dei prodotti strutturati di credito da 5 a 23 milioni.
Nel complesso ne è derivato un margine della gestione finanziaria e assicurativa in flessione da 9.352 a 8.993 milioni (-3,8%).
In decisa diminuzione, da 1.244 a 1.009 milioni, le rettifiche su crediti e altre attività.
Così il risultato netto della gestione finanziaria e assicurativa si è attestato a 7.982 milioni (-1,5%).
In diminuzione del 3%, a 2.830 milioni, il costo del personale (in presenza di un numero di dipendenti sceso da 94.829 a 90.888 unità), e le altre spese amministrative sono scese ben del 6,2% a 1.153 milioni.
Nel complesso i costi operativi sono diminuiti del 2% a 4.913 milioni e, così, il risultato della gestione operativa è ammontato a 3.069 milioni (-0,7%).
Dopo proventi da partecipazioni e investimenti passati da 20 a 28 milioni, l’utile ante imposte si è attestato a 3.097 milioni (-0,5%).
Le imposte sono passate da 916 a 832 milioni (e il tax rate dal 29,4% al 26,9%).
Si è così giunti a un utile netto di 2.266 milioni, il 4% in più rispetto ai 2.179 milioni al 30/6/2018.
Al 30/6/2019, applicando i criteri transitori in vigore per il 2019 e tenendo conto dei dividendi maturati, il Common Equity Tier I Ratio era pari al 13,6%, mentre la stima del Common Equity Tier I Ratio pro-forma del gruppo a regime è pari al 13,9%.
RISULTATI 2018 - Positivi i risultati 2018 di Intesa Sanpaolo, ma a partire dall’utile ante imposte va tenuto conto che nel 2017 vi era stato il contributo “una tantum” per l’acquisizione di Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca.
Il margine di interesse è salito del 9,5%, 6.704 a 7.342 milioni.
Sono aumentate del 2,4%, a 7.603 milioni, anche le commissioni nette; in tale ambito le commissioni da attività bancaria commerciale sono salite del 4,3%, mentre sono diminuite del 5,1% quelle da gestione, intermediazione e consulenza, nel cui ambito l’apporto da risparmio gestito è sceso del 2,2% (in presenza di commissioni di performance diminuite da 93 a 18 milioni), quello da prodotti assicurativi del 3,1% e quello da intermediazione e collocamento titoli ben del 20,3%.
Il risultato negativo dell’attività assicurativa si è ridotto del 18,5% a 1.788 milioni.
Ne è derivato un margine di intermediazione primario in aumento del 10,2% a 13.157 milioni.
Nel complesso i ricavi da gestione finanziaria sono scesi del 4,8% a 4.512 milioni, in presenza di un forte incremento del risultato delle attività e passività a fair value (per la valorizzazione a fair value e successiva cessione dell’investimento in NTV, che ha determinato un effetto positivo di 264 milioni, nonché un balzo delle attività di trading e tesoreria).
Ne è derivato un margine della gestione finanziaria e assicurativa in aumento del 6% a 17.669 milioni.
In decisa diminuzione, da 3.162 a 2.535 milioni, le rettifiche su crediti e altre attività, il che ha dato luogo a un risultato netto della gestione finanziaria e assicurativa in aumento dell’11,9% a 15.123 milioni.
In diminuzione del 17,4%, a 5.932 milioni, il costo del personale (in presenza del resto di un numero di dipendenti passato da 97.004 a 92.117 unità), e le altre spese amministrative sono scese del 5,1% a 2.874 milioni.
Ma nel 2017 erano stati conseguiti altri proventi netti per ben 5.902 milioni, di cui 3,5 miliardi per il contributo pubblico a compensazione degli impatti sui coefficienti patrimoniali derivanti dall’acquisizione delle due banche venete, oltre a 299 milioni di effetto positivo derivante dalla valorizzazione a fair value dell’investimento in Bank of Qingdao e della rimanente partecipazione in NTV (non più rientranti tra le imprese sottoposte ad influenza notevole), oltre alla plusvalenza di 811 milioni derivante dalla cessione della partecipazione detenuta in Allfunds.
Così il risultato operativo netto è sceso del 26,6% a 4.838 milioni e, dato che i proventi da partecipazioni sono passati da 1.150 a 177 milioni mentre quelli da cessione investimenti sono balzati da 106 a 452 milioni, l’utile ante imposte è sceso da 7.818 a 5.458 milioni (-30,2%), ma senza il contributo pubblico il dato al 31/12/2017 sarebbe stato di 5.718 milioni.
Le imposte sono passate da 464 a 1.386 milioni (e il tax rate dal 5,9% al 25,4%).
