Registration Strip Icon for default Registrati gratuitamente per ottenere quotazioni in tempo reale, grafici interattivi, flusso di opzioni in tempo reale e altro ancora.

News by logo news

Il piccolo rimbalzo tecnico dell’inflazione Usa non spaventa le Borse europee

Avvio contrastato per i principali listini europei, dopo il dato sull’inflazione Usa. Attesa oggi per le indicazioni della Bce. Petrolio in lieve rialzo su tensioni in Medio Oriente per possibile attacco dell’Iran a Israele

di Fabrizio Arnhold, Financialounge.com 11/04/2024

Il piccolo rimbalzo tecnico dell’inflazione Usa non spaventa le Borse europee
Le Borse europee iniziano la giornata all’insegna della cautela, dopo la volatilità di ieri, seguita al dato dell’inflazione Usa, più alto delle attese (+3,5%). A Milano il Ftse Mib apre a -0,13%, il Dax di Francoforte a -0,01%, il Cac 40 di Parigi a +0,10%, l’Ibex 35 di Madrid a -0,12% e il Ftse 100 di Londra a +0,09%. La Borsa di Tokyo chiude la seduta in calo, con l’indice Nikkei a -0,35%, rallentato dal dato americano sull’inflazione.

FED VALUTA TAGLI AI TASSI

I prezzi al consumo negli Stati Uniti sono saliti al 3,5% nei dodici mesi, più delle attese, portando così gli analisti a valutare più probabile un allontanamento del taglio dei tassi da parte della Fed. La prima sforbiciata, quindi, potrebbe arrivare dalla Bce, che si riunisce oggi. Salgono le attese per un taglio dei tassi nel prossimo meeting della Banca centrale europea del 6 giugno.

WALL STREET IN ROSSO

La Borsa di New York ieri ha chiuso in ribasso, frenata dai timori per un allontanamento del taglio dei tassi, con l’indice S&P 500 che ha finito le contrattazioni in calo dello 0,95%. Rallenta l’inflazione in Cina, a marzo ha fatto segnare +0,1%, contro +0,4% delle attese, (-1% su base congiunturale) dal +0,7% del mese precedente. Sul fronte valutario, il cambio euro/dollaro si attesta a 1,0736.

PETROLIO IN LEGGERO RIALZO

Le tensioni in Medio Oriente, con gli Usa che annunciano un attacco imminente dell’Iran a Israele, contribuiscono a tenere alto il prezzo del petrolio. Il Brent scadenza giugno sale dello 0,04% e resta oltre quota 90 dollari al barile, mentre il Wti di pari scadenza scambia a 85,51 dollari al barile (+0,08%). Il gas naturale ad Amsterdam scambia a 27,65 euro al megawattora (+2%). Lo spread apre poco mosso a 137 punti base, con il rendimento del decennale del Tesoro al 3,82%.
Share:
Tutte le news

Solo fonti di qualità

CERCA PER FONTE
button ADVFN Italia News
button Financialounge News


Accedendo ai servizi offerti da ADVFN, ne si accettano le condizioni generali Termini & Condizioni

ADVFN Network