(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 13 nov - Titoli bancari in grande evidenza in Borsa guidati da Monte dei Paschi di Siena che venerdì ha ricevuto un nuovo upgrade al rating da parte dell'agenzia Fitch. Le azioni della banca toscana guadagnano il 6% e sono ai massimi dell'anno, sopra quota 2,85, ma si distinguono anche Banco Bpm (+4,4%) e Bper (+5,2%). In rialzo intorno all'1,5% Mediobanca, nel giorno in cui prende il via il programma di acquisto di massime 17 milioni di azioni (il 2% del capitale) per massimi 200 milioni di euro approvato a fine ottobre dall'assemblea, e Unicredit, che ha confermato l'acquisto del 9% circa della holding di Alpha Bank per quasi 300 milioni di euro. Il buon andamento dei titoli bancari italiani, a cui si aggiunge quello del risparmio gestito, risente della decisione di Fitch di confermare il rating sul debito sovrano italiano (che resta "BBB" con outlook stabile"): l'agenzia prevede un deficit al 5,2% del Pil per il 2023 e al 4,5% per il 2024 (entrambi rivisti al rialzo rispetto alla primavera scorsa), mentre è prevista una discesa al 3,9% per il 2025. Il debito pubblico italiano è atteso calare al 140,3% quest'anno e risalire gradualmente al 141% nel 2025. La sostanziale stabilizzazione di questo rapporto è alla base della volontà di Fitch di confermare l'outlook anche l'agenzia rileva come l'economia italiana ampia, diversificata ed alto valore aggiunto ha comunque fondamentali macroeconomici e fiscali deboli a cominciare da un debito pubblico molto elevato, una politica fiscale relativamente allentata dopo la pandemia, una crescita economica contenuta e rendimenti sui titoli di stato più elevati rispetto al recente passato. Attesa per venerdì la "pagella" di Moody's sull'Italia dopo che sia S&P sia Dbrs a fine ottobre hanno mantenuto invariato il giudizio sul merito di credito del nostro Paese.

Per quanto riguarda Mps, Fitch ha alzato il rating di due "gradini" portandolo da B+ a BB evidenziando il successo del processo di ristrutturazione, che ha consentito alla

Banca di ricostituire in modo strutturale solidi buffer di capitale e di rafforzare la redditività operativa. L'upgrade, scrive Fitch, riflette anche l'evidenza sul fatto che Mps abbia riguadagnato la fiducia della clientela, che è alla base della stabilità della sua base despositi - e la sua abilità di emissione sui mercati all'ingrosso dopo una lunga assenza. La conferma dell'outlook (stabile) riguarda la previsione che i rating della banca abbiano sufficiente spazio per assorbire l'impatto di un rallentamento economico e dell'inflazione sulla qualità degli asset, mantenendo la profittabilità operativa a dispetto della flessione dei margini di interesse. Nel terzo trimestre Mps ha registrato un utile netto di 310 milioni (rosso di 387,5 milioni dello stesso trimestre 2022) riportando il quarto trimestre consecutivo in utile.

Fon

(RADIOCOR) 13-11-23 10:11:57 (0187) 5 NNNN

 

(END) Dow Jones Newswires

November 13, 2023 04:12 ET (09:12 GMT)

Copyright (c) 2023 Dow Jones-Radiocor
Grafico Azioni Mediobanca Banca di Cred... (BIT:MB)
Storico
Da Gen 2024 a Feb 2024 Clicca qui per i Grafici di Mediobanca Banca di Cred...
Grafico Azioni Mediobanca Banca di Cred... (BIT:MB)
Storico
Da Feb 2023 a Feb 2024 Clicca qui per i Grafici di Mediobanca Banca di Cred...