Dopo una quota di utile di competenza di terzi passata da 38 a 22 milioni si è giunti a un utile netto di 4.050 milioni, il 44,6% in meno rispetto ai 7.316 milioni al 31/12/2017; non includendo però il contributo pubblico il dato 2017 sarebbe stato di 3.816 milioni.
Il dividendo 2018 ammonta a 0,197 euro per azione, in pagamento dal 22 maggio 2018.
Al 31/12/2018, applicando i criteri transitori in vigore per il 2018 e tenendo conto del monte dividendi proposto pari a 3.449 milioni, il Common Equity Ratio era pari al 13,5%, mentre la stima del Common Equity Ratio pro-forma del gruppo a regime è pari al 13,6%.
Secondo lo stress test EBA/BCE 2018 il Common Equity Tier I Ratio sarebbe pari al 9,7% a regime nello scenario avverso al 2020, al 10,3% considerando l’aumento di capitale a servizio del piano di incentivazione e la conversione delle azioni di risparmio perfezionati nel terzo trimestre 2018 e all’11,4% se calcolato su base pro-forma.
RISULTATI 2019 - Risultati complessivamente positivi per Intesa Sanpaolo nell’esercizio 2019.
Il margine di interesse è però sceso del 5,7%, passando da 7.342 a 6.924 milioni.
Pressochè invariate (-0,4% a 7.499 milioni) le commissioni nette; in tale ambito le commissioni da attività bancaria commerciale sono scese dell’1,9%, mentre quelle da gestione, intermediazione e consulenza sono salite dell’1,5%, nel cui ambito l’apporto da risparmio gestito è aumentato del 2,9% (le commissioni di performance sono balzate da 18 a 140 milioni) e quello da intermediazione e collocamento titoli del 2,4%, mentre quello da prodotti assicurativi è sceso dell’1,4%.
Il risultato netto della gestione assicurativa è rimasto negativo ed è anzi peggiorato da 1.788 a 2.526 milioni.
Così il margine di intermediazione primario si è attestato a 11.897 milioni (-9%).
Il saldo della gestione finanziaria è invece balzato da 4.515 a 6.061 milioni (+34,2%), ed in particolare il risultato delle attività e passività a fair value è salito del 31% a 1.928 milioni (il 2018 includeva fra l’altro 264 milioni da valorizzazione e cessione NTV); la componente relativa alla clientela è salita da 359 a 534 milioni, mentre quella di capital markets e attività finanziarie AFS si è ridotta da 458 a 181 milioni (il dato 2018 includeva la citata valorizzazione dell’investimento in NTV) e quella di trading e tesoreria è aumentata da 644 a 1.187 milioni, mentre quella dei prodotti strutturati di credito da 10 a 25 milioni.
Nel complesso ne è derivato un margine di gestione finanziaria e assicurativa in aumento da 17.594 a 17.958 milioni (+2,1%).
In decisa diminuzione, da 2.535 a 2.210 milioni, le rettifiche su crediti e altre attività.
Pertanto il risultato netto della gestione finanziaria e assicurativa ha raggiunto 15.742 milioni (+4,6%).
I costi operativi sono rimasti quasi invariati (-0,7% a 10.206 milioni); in particolare il costo del personale è sceso dell’1,8% a 5.825 milioni (in presenza del resto di un numero di dipendenti passato da 92.241 a 89.102 unità), e le altre spese amministrative sono scese ben del 5% a 2.488 milioni.
Ne è derivato un risultato operativo netto in aumento da 4.767 a 5.536 milioni (+16,1%).
Nell’esercizio 2018 il gruppo aveva beneficiato di altri proventi netti per 620 milioni (di cui 443 milioni di plusvalenze derivanti dall’operazione con Intrum), mentre nel 2019 tali valori sono ammontati a 136 milioni.
Nel complesso l’utile ante imposte ha raggiunto 5.672 milioni (+5,3%).
Dopo imposte per 1.564 milioni (tax rate in aumento dal 25,3% al 27,6%) e quota di utili di attività in cessione scese da 48 a 64 milioni, si è giunti a un utile netto di 4.182 milioni, il 3,3% in più rispetto ai 4.050 milioni al 31/12/2018.
Era stato annunciato un dividendo di 0,192 euro per azione, in pagamento dal 20 maggio 2020, per un monte dividendi complessivo di 3.361,9 milioni (di cui 1.330,7 milioni da assegnazione di riserve a valere sulla Riserva Sovrapprezzi di emissione).
Ma alla luce delle raccomandazioni della BCE la distribuzione di dividendi viene sospesa; in tale ipotesi, al 31/12/2019, applicando i criteri transitori in vigore per il 2019, la stima del Common Equity Tier I Ratio pro-forma del gruppo a

