Articolo originale pubblicato su Dow Jones English Newswire, traduzione a cura della redazione Il Sole 24 Ore Radiocor.

Di Dan Gallagher

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 19 ott - Le stelle si sono allineate per Netflix nell'ultimo trimestre, ma la realizzazione di sequel di questo successo sarà una sfida.

Il gigante dello streaming ha dichiarato mercoledì di aver aggiunto circa 8,8 milioni di nuovi abbonati netti a pagamento nel terzo trimestre. Si tratta del numero più alto aggiunto in un singolo trimestre dall'inizio del 2020, quando l'interesse per lo streaming televisivo è esploso durante il lockdown per la pandemia. È stato anche il 45% in più rispetto a quanto previsto da Wall Street per quanto riguarda l'aggiunta di abbonati. L'azienda ha dichiarato di aspettarsi un salto simile nel quarto trimestre, che sarebbe superiore ai 7,7 milioni previsti dagli analisti.

Netflix ha dato al pubblico degli investitori un motivo in più per esultare con un nuovo aumento dei prezzi, il primo importante dall'inizio del 2022. Le tariffe mensili di due piani dell'azienda negli Stati Uniti aumenteranno del 15-20%, con il piano premium ad-free che ora costa 22,99 dollari al mese. Il piano premium per famiglie di YouTube è il più costoso tra le opzioni di streaming video, anche se Netflix ha mantenuto invariato il prezzo del suo piano supportato da pubblicità e del suo livello standard senza pubblicità. La mossa porta il costo medio mensile dei piani di Netflix ad aumentare del 10%. Le azioni di Netflix, che hanno perso più di un quarto del loro valore dall'ultimo rapporto sugli utili dell'azienda, sono salite di oltre il 12% nelle contrattazioni after-hours di mercoledì.

Gli ultimi risultati sono il primo vero segno che lo sforzo dell'azienda per ridurre la condivisione delle password ha contribuito a portare nuovi abbonati. Il programma è stato avviato nei mercati più grandi di Netflix circa a metà del secondo trimestre e l'azienda ha dichiarato di essere "in attivo" in tutti i mercati in cui ha introdotto l'opzione per le famiglie di aggiungere membri non domestici al proprio account con un costo aggiuntivo.

Il giro di vite non è stato universale. Nel corso di una conference call tenutasi mercoledì, Greg Peters, co-direttore generale di Netflix, ha dichiarato che "un certo numero di coorti di utenti non ha ricevuto questa esperienza", ovvero la richiesta di iscriversi o di perdere i privilegi di visione.

Nelle prossime settimane e nei prossimi mesi ne arriveranno altre; Peters ha detto che parte del piano dell'azienda è di "avvicinarsi all'utente giusto al momento giusto", il che implica che l'azienda li contatterà quando c'è uno spettacolo che vogliono davvero vedere. Peters ha aggiunto che il giro di vite sulla condivisione delle password comporterà probabilmente un aumento "incrementale" degli abbonati nei prossimi trimestri.

La sfida sarà quella di convertire gli ultimi di questi ritardatari, quando i nuovi spettacoli e film in arrivo sulla piattaforma saranno sempre meno. Gli scioperi paralizzanti di Hollywood, che per mesi hanno bloccato la produzione in tutto il mondo dell'intrattenimento, sono ancora in corso dopo che la settimana scorsa si sono interrotti i colloqui tra gli studios e la Screen Actors Guild-American Federation of Television and Radio Artists. La risoluzione degli scioperi farà aumentare i costi di produzione, lasciando agli studios come Netflix la scelta di aumentare la spesa per produrre più contenuti o di mantenere il livello di spesa e produrre meno.

Netflix ha indicato la sua direzione mercoledì prevedendo una spesa per i contenuti di 13 miliardi di dollari per quest'anno e di 17 miliardi di dollari per il prossimo. Ciò porterebbe la spesa totale per i contenuti nel biennio a 30 miliardi di dollari, in calo rispetto ai 34 miliardi spesi negli anni 2021 e 2022.

Sembra la decisione giusta per Netflix, visto che l'azienda è l'unico grande streamer che produce profitti e flussi di cassa positivi ogni anno. Ma ora è anche lo studio più potente di Hollywood. Ciò significa che non può sfuggire completamente alle sfide che il resto del settore deve affrontare, in quanto la crescita complessiva rallenta e i costi aumentano. Inoltre, Netflix sta ancora lavorando per costruire il suo nascente segmento basato sugli annunci pubblicitari, che non ha ancora un pubblico sufficientemente ampio da produrre entrate sufficienti a spostare l'ago della crescita da solo.

La decisione di Netflix di lasciare inalterato il prezzo del suo livello basato sulla pubblicità è chiaramente volta a porre rimedio a questa situazione. Ma questo sforzo richiederà tempo e non produrrà il boom di nuovi abbonati che gli investitori di Netflix sono soliti premiare. Il direttore finanziario di Netflix, Spencer Neumann, ha dichiarato mercoledì che l'azienda si aspetta un "mix più equilibrato" di crescita dei ricavi e degli abbonati per l'anno prossimo rispetto a quest'anno, quando la maggior parte della crescita è derivata dall'aggiunta di nuovi abbonati.

La caccia agli scrocconi arriva solo fino a un certo punto.

Scrivere a Dan Gallagher all'indirizzo dan.gallagher@wsj.com

 

(END) Dow Jones Newswires

October 19, 2023 07:00 ET (11:00 GMT)

Copyright (c) 2023 Dow Jones-Radiocor
Grafico Azioni Netflix (NASDAQ:NFLX)
Storico
Da Feb 2024 a Mar 2024 Clicca qui per i Grafici di Netflix
Grafico Azioni Netflix (NASDAQ:NFLX)
Storico
Da Mar 2023 a Mar 2024 Clicca qui per i Grafici di Netflix