Articolo originale pubblicato su Dow Jones English Newswire, traduzione a cura della redazione Il Sole 24 Ore Radiocor.

Di AnnaMaria Andriotis

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 29 nov - Apple sta staccando la spina alla sua partnership con Goldman Sachs nel settore delle carte di credito, l'ultimo tassello del tentativo della banca di Wall Street di espandersi nel settore dei prestiti al consumo.

Il gigante tecnologico ha recentemente inviato una proposta a Goldman per uscire dal contratto nei prossimi 12-15 mesi, secondo quanto riferito da persone informate sulla questione. L'uscita riguarderebbe l'intera partnership con i consumatori, compresa la carta di credito lanciata nel 2019 e il conto di risparmio lanciato quest'anno.

Non è stato possibile sapere se Apple abbia già trovato un nuovo emittente per la carta.

La mossa segnerebbe una rapida inversione di rotta per un programma che poco più di un anno fa era stato esteso fino al 2029 e che doveva servire come pilastro delle ambizioni di Goldman sulla strada principale.

Il ritiro è iniziato verso la fine dell'anno scorso, dopo che Goldman ha perso miliardi di dollari nel tentativo di costruire un'operazione full-service per i consumatori.

All'inizio di quest'anno, Goldman ha comunicato ad Apple che avrebbe cercato di scaricare la partnership. Di solito il commerciante, in questo caso Apple, ha un ruolo di controllo in queste partnership.

Goldman ha discusso con American Express la possibilità di cedere il programma al gigante delle carte di credito. Amex ha espresso preoccupazione per diversi aspetti del programma, tra cui i tassi di perdita, e non è chiaro se queste discussioni siano proseguite.

Alcune persone hanno dichiarato che anche Synchrony Financial sta valutando la possibilità di rilevare il programma di carte di credito. Synchrony, il più grande emittente di carte di credito per negozi negli Stati Uniti, concede prestiti a un ampio spettro di consumatori, compresi quelli con punteggi di credito inferiori. Synchrony, che inizialmente aveva fatto un'offerta contro Goldman per il programma di carte di credito Apple, da anni sta cercando di posizionarsi come emittente con stretti legami con le aziende tecnologiche e conta Amazon e PayPal tra i suoi maggiori partner di carte.

Per Apple, questo sviluppo rappresenta una battuta d'arresto per la sua attività di servizi, sulla quale l'azienda ha fatto sempre più affidamento, dato che le vendite di iPhone iniziano a rallentare - anche se, a dire il vero, la partnership con Goldman rappresenta probabilmente una piccola parte di questo flusso di entrate. Nel trimestre di settembre, le vendite complessive di Apple sono diminuite di meno dell'1% su base annua, mentre i ricavi dei servizi sono aumentati di circa il 16%.

Per Goldman, la partnership è stata una parte importante del suo tentativo fallito di diversificare le attività al di là dei grandi clienti aziendali, degli investitori e degli ultraricchi, e la sua scomparsa è l'ultimo grande passo indietro di questo esperimento fallito. Goldman sta tornando a concentrarsi su questi clienti principali.

A novembre l'azienda ha comunicato ai dipendenti l'intenzione di porre fine all'altra partnership con General Motors nel settore delle carte di credito, come riportato in precedenza dal Wall Street Journal. (GM dovrebbe avviare il processo di ricerca di un nuovo emittente). In ottobre Goldman ha accettato di vendere GreenSky, specializzata nella concessione di prestiti per il miglioramento della casa, a un gruppo di investitori. Ha smesso di creare prestiti personali e ha venduto la maggior parte dei saldi.

Il rapporto tra Goldman e Apple ha avuto un inizio difficile. Apple ha fatto pubblicità dicendo che la carta non era di una banca, irritando alcuni dirigenti di Goldman. Apple ha spinto affinché quasi tutti i richiedenti venissero approvati, facendo aumentare le perdite sui prestiti per Goldman.

Apple ha anche insistito affinché i titolari della carta ricevessero la fattura all'inizio del mese, il che ha inondato gli impiegati del servizio clienti di Goldman con le chiamate dei titolari. La maggior parte dei programmi di carte di credito invia le fatture ai titolari di carte su base periodica per evitare questo caos.

In privato, alcuni dirigenti di Goldman incolpano Apple per lo scrutinio normativo a cui la banca è stata sottoposta. L'anno scorso Goldman ha reso noto che il Consumer Financial Protection Bureau sta indagando sulle sue "pratiche di gestione dei conti delle carte di credito", compreso il modo in cui la banca risolve gli errori di fatturazione e rimborsa i titolari delle carte.

La Federal Reserve sta indagando sulla più ampia attività di prestito al consumo di Goldman. Goldman ha spostato i dipendenti dal settore dei prestiti al consumo a un'iniziativa interna denominata Project Blue, incaricata di risolvere i problemi normativi.

Goldman sta cercando di capire come trattenere i dipendenti delle carte di credito fino al trasferimento del conto Apple.

Questo mese la banca ha comunicato ai dipendenti che lavorano nelle partnership con le carte di credito che, in caso di eliminazione del posto di lavoro, avranno diritto a una retribuzione pari a un anno di stipendio. Goldman sta estendendo questo programma ad alcuni dipendenti, tra cui quelli dei settori legale e ingegneristico, che lavorano al di fuori dell'unità di credito al consumo ma il cui obiettivo principale è quello di soddisfare le sue esigenze.

--Aaron Tilley ha contribuito a questo articolo.

 

(END) Dow Jones Newswires

November 29, 2023 03:34 ET (08:34 GMT)

Copyright (c) 2023 Dow Jones-Radiocor
Grafico Azioni Apple (NASDAQ:AAPL)
Storico
Da Gen 2024 a Feb 2024 Clicca qui per i Grafici di Apple
Grafico Azioni Apple (NASDAQ:AAPL)
Storico
Da Feb 2023 a Feb 2024 Clicca qui per i Grafici di Apple