Articolo originale pubblicato su Dow Jones English Newswire, traduzione a cura della redazione Il Sole 24 Ore Radiocor.

Di Kejal Vyas e Collin Eaton

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 1 nov - Qui i nuovi supermercati sono forniti di costate di manzo texano di prima scelta. Un hotel sul lungomare di recente apertura offre suite executive a 750 dollari a notte. La squadra nazionale di cricket, gli Amazon Warriors, sta per avere un nuovo stadio la cui costruzione inizierà la prossima primavera.

Il denaro si sta riversando in Guyana, che si sta rapidamente trasformando da uno dei Paesi più poveri dell'emisfero occidentale nell'economia in più rapida crescita del mondo, secondo il Fondo Monetario Internazionale. La trasformazione economica è spiegata in modo sintetico dallo sponsor che compare sulla maglia della squadra di cricket: Exxon Mobil, il gigante del petrolio con sede a quasi 3.000 miglia a nord.

La Guyana è improvvisamente la prossima grande potenza energetica del mondo. Grazie a una serie di scoperte iniziate nel 2015, la Exxon e i suoi due partner, Hess e la compagnia petrolifera cinese Cnooc, hanno trovato più di 11 miliardi di barili di petrolio al largo delle coste della Guyana, una ricchezza che potrebbe durare per decenni. Alcuni dirigenti del settore petrolifero affermano di non aver mai visto un successo di tale portata nella loro carriera e che non ne vedranno mai più uno simile.

I voli per Georgetown ora sono pieni di lavoratori stranieri del settore petrolifero che cercano di capitalizzare la scoperta. La scorsa settimana, la rivale Chevron ha partecipato alla bonanza, accettando di pagare 53 miliardi di dollari in azioni per acquistare Hess, principalmente per acquisire la partecipazione di quasi un terzo di Hess nel progetto della Guyana.

"È davvero unico al mondo", ha dichiarato in un'intervista l'amministratore delegato di Chevron Mike Wirth. "La più grande scoperta dell'ultimo decennio, una risorsa di alta qualità... e ha un potenziale di crescita senza pari".

Secondo il FMI, dal 2017 le entrate del governo della Guyana sono triplicate, così come le dimensioni della sua economia. Alla fine di settembre, il Paese aveva 1,88 miliardi di dollari provenienti dalle entrate petrolifere e dalle royalties nel suo fondo per le risorse naturali.

L'OPEC, il cartello mondiale del petrolio, ha corteggiato la Guyana affinché diventi il suo ultimo membro e si unisca all'Arabia Saudita e all'Iraq. Finora, la Guyana ha detto di preferire l'indipendenza di pompare tutto il petrolio che vuole.

La scoperta è così preziosa che Exxon e i suoi partner non lasciano nulla al caso per imprimere la propria impronta su di essa e sul Paese stesso.

La Exxon ha speso quasi un miliardo di dollari nell'economia locale e nelle attività di sensibilizzazione della comunità in Guyana, investendo in questa ex colonia britannica ricoperta dalla giungla molto più di quanto abbia fatto in altri mercati di frontiera in Asia e in Africa.

I cartelloni pubblicitari della Exxon incombono sui bordi delle strade e sull'aeroporto di Georgetown, segnalando opportunità di lavoro e promettendo energia domestica più economica grazie a una centrale elettrica alimentata dal gas naturale proveniente dai giacimenti offshore. L'azienda ha finanziato lo sviluppo di un porto in perdita che consentirebbe un flusso più libero di merci e ha elargito denaro a conferenze sull'emancipazione femminile, laboratori di imprenditorialità e gruppi ambientalisti locali.

"Riteniamo che il nostro nome e il nostro marchio siano ora legati al successo di questo progetto per la popolazione del Paese", ha dichiarato Alistair Routledge, country manager della Exxon.

Sia la Exxon che la Guyana, ha detto Routledge, stanno lavorando per aiutare la nazione a evitare la cosiddetta maledizione delle risorse: la tendenza dei Paesi che ottengono improvvisamente una ricchezza massiccia a lasciare che parti dell'economia locale si atrofizzino, soccombendo alla corruzione che concentra le ricchezze tra l'élite al potere.

Questa nuova e stridente realtà ha messo in allarme alcuni abitanti del luogo. Alcuni temono che il loro Paese stia diventando una filiale della Exxon. Una serie di cause giudiziarie ha richiesto una maggiore supervisione della compagnia.