Stato Patrimoniale

30/6/202030/6/201931/12/201931/12/2018

Attivo Fruttifero

728.290.000707.489.000519.612.000520.529.000
Crediti verso la clientela434.929.000413.750.000419.400.000408.148.000
Crediti verso banche63.459.00078.253.00049.027.00069.307.000
Attività finanziarie totali229.902.000215.486.00051.185.00043.074.000

Cassa e disponibilità liquide

----

Attività materiali e immateriali

----
Attività materiali----
Attività immateriali----
di cui: Avviamento4.182.0004.163.0004.055.0004.227.000

Attività fiscali

----

Riserve tecniche a carico dei riassicuratori

65.00024.00028.00020.000

Attività in via di dismissione

----

Altre attività

----

Totale Attivo

858.648.000828.365.000816.102.000787.790.000

Massa Amministrata

747.368.000729.829.000714.855.000695.065.000
a) Patrimonio Netto di Gruppo58.582.00053.535.00055.968.00054.024.000
b) Patrimonio Netto di Pertinenza di Terzi221.000337.000247.000326.000
c) Fondo TFR1.073.0001.203.0001.134.0001.190.000
d) Passività  Fiscali----
e) Fondi per Rischi e Oneri3.491.0004.057.0003.997.0005.064.000
f) Raccolta Fiduciaria538.344.000534.059.000520.208.000514.752.000
di cui: Debiti verso clientela351.621.000330.025.000332.007.000324.710.000
di cui: Titoli in circolazione----
di cui: Debiti verso banche108.606.000120.084.000103.324.000107.982.000
g) Passività  finanziarie totali----
Riserve tecniche89.950.00084.710.00089.136.00080.797.000

Passività di attività in via di dismissione

----

Altre passività

----

Totale passivo

858.648.000828.365.000816.102.000787.790.000

Conto Economico - Profit & Loss

30/6/202030/6/201931/12/201931/12/2018
Margine interesse3.475.0003.480.0006.924.0007.342.000
Commissioni nette3.424.0003.594.0007.499.0007.525.000
Premi netti4.461.0004.763.00010.147.0008.180.000
Saldo proventi (oneri) assicurativi-5.077.000-6.086.000-12.673.000-9.968.000
Risultato netto gestione assicurativa-616.000-1.323.000-2.526.000-1.788.000

Margine intermediazione primario

6.283.0005.751.00011.897.00013.079.000
A) Proventi / oneri su attività passività finanziarie----
a) Dividendi e Proventi Simili60.00081.000117.00094.000
b) Risultato Netto Attività di Negoziazione----
c) Risultato Netto Attività di Copertura----
B) Utile (perdita) da cessione o riacquisto798.000814.0001.385.000549.000
C) Risultato netto delle attività / passività finanziarie al fair value----
a) Risultato netto attività valutate al fair value----
b) Risultato netto passività valutate al fair value----

Ricavi gestione finanziaria (A+B+C)

2.673.0003.199.0006.061.0004.515.000

Margine gestione finanziaria e assicurativa

8.956.0008.950.00017.958.00017.594.000
Rettifiche / riprese di valore nette per deterioramento di:-1.753.000-1.009.000-2.210.000-2.535.000
a) Crediti----
b) Altre Attività Finanziarie----
Risultato netto gestione finanziaria e assicurativa7.195.0007.939.00015.742.00015.048.000

Costi operativi

5.076.0004.911.00010.206.00010.281.000
a) Spese Amministrative4.685.0004.746.0009.692.00010.000.000
di cui: Spese per il Personale2.743.0002.830.0005.825.0005.931.000
b) Rettifiche di Valore su Attività Materiali----
c) Rettifiche di Valore su Attività Immateriali----
d) Accantonamenti per Rischi e Oneri-101.000-2.000-73.000-35.000
e) Altri Proventi (Oneri) di gestione331.000420.000774.000733.000

Risultato operativo netto

2.119.0003.028.0005.536.0004.767.000

Altri proventi (oneri)

-28.00028.000136.000620.000
a) Utili (Perdite) delle Partecipazioni-33.00027.00053.000177.000
b) Risultato Netto Valutazioni al Fair Value Attvità Materiali e Immateriali----
c) Rettifiche di Valore dell'Avviamento----
d) Utili (Perdite) Cessione di Investimenti5.0001.00096.000452.000
Utile (perdita) atitività corrente al lordo delle imposte----
Imposte668.000821.0001.564.0001.363.000
Utile (perdita) attività corrente al netto delle imposte----
Utile (perdita) netto attività in dismissione----
Utile (perdita) netto del periodo2.559.0002.265.0004.172.0004.072.000
Utile (perdita) di pertinenza di terzi-7.000-1.000-10.00022.000
Utile (perdita) netto del Gruppo2.566.0002.266.0004.182.0004.050.000
La tua Cronologia
BIT
ISP
Intesa San..
Registrati ora per visualizzare questi strumenti nella tua watchlist streaming.

Il Monitor ADVFN ti permette di visualizzare fino a 110 titoli ed è completamente gratuito.

Per accedere al tempo reale push di Borsa è necessario registrarsi.

Accedendo ai servizi offerti da ADVFN, ne si accettano le condizioni generali Termini & Condizioni

P: V:it D:20201123 19:43:37