Nella notte italiana tra giovedì 16 e venerdì 17 luglio (ovvero nel tardo pomeriggio statunitense di giovedì) il magnate statunitense Dan Friedkin è tornato a bussare alla porta del connazionale James Pallotta per cercare di trovare una quadra nella lunga trattativa per l'acquisto della Roma.

Secondo quanto risulta a Mf-Milano Finanza, l'offerta del tycoon texano dovrebbe ricalcare quelle fatte in precedenza, ovvero stesso prezzo (490 milioni) ma con l'esborso tutto in cash e senza condizioni. I due uomini d'affari americani si sarebbero accordati su un periodo di dieci giorni per valutare la proposta, ma non è nemmeno detto che si possa arrivare a un pronunciamento anche prima. Insomma al più tardi entro la fine del mese si dovrebbe sapere se il lungo corteggiamento di Friedkin al club giallorosso (le prime voci risalgono all'autunno 2019) sarà andato a buon fine. O invece se il tormentone che sta andando in onda da quasi un anno sull'asse Stati Uniti-Roma continuerà.

Certamente è lecito pensare che Pallotta e i suoi advisor, che a fine maggio avevano rifiutato l'iniziale offerta di Friedkin (in cui era previsto un aiuto del venditore sotto forma di seller financing), in questo arco di tempo continueranno a sondare il mercato per trovare nuovi potenziali acquirenti (che però sinora non si sono ancora palesati).

Nello stesso tempo però rispetto a fine maggio c'è sicuramente una variabile che facilità l'offerta di Friedkin e mette Pallotta sotto una pressione maggiore. Infatti, a meno di un vero e proprio miracolo sportivo, la squadra difficilmente si qualificherà per la Champions League tramite il campionato (al momento solo l'aritmetica alimenta questa speranza). E questo significa che per la società giallorossa l'unica speranza di incassare gli almeno 40 milioni garantiti dalla massima competizione europea passa per l'Europa League, torneo in cui la squadra allenata da Paulo Fonseca sarà impegnata in agosto. Vincendo questa competizione infatti, la Roma si guadagnerebbe il diritto di partecipare alla prossima Champions, ma è bene dire che si tratta di una cosa non semplice visto che la squadra dovrebbe prima eliminare gli spagnoli del Siviglia e poi battere la competizione di avversari quotati come Inter o Manchester United, per rimanere ai club più blasonati.

fch

 

(END) Dow Jones Newswires

July 20, 2020 02:51 ET (06:51 GMT)

Copyright (c) 2020 MF-Dow Jones News Srl.
Grafico Azioni As Roma (BIT:ASR)
Storico
Da Ago 2020 a Set 2020 Clicca qui per i Grafici di As Roma
Grafico Azioni As Roma (BIT:ASR)
Storico
Da Set 2019 a Set 2020 Clicca qui per i Grafici di As Roma