Il vicino Venezuela sostiene che alcuni dei giacimenti che la Guyana sta mettendo all'asta sono all'interno dei suoi confini, riaccendendo una controversia territoriale che risale a più di un secolo fa.

Nel museo nazionale della Guyana, vecchio e con i pavimenti in legno, repliche di formichieri giganti, bradipi e anaconde si trovano senza vita accanto a una mostra sulla Exxon e la scoperta del petrolio.

Tra barattoli di greggio e un modellino di nave da trivellazione, ogni giorno viene proiettato in loop un video con i dirigenti della Exxon e i funzionari governativi che annunciano l'imminente trasformazione della ricchezza del Paese.

Il narratore dice ai visitatori: "Il nostro Paese sta affrontando un viaggio non adatto ai deboli di cuore".

Una ricchezza inaspettata

Inizialmente Exxon e Hess non avevano la minima idea che quello che è noto come blocco Stabroek della Guyana sarebbe stato così prolifico.

Meno di dieci anni fa, John Hess, l'amministratore delegato dell'omonima società che viaggiava in tutto il mondo, non sapeva indicare la Guyana su una mappa.

Con il crollo dei prezzi del petrolio nel 2014, stava cercando un modo per la sua azienda di trovare nuove riserve di petrolio a basso costo al di fuori dei prolifici giacimenti di scisto americani. Hess credeva che la produzione degli Stati Uniti avrebbe iniziato a diminuire nel corso del prossimo decennio e aveva bisogno di pianificare il futuro.

Quando Shell, l'allora partner di Exxon in Guyana, si ritirò dal Paese dopo decine di pozzi esplorativi falliti, Hess si mise all'opera. Nel 2014, Shell vendette le sue azioni a 1 dollaro l'una, dando a Hess una partecipazione del 30% nel progetto a un prezzo che si sarebbe rivelato un affare.

Trentadue dei 37 pozzi testati dal gruppo guidato da Exxon hanno portato alla luce petrolio, di gran lunga il più alto tasso di successo del settore nella storia moderna, hanno dichiarato gli analisti di Bank of America in una nota di giugno. Secondo l'analista Schreiner Parker della società di ricerca energetica Rystad, il gruppo dovrebbe pompare più di un milione di barili al giorno per tutto il 2030.

In un'intervista, Hess ha dichiarato di ritenere che quest'anno il governo della Guyana avrà entrate superiori a 1,5 miliardi di dollari grazie all'accordo di condivisione della produzione stipulato con il consorzio. Nei prossimi tre o quattro anni, il PIL pro capite della Guyana dovrebbe salire al livello del Messico o del Brasile.

"Vogliono che andiamo il più velocemente possibile, ma anche il più responsabilmente possibile, a sviluppare le loro risorse petrolifere e le loro risorse finanziarie", ha detto Hess.

Quando a maggio le autorità della Guyana hanno avuto difficoltà a gestire l'incendio mortale di una scuola in una remota città mineraria, Hess ha offerto un jet per aiutare gli investigatori a trasportare campioni di DNA al Mount Sinai di New York per identificare i resti delle vittime, secondo quanto riferito dal Ministero della Salute.

La Exxon, che gestisce il progetto, e i suoi partner hanno investito finora 40 miliardi di dollari in progetti offshore e ne spenderanno altre decine di miliardi in questo decennio.

Parte della spesa si sta già facendo sentire, anche attraverso la Greater Guyana Initiative, un piano decennale da 100 milioni di dollari per finanziare programmi educativi e formare gli studenti della Guyana alla nuova economia. Presso l'Università della Guyana, il denaro ha contribuito all'espansione della stazione radio, all'acquisto di sedie per la scuola di odontoiatria, all'installazione di laboratori informatici e all'aggiunta di recinzioni e sistemi di sicurezza per arginare gli scippi all'interno del campus, ha dichiarato il Vice Cancelliere Paloma Mohamed Martin.

Il boom petrolifero della Guyana ha dato il via a una bonanza immobiliare. Nuovi centri commerciali, strade e condomini di alto livello si rivolgono ai lavoratori e ai dirigenti del settore petrolifero. Investitori e uomini d'affari provenienti dai tradizionali settori minerario e del legname della Guyana stanno cercando di trarre profitto dall'aumento del valore degli immobili.

