Chiusura in frazionale rialzo, ma sotto i massimi di giornata, per piazza Affari (+0,11%) che prosegue il trend positivo iniziato la scorsa settimana. Segni più anche a Wall Street.

Sul fronte macro da segnalare negli Usa l'indice Ism manifatturiero, che si è attestato a 52,8 punti a luglio, in calo rispetto ai 53 di giugno e leggermente al di sotto del consenso degli economisti a 52,9 punti.

Le spese per costruzioni invece, in base ai dati destagionalizzati, sono scese dell'1,1% rispetto a maggio, mentre il Pmi manifatturiero, nella lettura definitiva di luglio, si è attestato a 52,2 punti, al di sotto del dato di giugno a 52,7 punti e del preliminare a quota 52,3 punti.

Nell'Eurozona, invece, l'indice Pmi manifatturiero definitivo di luglio, elaborato da Ihs Markit, si è attestato a 49,8 punti, in calo dai 52,1 punti di giugno. Il dato è marginalmente superiore alla lettura preliminare e al consenso a 49,6 punti.

Entrando nel dettaglio dei singoli Stati, il Pmi manifatturiero definitivo della Francia si è attestato a 49,5 punti, in calo dai 51,4 di giugno, leggermente inferiore al preliminare e al consenso a 49,6 punti.

Quello della Germania è risultato pari a 49,3 punti, in calo rispetto ai 52 punti del mese precedente, leggermente superiore al preliminare e al consenso a 49,2 punti.

Infine, l'indice Pmi manifatturiero dell'Italia si è attestato a 48,5 punti, in calo rispetto ai 50,9 di giugno, sotto le attese del consenso a 49,3 punti.

A Piazza Affari in evidenza le banche. Bene soprattutto Intesa Sanpaolo (+1,19%) in scia ai positivi giudizi degli analisti dopo la positiva semestrale, Bper (+1,07%) e Mediobanca (+0,67%). In rosso invece Banco Bpm (-0,44%) e Unicredit (-1,25%).

Pesante Exor (-3,66%) dopo che la societá ha deciso di trasferire la quotazione dei propri titoli all`Euronext di Amsterdam da realizzare entro metá agosto. Come conseguenza la società richiederá il delisting dall`Euronext di Milano che entrerá in vigore non prima di 45 giorni di calendario.

In evidenza Saipem (+4,2%), Poste I. (+0,98%) e Generali Ass. (+2,06%) mentre hanno chiuso in rosso Campari (-1,89%), Cnh I. (-3,29%) e Tenaris (-2,68%).

Nel resto del listino sugli scudi Saras (+7,16%) dopo una trimestrale oltre le attese e Net Insurance (+8,09%) che ha festeggiato il passagio allo Star da Euronext Growth Milan.

fus

 

(END) Dow Jones Newswires

August 01, 2022 11:46 ET (15:46 GMT)

Copyright (c) 2022 MF-Dow Jones News Srl.
Grafico Azioni Davide Campari (BIT:CPR)
Storico
Da Ago 2022 a Set 2022 Clicca qui per i Grafici di Davide Campari
Grafico Azioni Davide Campari (BIT:CPR)
Storico
Da Set 2021 a Set 2022 Clicca qui per i Grafici di Davide Campari