"Il Pnrr può aiutare molto per uscire da questa situazione straordinaria, ma è indispensabile realizzare la crescita. Noi siamo l'interlocutore che cerca di fare in modo che questo piano possa essere realizzato. Siamo in condizione di poter supportare aziende e famiglie". Lo ha detto il ceo di Intesa Sanpaolo, Carlo Messina, parlando al webinar "Obbligati a crescere" organizzato da Il Messaggero.

L'Italia, ha proseguito il banchiere, è tra i Paesi "fra i più forti d'Europa come fondamentali. Forse sarebbe il caso di cercare di porre in enfasi i nostri punti di forza". Uno di questi è il risparmio e poi anche la capacità delle imprese di lavorare all'interno avendo una forte vocazione all'export.

Entro il 2026, ha proseguito Messina, Intesa Sanpaolo erogherà 270 miliardi di euro alle imprese nell'ambito del Pnrr. Secondo una previsione di ripartizione del credito, oltre 100 mld potrebbero essere rivolti a innovazione e digitale, oltre 60 mld a progetti di infrastrutture e 80 mld alla circular economy. Si tratta "di una condizione unica" che può "concorrere a fare in modo che attraverso una cinghia di trasmissione si possano far realizzare progetti anche a privati. Senza una banca di riferimento -ha messo in evidenza il ceo di Intesa Sanpaolo- questo non sarebbe possibile".

vs

 

(END) Dow Jones Newswires

May 06, 2021 04:38 ET (08:38 GMT)

Copyright (c) 2021 MF-Dow Jones News Srl.