"Alcuni di questi petrolieri stanno già venendo a vedere la mia casa", ha detto il commerciante d'oro Sunil Boodhram, mostrando le istantanee delle lussuose unità abitative che ha costruito.

Il venditore di pesce Clifton Anderson ha fatto eco a un ritornello popolare dei guyanesi medi che sono scettici sui benefici del petrolio per il Paese. "A questo punto sembra che il governo sia di proprietà della Exxon", ha detto, accusando il boom petrolifero per l'aumento del costo della vita.

Le sfide di governance derivanti da una profonda divisione etnica nel Paese hanno giocato a favore delle compagnie, hanno affermato ex funzionari governativi e gruppi per la trasparenza.

Finora la Exxon e i suoi partner sono riusciti a destreggiarsi con successo nel controverso panorama politico della Guyana, che da quando ha ottenuto l'indipendenza dalla corona britannica nel 1966 è stata segnata dal conflitto tra i due maggiori gruppi etnici del Paese: i discendenti degli africani ridotti in schiavitù e quelli degli operai indiani.

"Siamo ospiti in Guyana ed è imperativo che i suoi cittadini beneficino della nostra presenza", ha dichiarato Michelle Gray, portavoce della Exxon. "Siamo orgogliosi del nostro contributo e ci auguriamo decenni di prosperità condivisa".

Le tensioni razziali, la debolezza delle istituzioni e la corruzione hanno segnato la politica della Guyana, che è stata dominata da due movimenti politici principali, uno largamente guidato da indo-guyanesi e l'altro da afro-guyanesi. Secondo economisti e funzionari governativi, ciò ha ostacolato lo sviluppo economico e ha spinto molti cittadini a lasciare il Paese.

Azione legale

Tra le cause in corso nei tribunali della Guyana ce n'è una intentata contro l'Agenzia per la protezione dell'ambiente del Paese, che sostiene di aver permesso alla Exxon di ottenere un'assicurazione inadeguata che non avrebbe coperto completamente un eventuale disastro offshore.

Il caso è una delle sette cause che l'avvocato guyanese Melinda Janki ha intentato per conto di cittadini locali che vogliono assicurarsi che la Exxon e il governo rispettino i loro obblighi legali.

"Per le compagnie petrolifere è stato come togliere le caramelle a un bambino", ha detto Janki.

A maggio un giudice nella causa assicurativa si è schierato con i querelanti, ma una corte d'appello ha sospeso la decisione. Se la sentenza definitiva convaliderà la decisione della corte d'appello, la produzione potrebbe essere interrotta del tutto.

Una portavoce della Exxon ha dichiarato che la società ha un'assicurazione adeguata.

Il direttore dell'EPA Kemraj Parsram ha rifiutato di commentare il contenzioso, ma ha negato che la sua agenzia sia legata agli interessi della Exxon.

Tra le voci critiche c'è Vincent Adams, originario della Guyana e direttore dell'EPA della Guyana dal 2018 al 2020. Adams, veterano trentennale del Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti, ha dichiarato di essersi rifiutato di firmare nuovi permessi di esplorazione per il consorzio guidato dalla Exxon fino a quando questo non si fosse impegnato a garantire pienamente l'assicurazione contro i disastri. Aveva anche cercato di creare un gruppo di 36 persone che avrebbero aumentato il controllo delle attività della Exxon.

Il gruppo di esperti non è mai stato assunto, nonostante una sovvenzione di 1 milione di dollari da parte della Banca Mondiale, ha dichiarato Adams, che era stato nominato dal governo precedente. Egli ha dichiarato che i suoi piani per espandere la regolamentazione sono deragliati quando le attività governative sono state bloccate durante una disputa elettorale durata mesi nel 2020. Poco dopo è stato licenziato.

Adams ha dichiarato di essere stato messo da parte perché stava cercando di responsabilizzare la Exxon, cosa che il governo nega.

(SEGUE)

 

(END) Dow Jones Newswires

November 01, 2023 06:11 ET (10:11 GMT)

Copyright (c) 2023 Dow Jones-Radiocor
Grafico Azioni Exxon Mobil (NYSE:XOM)
Storico
Da Feb 2024 a Mar 2024 Clicca qui per i Grafici di Exxon Mobil
Grafico Azioni Exxon Mobil (NYSE:XOM)
Storico
Da Mar 2023 a Mar 2024 Clicca qui per i Grafici di Exxon Mobil