Le principali piazze europee trattano intorno alla parità (Milano +0,02%, Parigi -0,09%, Francoforte +0,36%, Londra +0,07%), in attesa della Bce: alle 13h45 verrá annunciata la decisione sui tassi, mentre alle 14h30 è prevista la conferenza stampa della presidente della Bce, Christine Lagarde.

A sostenere il sentiment di fondo sull'azionario è l'insediamento dell'Amministrazione Biden negli Usa, con gli operatori che si aspettano tempi rapidi per il nuovo piano di stimoli proposto dal Presidente.

Sul fronte dei dati macro, in Italia gli ordinativi destagionalizzati hanno registrato a novembre un calo su base mensile e un incremento su base trimestrale; in particolare la riduzione rispetto a ottobre si attesta all'1,3%, mentre l'incremento della media degli ultimi tre mesi rispetto ai tre mesi precedenti è pari al 5,1%.

A piazza Affari, in rally S.Ferragamo (+6,11%), in scia alla notizia che il Cda di Ferragamo Finanziaria (che controlla Salvatore Ferragamo Spa con il 54% del capitale e il 70% dei diritti di voto), che ha cooptato Claudio Costamagna quale membro del Consiglio, in vista della scadenza di marzo per il deposito della lista per il rinnovo del Cda della controllata Salvatore Ferragamo ha iniziato le valutazioni in merito alla nuova governance.

Contrastati gli industriali. Bene Prysmain (+1,32%), Cnh I. (+0,93%), Stm (+0,15%) e Ferrari (+0,06%), mentre perdono terreno Leonardo Spa (-1,90%) e B.Unicem (-0,37%).

Da notare Stellantis (+0,23% a 13,90 euro), su cui Kepler Cheuvreux ha assegnato la raccomandazione buy e il prezzo obiettivo a 18 euro.

Debole il settore bancario con lo spread Btp/Bund poco mosso a 113 punti base, con gli investitori che cercano di navigare il periodo di incertezza politica seguito al ritiro del partito di Matteo Renzi, Italia Viva, dalla maggioranza di governo: Unicredit -0,86%, Mediobanca -0,69%, Bper -0,85%, Banco Bpm -0,82%, Intesa Sanpaolo -0,03%.

Tra le mid cap, sotto i riflettori Erg (+0,70%), dopo le rinnovate indiscrezioni sulla potenziale di cessione delle attivitá Hydro e Gas.

Sull'Aim, denaro su Iwb (+2,17%), che ha confermato il positivo trend di crescita registrato nel corso del primo semestre dell'anno e registra ricavi consolidati al 31 dicembre 2020 pari a 204,3 milioni euro (+29,7% rispetto al 31 dicembre 2019).

cm

 

(END) Dow Jones Newswires

January 21, 2021 05:14 ET (10:14 GMT)

Copyright (c) 2021 MF-Dow Jones News Srl.